• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > Lega: dalla secessione all’indipendenza consensuale?

Lega: dalla secessione all’indipendenza consensuale?

E' probabile che le notizie sulle vicende interne della Lega verranno nei prossimi giorni oscurate dal dibattito prevedibilmente acceso sulle misure del governo Monti in campo economico e sociale. Sarebbe però un errore non prestare la dovuta attenzione a quanto uscito dalla riunione di domenica scorsa del sedicente parlamento padano in quel di Vicenza. La parola d'ordine della "indipendenza consensuale", anticipata il giorno stesso dal quotidiano della Lega, la Padania, per pilotare il partito in modo indolore sul nuovo obiettivo non è semplicemente un altro modo, meno ruvido e meno inquietante, di dire secessione, ma - se le parole hanno un senso - è qualcosa di ben diverso. Si potrebbe dire che c'è stata una vera e propria svolta nella politica della Lega, anche se, come in tutte le formazioni totalitarie, il cambiamento viene presentato come continuità con le precedenti posizioni.

La secessione, da sempre nel dna della parte più esagitata e pecoreccia della base, invocata a gran voce nell'ultimo raduno di giugno nel pratone di Pontida, non ha mai convinto del tutto una parte non secondaria del partito, soprattutto quella parte meno ideologizzata e più pragmatica legata alle collocazioni istituzionali periferiche, a partire dai sindaci. Lo scenario evocato dalla secessione è sempre stato quello di un atto unilaterale nei confronti delle istituzioni centrali della stato, un atto in contrasto frontale con la Costituzione, da ottenersi con ogni mezzo proprio in quanto unilaterale. Lo sporadico richiamo alle modalità pacifiche e democratiche con cui ottenere l'obiettivo finale - il distacco dal resto della società italiana - è sempre stato non credibile proprio perché in contraddizione con l'idea stessa della secessione, che di per sé evoca scenari drammatici, al limite di tipo jugoslavo.

L'indipendenza consensuale invece - sempre se le parole hanno un senso - rappresenta un vero e proprio salto a lato nelle modalità per perseguire l'obiettivo finale, dove il termine importante non sta tanto nel sostantivo, l'indipendenza, quanto nell'aggettivo: consensuale. Proprio perché la consensualità presuppone trattativa e non scontro ad ogni costo. In questo caso lo scenario evocato, decisamente più rassicurante e meno inquietante per chi nella Lega non ha portato il cervello all'ammasso del bossismo d'antan, è di tipo "cecoslovacco", quando all'inizio del 1993 dopo il crollo dell'Urss le popolazioni ceche e slovacche decisero autonomamente in modo incruento e pacifico di costituirsi in due stati diversi, la Repubblica ceca e la Slovacchia.
Questo cambio di registro da parte del vertice leghista non è tanto di tipo strategico, dato che la "padania" è e rimarrà una reazionaria terra promessa, quanto di tipo tattico: compattare le due anime della Lega, quella istituzionale e apparentemente bonacciona e quella vociante e velleitaria, in vista delle prossime scadenze elettorali, quando la Lega spera, in quanto unica opposizione parlamentare, di recuperare il consenso in gran parte perduto durante gli anni della collaborazione con il Pdl. In definitiva, se la secessione unilaterale rimarrà sulla carta una parte della Lega potrà sempre rimproverare i dirigenti e lo stesso Bossi di scarsa determinazione nel portare avanti l'obiettivo, riaprendo nelle fila del partito le vecchie spaccature. Se il progetto di separazione consensuale non farà passi in avanti si potrà sempre dire che la colpa è "degli altri", di chi non vuole accettare la trattativa, o pone condizioni pregiudiziali inaccettabili, e quindi che bisogna aspettare tempi migliori, senza dimenticarsi naturalmente e nel frattempo di perseguitare ove possibile immigrati, zingari e musulmani, e di seminare a piene mani odio sociale.

Da sempre la Lega ci ha abituato a dichiarazioni e proclamazioni roboanti fatte a uso e consumo del proprio elettorato. Gli articoli del quotidiano leghista di questi giorni ne sono una ennesima conferma: "La Padania pronta a riprendersi il futuro"; "Il popolo padano che, senza indugi, elegge per acclamazione alla carica di presidente del Parlamento" con un "boato di approvazione" il sempre rubizzo Calderoli, che anche alle nove del mattino sembra reduce da un'abbondate bevuta con gli amici in osteria; ecc. Pagine di involontario umorismo che in parte risarciscono i blogger di tutta la rete per l'improvvisa e inaspettata sparizione dalla scena politica dell'uomo di Arcore. Ma, al di là di questo, andrebbe colto il fatto che Bossi e i suoi hanno di fatto scaricato giovani padani e ragazzotti di Pontida, lasciandoli liberi con le loro corna di comportarsi come se fossero sul set di Braveheart, e hanno optato per i pacifici e reazionari bottegai del varesotto e i facoltosi commercialisti del nord est con clientela altrettanto facoltosa. Tenendo sempre presente però che una Lega forse non più ringhiante non è per questo meno pericolosa.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.7) 6 dicembre 2011 12:35

    Speriamo che questo nuovo corso della Lega abbia successo e che si arrivi ad ottenere l’indipendenza politica del Nord unitamente alla riduzione della percentuale di stranieri regolarizzati e non, attraverso l’attuazione di nuovi strumenti giuridici come il rimpatrio consensuale e incentivato ricorrendo all’espulsione forzata solo come ultima risorsa.

    • Di Bruno Carchedi (---.---.---.10) 6 dicembre 2011 15:00

      La Lega ha ormai abbandonato la secessione, proposta di divisione della società italiana basata su criteri pseudo etnici e di pseudo convenienza economica. Proposta infame ma concreta, da conquistarsi in modo unilaterale, cioè con la forza, cioè con le armi. La nuova parola d’ordine dell’indipendenza consensuale è solo aria fritta. Infatti con chi dovrebbe trattare la Lega? Con lo stato italiano basato sulla Costituzione che dice che la Repubblica italiana è "una e indivisibile"? Sarà bene che i leghisti, e tutti quelli che la pensano come loro, se ne facciano una ragione. Quanto poi agli stranieri, i criteri di civiltà vogliono che chi risiede stabilmente in un paese abbia la cittadinanza in quel paese. Il cosiddetto "ius sanguinis" è solo un patetico residuo medioevale, che può piacere solo a chi ha la testa girata all’indietro.

  • Di (---.---.---.110) 6 dicembre 2011 13:20

    La cosa curiosa della lega è che non si rende conto (o fa finta) di non rappresentare che in minima parte il Nord-Italia, si comporta come se fosse votata da almeno il 50% della popolazione del Nord, quando invece non arriva al 20%.

    • Di Bruno Carchedi (---.---.---.10) 6 dicembre 2011 15:09

      Quello che dici è vero. Non solo, ma i leghisti ragionano ancora come se fossero al governo con il loro potere di ricatto. Non è più così, per fortuna, e quindi i loro aprire la bocca per fare proclami velleitari serve solo per fare prendere aria ai denti.
      Grazie per il tuo commento. A risentirci.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares