• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Obama ad un bivio

Obama ad un bivio

Obama ci comunica: un disastro il PIL americano (-3,8 rispetto all’anno precedente).

Caro Obama, qualunque persona sana di mente, di fronte ad un paese, l’America, che è il paese più indebitato del mondo (strano a dirsi ma è proprio la Cina il principale creditore), farebbe due conti semplici semplici, e comunicherebbe agli americani che la guerra in Iraq (l’aggressione all’Iraq) è costata oltre 3.000 miliardi di dollari, senza contare i costi sanitari per i reduci mutilati, ammalati e le relative pensioni, nonché i risarcimenti alle famiglie dei 4.000 soldati morti, che le spese ordinarie per mantenere l’esercito e le 900 basi militari in tutto il mondo ammontano a 560 miliardi di dollari l’anno, e i risultati prodotti da queste spese imperiali sono che gli USA sono in crisi e sono il paese più odiato da 1 miliardo e 300milioni di musulmani, e forse è ora di scegliere di investire questo denaro in patria.

Nessuna democrazia è possibile nel mondo se il risultato si ottiene solo se sei forte militarmente, e gli USA sono responsabili morali e materiali di questa cultura perché sono il solo paese al mondo che è presente in tutti gli scenari internazionali con enormi apparati militari che usano per fare politica.

Spero proprio che la crisi americana sia più profonda e grave del previsto e costringa Obama a tagliare drasticamente tutte le spese militari, chiudendo tutte le basi fuori dai confini americani, per prime quelle europee che rappresentano un inaccettabile tutela di un grande fratello che teme lo sviluppo della Europa e la forte concorrenza dell’Euro.

Questa sarebbe una svolta, non mi accontento di niente di meno. Gli USA oggi non sono un modello per nessuno, consumano più di quanto producono, sono i più grandi inquinatori del mondo, hanno fabbricato il terrorismo (giova sempre ricordare che gli Usa usarono Bin Laden come terrorista contro i russi in Afghanistan), hanno impestato il mondo di titoli finanziari tossici prodotti dai truffatori delle loro banche, e hanno innescato una crisi mondiale per la quale dobbiamo ringraziare proprio loro.

Vedremo presto se comanda Obama e il buon senso o se le decisioni in America continuano a prenderle il Pentagono e i sionisti.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares