• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > L’Egitto dichiara guerra a tutto campo a chi denuncia i crimini della (...)

L’Egitto dichiara guerra a tutto campo a chi denuncia i crimini della dittatura, e l’Occidente tace

Già da tempo la libertà di critica in Egitto era limitata al minimo. Più volte i social sono stati presi di mira, censure e intimidazioni sono all'ordine del giorno, dentro e fuori la patria egiziana. Perché tutto ciò che può minare il potere della dittatura egiziana al potere viene liquidato come terrorista con le pesantissime conseguenze che ne derivano.

 A settembre in Egitto si sono viste in piazza migliaia di persone protestare grazie ai video diffusi nei social con l'operazione i segreti di Mohamed Ali.Qui se ne è data informativa prima che altrove. Chi lo ha reputato uno sprovveduto, chi un eroe, 1 milione di persone seguono quel profilo nei social, anche più a dire il vero, partendo dalla corruzione che connota il marciume del sistema egiziano per arrivare a richiedere democrazia sui modelli europei. Il muro della paura è stato colpito, ma ancora non abbattuto.Perchè la reazione in Egitto è stata pesantissima. 
 
Una reazione che dalla piazza passa anche ai social, ai media come ha reso noto il dittatore egiziano. "Gli egiziani sono chiamati oggi a combattere e vincere una nuova guerra: quella contro le calunnie mediatiche". Le critiche che stanno colpendo il regime vengono chiamate come calunnie mediatiche. Dei segnali in cosa consiste questa guerra ci sono già stati. Come si legge sull'Independent "le forze di sicurezza stanno sequestrano i cellulari delle persone ritenute sospette. E a quanto pare usano persino hotspot wifi per costringere le persone a scaricare nuovamente le app eliminate, come Facebook e Twitter, in modo che possano scorrere i loro feed. Giornalisti egiziani, attivisti per i diritti umani, accademici, avvocati e figure dell'opposizione sono stati presi di mira da sofisticati attacchi informatici rintracciati negli uffici del governo egiziano, secondo una recente indagine condotta questa settimana da Check Point Software Technologies, una delle più grandi società di sicurezza informatica al mondo. Più recentemente, sembra che qualcuno stia colpendo gli account Twitter di noti attivisti egiziani e critici del regime".
 
Evidenziandosi che nessun Paese alleato dell'Egitto ha osato criticare, condannare la più grande ondata di arresti dal 2013 ad oggi da quando si è insediata la dittatura egiziana. Quando il regime mostra i muscoli significa che la sua ora è vicina. Le proteste di questa nuova rivoluzione egiziana hanno come simbolo un disegno del dittatore SiSi . Con gli occhi bendati da ladro. Questo è diventato il volto di un movimento.Un disegno del dittatore egiziano SiSi dell'artista di strada Ganzeer.

mb

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità