• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Manifesto "Algeria libera e democratica"

Manifesto "Algeria libera e democratica"

“Djazair Horra Dimoqratia” dei cittadini algerini residenti in Italia

Noi firmatari, cittadini algerini residenti in Italia, abbiamo scritto questo manifesto per esprimere il nostro sostegno al movimento popolare che scuote la nostra amata Algeria.

Dall’inizio delle proteste in Algeria contro il quinto mandato del presidente Abdelaziz Bouteflika, anche la diaspora algerina organizza raduni in tutto il mondo, così i cittadini algerini residenti in Italia sono usciti ogni sabato, da varie settimane, per sostenere il movimento pacifico e unitario di protesta che muove il corpo e il cuore del nostro amato Paese

Dall’inizio delle proteste in Algeria contro il quinto mandato del presidente Abdelaziz Bouteflika, anche la diaspora algerina organizza raduni in tutto il mondo, così i cittadini algerini residenti in Italia sono usciti ogni sabato, da varie settimane, per sostenere il movimento pacifico e unitario di protesta che muove il corpo e il cuore del nostro amato Paese

Il primo incontro si è svolto sabato 2 marzo, di fronte alla Stazione Centrale della città di Milano, convocato con un appello su Facebook lanciato da cittadini, senza alcun segno di appartenenza partitica o ideologia. E da quel giorno, ogni fine settimana, sono stati organizzati diversi sit-in: sabato 16 marzo e sabato 23 marzo a Milano, domenica 24 marzo e sabato 30 marzo a Roma e sabato 6 aprile a Milano.

Come le manifestazioni fiume che hanno riempito le città algerine ogni settimana da febbraio, la mobilitazione in Italia ha riunito cittadini di diverse regioni dell’Algeria, che parlano tutte le lingue del nostro paese e che sono portatori di diverse opinioni e affiliazioni politiche. Il comune denominatore è e rimane finora il desiderio condiviso di vedere la fine del sistema mafioso e violento che ha dominato il nostro paese sotto il segno della violenza, della corruzione e della disinformazione dall’indipendenza fino ad oggi. La fine del sistema mafioso per sostituirlo con un sistema democratico, trasparente, libero e costruttivo. Infatti, lo slogan “Djazair Horra dimoqratia”, Algeria Libera e Democratica, è quello che unisce tutti i partecipanti a queste proteste.

Gli algerini d’Italia, come tutti gli altri, non sono usciti solo per dire “dégagez”. La forza della mobilitazione non viene unicamente dal RIFIUTO di un sistema malato che ha portato il paese sull’orlo del collasso. Ma contiene anche PROPOSTE concrete di cambiamento.

“Horra dimoqratia” significa rivendicare:

  • la fine dello stato di polizia, della repressione nei confronti delle opposizioni democratiche, e delle frodi elettorali,
  • la fine del clientelismo e dello stato oligarchico, e la fine della profonda corruzione che colpisce tutti e tre i pilastri dello stato: legislativo, esecutivo e giudiziario,
  • fine della messa dell’esercito e dei servizi di sicurezza al servizio della casta mafiosa,
  • la fine dello stato redditiere, dipendente esclusivamente dalle riserve di combustibili fossili e del saccheggio delle risorse economiche del paese e dalla distruzione del suo patrimonio culturale e naturale.

Ma “Horra dimoqratia” significa anche:

  • Stato di diritto, libertà di espressione, di opinione e di coscienza,
  • rispetto delle libertà e dei diritti politici, sociali e culturali di tutti i componenti individuali e collettivi della società algerina e la promozione della pacifica convivenza tra di essi.
  • uno stato che difende i diritti umani e l’uguaglianza di genere contro tutte le forme di discriminazione contro le donne o qualsiasi altro criterio di segregazione
  • per un’amministrazione onesta e trasparente,
  • per una giustizia indipendente,
  • per un esercito e delle istituzioni di sicurezza al servizio della nazione e controllate da istituzioni civili elette dal popolo.
  • Per programmi di sviluppo economico al servizio del paese e rispettosi degli interessi delle persone e della bellezza e della ricchezza del patrimonio naturale e culturale unico della nostra splendida nazione.
  • Per un‘efficace politica sociale che garantisca una vita dignitosa per ogni cittadino e promuova le pari opportunità per tutte le categorie sociali attraverso una giusta redistribuzione delle ricchezze del paese.

I firmatari, membri della comunità algerina in Italia denunciano tutti gli atti di repressione contro i manifestanti pacifici in Algeria e continuerà la mobilitazione in Italia fin che il popolo algerino continuerà a lottare per chiedere soluzioni reali ai problemi del paese e un piano di uscita dalla crisi, gestito con procedimenti trasparenti e da un’assemblea di persone conosciute e scelte per la loro integrità e le loro capacità.

Italia , 10/04/2019
Collettivo Algeria Libera democratica – Italia

Contati per aderire o entrare in contatto:
Email: CALD.ITALIA@gmail.com

Pagina Facebook: CALD – ITALIA

elenco firmatari

———————————–

اقرأ النسخة العربية هنا

Lire la version en langue français

ɣer-it s tmaziɣt

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità