• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tempo Libero > Musica e Spettacoli > La nuova stagione di Musikamera al Teatro La Fenice

La nuova stagione di Musikamera al Teatro La Fenice

14 Concerti di qualità dal 30 gennaio al 13 novembre

Conclusasi da poco, con un bilancio felicemente positivo, confermato dalla presenza numerosa di un pubblico di appassionati, la prima stagione di Musikamera, è già tempo di proiettarsi al futuro. Il 30 gennaio partirà infatti la stagione 2018, che si articola nuovamente in dodici doppi concerti nelle sale Apollinee e due in data singola nella sala grande del teatro La Fenice. Seguirà un percorso che tocca punti significativi della letteratura cameristica dal Settecento al Novecento. Tre sono i temi e le idee principali che contraddistinguono il programma:

la conclusione dell’integrale dei trii di Beethoven, a cura del Trio di Parma (18-19 aprile; 28-29 ottobre);

la commemorazione del centenario della scomparsa di Debussy con due concerti monografici (Benedetto Lupo, pianoforte, 30-31 gennaio; Lorna Windsor, soprano, Antonio Ballista, pianoforte, Enzo Restagno, narrazione, 28 e 29 marzo) e altri brani in programmi a più autori (29-30 aprile; 18-19 giugno );

l’inaugurazione di un ciclo Brahms, che nell’arco di qualche anno, porterà alla Fenice l’integrale della musica da camera. Nel 2018 sono in programma due concerti monografici (Avos piano quartet, 14-15 marzo; Paolo Barragan, clarinetto, Juan Pérez Floristan, pianoforte, Andrei Ionita, violoncello, 27-28 maggio).

Tra gli interpreti, scelti fra i più importanti nomi del panorama internazionale, spiccano i due recital pianistici in sala grande, affidati al virtuoso russo Arcadi Volodos (9 aprile), specialista di Schubert, Brahms, Liszt e Rachmaninov e al polacco Rafal Blechacz (8 ottobre), interprete di irresistibile energia e di penetrante espressività.

Nelle sale Apollinee, oltre al pianista Lupo, alla soprano italo-inglese Windsor, al trio ispano-rumeno Barragan-Floristan- Ionita, si esibiranno il pianista croato Ivan Krpan (2-3 ottobre), gli svizzeri Christian Poltera, violoncello ed Esther Poppe, violino (concerti conclusivi del 12 e 13 novembre), la flautista Laura Pontecorvo, con Rinaldo Alessandrini, clavicembalo, specialisti di musica barocca (10-11 settembre) e tre dei più apprezzati quartetti italiani : il Quartetto di Cremona (18-19 giugno), il quartetto Prometeo (21-22 febbraio) e il citato Avos Piano quartet. Infine, sostenuta dall’Associazione “Musica con le ali”, è stata invitata la diciottenne violoncellista Erica Picotti, un talento emergente, che suonerà Brahms e Debussy con il pianista Roberto Arosio (29-30 aprile).

A commento finale, è doveroso aggiungere che si tratta di una stagione multiforme, pensata per tener vivo in città l’amore per il genere cameristico, con l’ambizione di rendere Musikamera e Venezia competitive con le maggiori istituzioni concertistiche di tutto il mondo.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità