• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cronaca Locale > Mascali, via intitolata ad una casalinga

Mascali, via intitolata ad una casalinga

Mascali (Catania) - Era una gran Signora, una brava donna voluta bene da tutti, Maria Musmeci, vedova Ricca, nata a Scillichenti (frazione del Comune di Acireale) il 15 febbraio del 1926 e morta a Mascali (provincia di Catania) il 20 gennaio del 2009.

Una donna inserita nel tessuto sociale, molto vicina alla Chiesa Cattolica e iscritta all'Azione Cattolica di Mascali, il suo Comune di residenza; una persona sempre disponibile verso il prossimo e i bisognosi, rispettosa dei sani princìpi della famiglia.

Una donna generosa che possedeva infinite doti umane, a tal punto che, a ben oltre due anni dalla morte, il Comune di Mascali, per iniziativa del Sindaco Filippo Monforte, ha deciso, per la prima volta in Italia e, forse nel mondo intero, di intitolare una pubblica Via alla Signora Maria Musmeci Ricca, una comune casalinga, con la quale si vuole onorare tutta la categoria delle donne che svolgono lavori domestici.

La cerimonia di intitolazione si è svolta nel tratto del Comune di Mascali compreso tra la Via Carlino e la Via D'Aragona II°, alla presenza delle figlie della defunta casalinga Rosaria e Sebastiana, dei generi Giovanni e Alfredo, del Sindaco di Mascali Filippo Monforte, del Presidente del Consiglio Comunale, Biagio Susinni, del Prof. Carmelo D'Urso in rappresentanza del Consiglio Comunale di Riposto, del Sindaco di Riposto, Carmelo Spitaleri, del Sindaco di Sant'Alfio, Salvatore Russo, e di tanti cittadini.

A Riposto e Sant'Alfio i rispettivi sindaci prenderanno un'analoga iniziativa di intitolare una strada ad una casalinga. “Ho conosciuto poco la Signora Maria Musmeci Ricca poiché svolgo la mia missione di sacerdote a Mascali non da moltissimi anni, ha raccontato durante il suo discorso che ha preceduto la benedizione della cerimonia il Parroco della Chiesa Madre "San Leonardo Abate", Don Rosario Di Bella.

Tuttavia, molti fedeli, che la ricordano fin da tempi lontani come partecipante alle attività dell’Azione Cattolica, mi hanno riferito i grandi pregi di questa donna nel contributo a sostegno del prossimo, della vita sociale, della famiglia, della vita religiosa. Maria Musmeci Ricca era un vero simbolo per tutta la comunità mascalese. L’intitolazione a lei di questa strada – ha concluso Don Rosario Di Bella – rappresenta un cammino che si intraprende verso Dio”. 

"Una donna straordinaria che aiutava sempre il prossimo e i bisognosi e che ricordo fin da ragazzo - ha commentato il Sindaco di Mascali - , con la signora Musmeci Ricca avevamo parecchi amici in comune. Spesso gli amici si recavano da lei per avere consigli, suggerimenti che erano sempre preziosi perché forniti da una donna di grande esperienza umana e sociale.

Ecco perché abbiamo deciso questa volta di intitolare una via non a personaggi illustri della storia o della cultura, bensì ad una umile e comune casalinga, una madre di famiglia, che rappresenterà degnamente questa categoria poco valorizzata dalle istituzioni”. “Mi associo alla scelta del Sindaco Monforte – ha riferito il Consigliere Comunale di Riposto, Prof. Carmelo D’Urso – perché nella figura di Maria Musmeci Ricca tutte le casalinghe saranno onorate, e credo che questo esempio possa ricadere anche nelle scelte di altri comuni che potranno intraprendere un’analoga iniziativa di intitolare una pubblica via a persone umili, poiché anche gli umili debbono essere ben considerati nella società”.

“Ringrazio tutti a nome della famiglia – ha affermato il genero della casalinga alla quale è stata intitolata la strada, Giovanni Pennisi, marito della figlia Rosaria – che con la loro presenza hanno testimoniato l’importanza di questa eclatante scelta sociale. L’ultimo ringraziamento va a te Mariuccia, perché così venivi chiamata in famiglia, grazie per tutto quello che hai fatto durante la tua esistenza, per quello che ci hai dato e per quello che ci continuerai a dare dall’aldilà: tanta forza per continuare su questa terra, grazie”, ha concluso commosso Giovanni Pennisi.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares