• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Montalbano, i nuovi episodi – l’altro capo del filo

Montalbano, i nuovi episodi – l’altro capo del filo

Tornano in prima serata i nuovi episodidel commissario Montalbano: questa sera tocca al libro “L'altro capo del filo”, un giallo dove si parla anche di immigrazione.
Il filo di un gomitolo è la metafora nuovo caso che il commissario Montalbanodeve risolvere, una vicenda intricata e di difficile soluzione.
Si tratta dell'omicidio della sarta che deve confezionare il suo vestito per un matrimonio imminente, uccisa a colpi di forbice nel suo studio da un assassino che ha infierito su tutto il corpo tranne che sul seno.
Un filo pieno di nodi però, un filo che non scorre libero e che arriva perfino a popolare i sogni di Montalbano, dove un gattino di nome Rinaldo si mette ad inseguire una matassa per la casa di Elena, la sarta, scomparendo tra corridoi e stanze.
 
Un filo che si intreccia ad altre vicende, più attinenti alla cronaca quotidiana di cui leggiamo sui giornali: i continui sbarchi sulle coste siciliane dei “povirazzi” in fuga da carestie, calamità e guerre. Macari dai dittatori africani e nel medio oriente con cui i civili paesi europei hanno buoni rapporti d'affari che, si sa, i soldi non puzzano.
Le persone sì, invece, che puzzano, specie se arrivano stipate sui barconi che attraversano il mare per sbarcare sui porti siciliani, come quello immaginario (ma tremendamente reale) di Vigata, dopo un viaggio “periglioso” durato giorni e costato gli ultimi risparmi e fatiche. In balia di trafficanti di uomini e predoni.
E scambiati pure per pericolosi terroristi dell'Isis.
Sintiva la nicissità, il bisogno di allontanari dalla 'so menti le scene dell'ultimi jorni: il picciotteddro annigato, il flautista crocifisso, la picciliddra violentata, tutti quell'occhi che l'avivano taliato supra alla motonavi. La 'so disciplina di sbirro gli consintiva di fari quello che doviva fari, ma la 'so anima d'omo non ce la faciva a continuari tutta 'sta tragedia”.
 
Una tragedia epocale che ancora i nostri governi e l'Europa non hanno ancora ben compreso, come non hanno compreso e accettato le loro responsabilità.
Anzi, per non avere proprio il peso di questa responsabilità, abbiamo delegato ai regimi (Erdogan) e alle milizie libiche la gestione dei migranti nei loro centri.
 
Buona visione e buona lettura!

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità