• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cronaca > Olimpiadi, Malagò: “danno erariale” per scaricare su Virginia Raggi la (...)

Olimpiadi, Malagò: “danno erariale” per scaricare su Virginia Raggi la responsabiltà delle decine di milioni che ha già speso

Amburgo e Boston hanno ritirato la candidatura senza polemiche e clamori, ed i motivi ci sono: gli spagnoli con Barcellona 1992 hanno perso 6 Mld, i greci con Atene 2004 ne hanno persi 10, i cinesi con Pechino 2008 ne hanno persi 40. La Oxford University, con Bent Flyvbjerg uno dei suoi economisti più noti, che ha studiato a fondo la realtà economica dei costi dei Giochi Olimpici e, nel caso italiano, anche i rapporti con il CONI, si è schierata apertamente con Virginia Raggi. Tra l'altro dall'analisi delle carte è risultato che in pratica i giochi sarebbero un assegno in bianco con le clausole dettate dal CONI con lo scarico di tutti i costi sulle casse pubbliche e perciò sui cittadini.

Meccanismi simili a quelli messi in opera dal CONI hanno portato alla levitazione dei costi ad Atene, a Londra 2012 (+ 76%), a Sidney 2000 (+ 90%), ad Atlanta 1996 (+ 151%) con la vetta massima a Montreal (+ 720%). C'è da chiedersi allora perché tanto livore da parte di Giovanni Malagò, l'eroe della Vela, l'opera incompiuta per i mondiali di nuoto della capitale il cui scheletro tutt'oggi la sfregia da chilometri di distanza, prima per un modesto ritardo – a Roma mezz'ora è niente – e poi ancor più dopo il NO definitivo della delibera.

L'uomo del disastro della Vela (e non solo quello) grida come un'aquila al ricorso ai tribunali contro Virginia Raggi per danno erariale (laddove semmai andrebbe chiesto a lui di rendicontare per la Vela...). Perché 20 Mln di danno per il NO ad un qualcosa cui altre città hanno detto no senza alcun clamore e polemica, un NO più che motivato da studi di una delle primissime università al mondo? Il fatto è che se si vanno a spulciare i bilanci CONI 2015 e quello previsionale 2016 si ricava che Giovannino “il bravo ragazzo dei Parioli” ha non solo stanziato ma già speso effettivamente almeno qualche decina di Mln: ossia si è venduta la pelle dell'orso prima ancora di prenderlo. In particolare 10 Mln per: rifacimento di uffici, 450.000 euro per supporti tecnico legali, arruolamento di diverse figure professionali con contratti biennali da 200.000 euro (tra gl'altri: Coordinatrice Diana Bianchedi 190.000 euro + 38.000 quota variabile; direttore comunicazione Fabio Guadagni 200.000 euro + 40.000 di possibili premi; Advisor Roberto Daneo 90.000; Planing manager Simone Perrillo 45.000; …). La logica ancor prima che la giurisprudenza vorrebbe ovviamente che di queste spese fosse responsabilizzato il CONI e dunque “il bravo ragazzo dei Parioli” Giovanni Malagò. E qui si capisce però il perché dell'azione per danno erariale contro la Sindaca Virginia Raggi: si tratta di scaricare le proprie responsabilità economiche e penali su un altro e trovare (more solito) un buon capro espiatorio alle proprie incapacità e frodi.

francesco latteri scholten

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità