• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > La Rivoluzione può attendere

La Rivoluzione può attendere

Puntuali. Come sempre. Ad ogni moto di piazza negli Stati vicini, ad ogni nuovo scandalo, si leva sul web la protesta mediatica. Foto, slogan, persino qualche articolo, che ci indicano come un popolo “pecorone” rispetto agli altri che in questo momento protestano vivacemente e violentemente. Una lettura dei fatti che può essere vera per il passato, ma che a mio giudizio non fotografa con precisione la situazione italiana.

Intanto, bisogna partire da una considerazione: mantenere la pace sociale in un momento difficile come questo è un merito. E da un dato di fatto: la nostra rivoluzione l’abbiamo già vissuta. Violenta e plateale. Ed è quella che è andata in scena a Roma il 15 ottobre 2011. Anche allora, sull’onda emotiva, tutti si sono scagliati contro i “teppisti”. Ma quella giornata era a tutti gli effetti una rivolta, contro un Governo corrotto, repressivo, incapace, che bloccava il paese moralmente e economicamente per riuscire a mantenere il proprio sistema di potere. (Solo il giorno prima il Governo in carica - Lega, Pdl e “Responsabili” - aveva conservato la maggioranza in Parlamento per pochi voti di scarto, anche grazie a qualche voto comprato. Proprio come successe nel dicembre 2011, quando alla votazione seguirono altri incidenti di piazza)

Dopo la giornata del “sacco” di Roma dello scorso ottobre, fortunatamente si riuscì a cambiare rotta. In ritardo, rispetto al dovuto, ma in tempo per evitare nuovi scontri. Il Governo Monti ha segnato un cambio netto con il passato. Con un Governo composto non da faccendieri, intenti solo a perseguire i propri interessi personali, ma da tecnici entrati in campo per perseguire l’interesse comune e tentare di risollevare l’Italia. Si può certo obiettare sulle loro scelte, discuterle, criticarle, condividerle o meno, ma è innegabile che lo sforzo che mettono in campo, in una cantina abbandonata, è quello di rimettere le cose in ordine. 

E’ bastato questo per placare i venti rivoluzionari. Ma non solo. Si percepisce che questo Governo non ostacola la ricerca della verità, non copre gli scandali politici, non difende gli evasori. Anzi, emerge quasi una separazione tra la condotta dei parlamentari eletti, che si mostrano incapaci di cambiare i loro atteggiamenti anche in questo momento di crisi e consapevolezza, come dimostra il caso Lazio, e la condotta di questa classe politica di cosiddetti tecnici.

Non si sono sottomessi. Gli italiani. Hanno capito che a questo Governo per il momento non ci sono alternative. Hanno sospeso il proprio giudizio, in attesa di sapere quello che succederà. I partiti tentennano: hanno titubato sul taglio ai rimborsi elettorali dopo il terremoto in Emilia, hanno dato vita ad una spartizione per le nomine dell’Agcom, pur con qualche sostanziale differenza da non dimenticare, faticano a fare una legge elettorale, hanno continuato a spartirsi denari a livello regionale. Hanno continuato a perpetrare i loro comportamenti criminosi, nonostante tutto intorno si richiedesse onestà e pulizia. Ecco, se i partiti non mostreranno di avere capito il bisogno di aria nuova che c’è per le prossime elezioni, allora si rischieranno davvero moti di Piazza. Con buona pace dei rivoluzionari della tastiera. 

NEL VIDEO: Scene che non vorremmo mai vedere, la Polizia Spagnola come al G8 di Genova

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares