• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cronaca > La Ponte Connection dell’Università degli Studi di Messina

La Ponte Connection dell’Università degli Studi di Messina

Inchieste giudiziarie e ricercatori sostengono che il Ponte sullo Stretto di Messina, più che due sponde, servirà a congiungere due cosche, o meglio, le due grandi holding criminali che controllano il territorio e l’economia in Calabria e Sicilia. Nell’Università di Messina, però, mafia e ?ndrangheta operano in collegamento perlomeno sin dagli anni ’70, quando anche grazie a certi "studenti" di estrema destra e all’occhio benevolo degli inquirenti, l’Ateneo divenne il laboratorio sperimentale di un’alleanza politico-criminale che avrebbe colto i suoi frutti con la stagione delle stragi del 1992-93.

La Ponte Connection dell'Università degli Studi di Messina

Mafia e ‘ndrangheta hanno messo le mani su grandi e piccoli affari dell’università dello Stretto: dagli appalti per la realizzazione del Policlinico a quelli per la gestione di mense e servizi; dalla compravendita di esami e titoli di studio al traffico di armi e stupefacenti all’interno dei locali universitari. Non sono mancati gli attentati e i ferimenti di docenti e studenti e finanche un morto eccellente, il professore Matteo Bottari, noto endoscopista, barbaramente assassinato a Messina 13 anni fa.
 
Senza aver mai promosso un serio dibattito sulle origini e le modalità con cui è proliferato il cancro criminogeno nell’università, i vertici accademici hanno pure impedito che l’istituzione ponesse attenzione alle problematiche di tipo sociale, economico, ambientale e criminale relative alla realizzazione del Ponte sullo Stretto, la più impattante delle Grandi Opere in Italia. Adesso che il governo annuncia a tamburo battente l’avvio dei lavori e si avverte tra Scilla e Cariddi il profumo dei primi milioni di euro, l’Università di Messina fa la sua scelta di campo, quella di abdicare definitivamente alle proprie finalità di promozione della ricerca e dell’interesse pubblico. Secondo quanto rivelato dal quotidiano on line Tempo Stretto.it, le massime autorità dell’Ateneo e i manager di “Eurolink”, l’associazione d’imprese general contractor per i lavori del Ponte, starebbero per definire un accordo finalizzato a coinvolgere direttamente l’Università nella progettazione esecutiva dell’imponente opera.
 
“Non abbiamo ancora deciso in che modi e in che tempi l’Università potrà partecipare alle fasi preliminari e di studio per la costruzione del Ponte, ma come ha sottolineato l’amministratore delegato della Stretto di Messina Spa, Pietro Ciucci durante la sua ultima visita in città in occasione della presentazione ufficiale del progetto definitivo, anche l’Istituzione universitaria potrà svolgere un ruolo di primo piano”, ha dichiarato a Tempo Stretto il rettore Franco Tomasello. “L’idea – ha spiegato Tomasello - è quella di creare un Laboratorio di ricerca nel quale far convogliare le migliori professionalità dell’Ateneo e magari offrire una vetrina ai giovani messinesi che hanno conseguito il Dottorato di ricerca o frequentato un Master. Ci siederemo attorno a un tavolo con il direttivo di Eurolink e proveremo a mettere nero su bianco un accordo che soddisfi tutti”.
 
Secondo il quotidiano on line, l’Università avrebbe già individuato il sito in cui potrebbe sorgere il “laboratorio” pro-Ponte: si tratterebbe dell’incubatore realizzato all’interno del polo universitario scientifico del Papardo, su una collina prossima ai cantieri di uno dei due piloni della mega-infrastruttura. Sorto per accogliere le imprese specializzate in “produzioni hi-tech e spin-off da ricerca” provenienti principalmente dall’Ateneo, l’incubatore è stato concesso in uso a Sviluppo Italia Sicilia, ente acquisito recentemente dalla Regione Siciliana che è pure azionista di minoranza della società concessionaria della realizzazione del Ponte. Il complesso edilizio all’interno del polo universitario si estende su un’area complessiva di 4.400 mq ed è stato finanziato con i fondi della legge 208/98 per gli “interventi di promozione, occupazione ed impresa nelle aree depresse”. Sino ad oggi è rimasto inutilizzato, ma qualora fosse formalizzata la sinergia con l’Università, esso potrebbe ospitare pure gli uffici delle società general contractor del Ponte (Impregilo, Sacyr Sa, Società Italiana per Condotte d’Acqua, Cooperativa Muratori & Cementisti di Ravenna, Ishikawajima-Harima Heavy Industries CO, Aci Scpa – Consorzio Stabile).
 
Amore non recente quello del rettore Tomasello per il collegamento stabile nello Stretto. Il 14 maggio 2009, egli era stato il moderatore di un incontro pubblico, patrocinato dall’Ateneo, con il professor Enzo Siviero, ordinario di Teoria e Progetto di ponti alla Iuav di Venezia e vicepresidente del Consiglio universitario nazionale. “Il ponte sullo Stretto di Messina è l’occasione per dare continuità alle due sponde, il simbolo istituzionale della futura area metropolitana dello Stretto”, dichiarò allora Siviero. “Se davvero vogliamo ridisegnare la Sicilia, è necessaria un’operazione culturale strategica che veda al centro la realizzazione di questa grande struttura”. E chi meglio di un Ateneo può essere il motore di siffatta “operazione culturale”?
Controverso destino quello di Franco Tomasello. Da una parte tutto sembra presagire che il Magnifico Rettore passerà alla storia per apporre il sigillo dell’Ateneo sul progetto della biblica colata di cemento sulle sponde dello Stretto. Dall’altra, però, a sbiadirne l’immagine, restano i due provvedimenti di sospensione dall’incarico di rettore (per due mesi cadauno), ordinati negli anni scorsi dal Tribunale di Messina. L’ultima sospensione, nel dicembre 2008, è giunta a conclusione dell’inchiesta su un presunto “concorso pilotato” nella facoltà di Veterinaria. Tomasello e altri 22 indagati sono stati rinviati a giudizio e il processo è ancora in corso. Secondo il professor Giuseppe Cucinotta, membro interno della commissione concorsuale, i vertici dell’Università avrebbero voluto che la selezione fosse vinta dal figlio di un ex preside di Veterinaria. Durissimo il pronunciamento del giudice per le indagini preliminari: “Il Tomasello utilizza la sua autorevole posizione di Rettore presso l’Università degli Studi di Messina per intervenire, abusando dei propri poteri nell’assegnazione di incarichi e posti di lavoro. La sua gestione della cosa pubblica, lungi dall’essere improntata a regole di trasparenza ed imparzialità, è invece molto più “pragmaticamente” mossa dalle esigenze di favorire chi può evidentemente ricambiare. La logica dello scambio reciproco, che inquina la sua azione amministrativa ed esprime una disinvoltura non comune, porta a ritenere concreto il pericolo di reiterazione del reato”.
 
Ancora più duro il giudizio espresso nel 2007 dai giudici del Tribunale del Riesame nel provvedimento di conferma di quella che era stata la prima sospensione dalle funzioni di rettore. Di Tomasello si stigmatizzava l’“allarmante ostinazione manifestata nella conduzione clientelare della propria carica” - e la “pericolosa quanto diffusa inclinazione alla rimozione assoluta del disvalore morale insito nelle condotte in esame ed alla sua sostituzione con un atteggiamento di compiaciuta, disinvolta ed opportunistica solidarietà rispetto al beneficiario dell’abuso, che poco giova al prestigio e all’autorevolezza dei pubblici uffici coinvolti in simili dinamiche”.
Oggetto d’indagine allora, il comportamento assunto da Franco Tomasello per “favorire” l’assunzione come dirigente di Medicina del lavoro al Policlinico, dell’ex presidente del consiglio comunale di Messina, Umberto Bonanno (Psi - Forza Italia). Già al centro del procedimento “Oro grigio” su un supposto giro di tangenti per la lottizzazione di un complesso edilizio in un’area ad alto rischio geologico, secondo l’accusa, Bonanno avrebbe ottenuto l’incarico “su pressioni del Tomasello e della moglie”, presentando certificati e attestazioni, “alcuni dei quali ritenuti falsi”, recanti la firma dell’allora vice-ministro all’Istruzione e alla Ricerca Universitaria, Nanni Ricevuto (successivamente sottosegretario con delega ai lavori del Ponte), odierno presidente della Provincia di Messina.
 
“Emerge in modo assolutamente chiaro come sia in corso fra il rettore Tomasello ed il duo Bonanno-Ricevuto un continuo, capillare scambio di favori”, si legge nell’ordinanza di sospensione di Franco Tomasello, pubblicata sul sito di Enrico Di Giacomo. “È in questa logica che il Tomasello si attiva per favorire il Bonanno ed è in questa logica che costui ‘lavora’ per assicurare al Tomasello il suo intervento presso il Ricevuto. Ed infatti non è un caso che vi sia una fitta serie di contatti tra i due e che, al contempo, Tomasello rassicuri il Bonanno circa la sua disponibilità nei suoi confronti allorché all’indomani dalla sconfitta delle elezioni amministrative evidentemente cerca di ricollocarsi il più comodamente possibile nel mondo lavorativo”.
 
Ma la fitta “rete di contatti” dell’ex presidente del consiglio comunale non riguardano solo la sua “promozione” a dirigente di Medicina del lavoro del Policlinico universitario. Nel corso di una telefonata del 13 dicembre 2005, Umberto Bonanno si sofferma con l’interlocutore sul contrastato iter del Ponte sullo Stretto. “Poi ora c’è la storia del Ponte”, afferma Bonanno. “E chi la ferma più? Genovese (l’allora sindaco di Messina Francantonio Genovese, Nda)? No, Peppe, il Ponte non lo ferma più nessuno… E quella famosa convenzione con l’Università è stata fatta. Ed all’interno della convenzione c’è anche la questione della sicurezza dei cantieri, giusto? E la sicurezza dei cantieri, ora bisognerà fare una specifica convenzione con il General Contractor e l’istituto di Medicina del lavoro… Hai capito, si arriverà a questa cosa, si farà… Non è un problema e quella darà la possibilità e l’opportunità…ouh! Dieci milioni di euro di contratto… Se questo contratto verrà fatto è grazie ad Umberto Bonanno… Questa cosa si fa, figurati… Tra l’altro Pietro Ciucci a me ha offerto un posto di lavoro! Ciucci mi ha detto: “Va bene, visto che sei libero, allora noi avremmo bisogno…”; gli ho detto io: “ti ringrazio, cose varie… ma sai, non è la mia aspirazione fare il dipendente della società Stretto di Messina… Quale dipendente della Stretto di Messina, Umberto… mi sono spiegato male”. Io gliel’ho detto di proposito…”.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità