• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Intelligence e globalizzazione

Intelligence e globalizzazione

La globalizzazione ha cambiato il Mondo, si sa, ma questo non è vero in ugual misura nei vari tipi di attività: ce ne sono che hanno avuto cambiamenti limitati, mentre altri hanno registrato mutamenti molto più profondi e veloci. L’intelligence è forse –con la finanza- il settore dove il processo è stato più radicale.

In primo luogo l’Intelligence è diventata molto più importante del passato. Già nella seconda guerra mondiale e dopo nella guerra fredda, l’intelligence balzò alla ribalta come uno degli strumenti più importanti del conflitto, ma pur sempre restando in posizione ausiliaria rispetto agli stati maggiori militari e politici che delineavano le strategie usando le informazioni fornite dai servizi.

Oggi è l’intelligence in prima persona a fornire le linee strategiche attraverso il lavoro di analisi. Oggi l’Intelligence è insieme la “ghiandola pineale” nel matrimonio fra la moneta e la spada attraverso l’intreccio dei servizi di Stato e delle multinazionali, ma è anche lo strumento necessario alle operazioni coperte, dalla destabilizzazione monetaria al terrorismo, dalla guerra cognitiva alla manipolazione dell’hight frequency trading, dagli attachi dyber al reverse engegneering, dal classico spionaggio alla destabilizzazione politica.

Ovviamente, tutto questo implica anche un profondo mutamento dei campi di intervento, delle metodologie d’azione, della formazione professionale degli operatori. Dove l’intelligence della seconda metà del novecento era eminentemente ideologica, quella attuale si muove in una prospettiva eminentemente geopolitica. Dove le strategie precedenti avevano al centro l’obiettivo del controllo territoriale fondato sul limes, quella attuale pensa in termini di reti di commessione /dal web alle rotte aeree, dalle rotte marittime ai gasdotti, dagli istmi ai valichi di montagna).

L’enorme raccolta di dati (i “Big data”) impone tecniche di stockaggio, verifica, trattamento ed analisi per i quali i servizi si sono dotati di sofisticati sistemi di algoritmi ed, a volte, i risultati sono rivenduti ad imprese industriali e finanziarie. Per non dire della gara per la cyber war che sta modificando velocemente le gerarchie di potere delle grandi potenze.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità