Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS

 Home page > Attualità > Cultura > (In)ter(per)culturando: due fumetti del 2011 ’Fantomax’ e ’Clelia (...)

(In)ter(per)culturando: due fumetti del 2011 ’Fantomax’ e ’Clelia C.’

‘Fantomax – non temerai altro male’ esce nel febbraio 2011 per Coconino Press (Fandango).
Carriera criminale di Clelia C. – un’epopea camorrista’ esce nell’aprile 2011 per Black Velvet Editrice.

Due fumetti profondamente differenti scritti dallo stesso autore, Luigi Bernardi, ma anche due prodotti editoriali diversi nella presentazione quanto nei contenuti. S'intravvedono, invece, a mio avviso, approcci, affondi, intenti e nudità che li accomunano e li rendono più movimenti che statiche rappresentazioni di narrazioni disegnate.

***

‘Fantomax’, 224 pagine a euro 17,50, disegnato da Onofrio Catacchio in bicromia nel formato 17x24, alterna alla narrazione grafica contenuti ‘extra’ dagli ‘archivi segreti di Fantomax’: si tratta di schede sinottiche dove si ripropongono specifici fatti della Storia agganciandoli con precise ‘connessioni’ al fumetto stesso.

Un volume che non passa inosservato, non solo per peso e dimensioni quanto per ‘grana’ delle pagine, cura, colori e contenuti.

Al di là dei gusti individuali, di quanto il lettore possa sapere del personaggio di Fantomax (che ha compiuto cent’anni proprio nel 2011) e di quanto l’approccio malvagio possa realmente colpire e catturare, resta un volume che non lascia nulla al caso, contestualizzato, ragionato, dove i due autori hanno curato dettagli e approfondimenti.

Ammiccante, visionario, a salterellare tra passato e immaginazioni future, dove “tutti i riferimenti a fatti di cronaca e personaggi pubblici reali sono usati in maniera fittizia”. Forse.

***

Stesso formato per ‘Carriera criminale di Clelia C.’, 170 pagine a euro 16, disegnato da Grazia Lobaccaro ha però una veste nettamente diversa. In bianco e nero, fogli canditi, brillanti. Dopo l’introduzione di Raffaele Marino (Sotto il vulcano della camorra), oltre centocinquanta pagine filate di storia e immagini, per poi concludersi con una sorta di postilla dello sceneggiatore Bernardi (A proposito di Clelia C. e del racconto criminale).

Le ‘sei volte’di questa protagonista qui narrate in un lasso temporale che dal 1981 arriva al 2020. Un lasso che permette allo sceneggiatore di non dimenticare contestualizzazioni storiche, sebbene impastate con la finzione, come spiega lui stesso nella nota finale: “… è una storia di fantasia, anche se, sullo sfondo, un ruolo importante giocano vicende storiche che hanno riguardato la criminalità napoletana: il rapimento Cirillo, la guerra fra la Nuova Camorra Organizzata di Cutolo e la Nuova Famiglia, la lotta intestina fra i clan della Nuova Famiglia, la guerra fra l’Alleanza di Secondigliano e i clan Misso, Mazzarella e Sarno, la guerra fra il clan Di Lauro e gli Scissionisti, fino al progressivo disfacimento dei clan storici a vantaggio di alleanze effimere, spesso sanguinose, senza altro progetto di intascare tanto e subito”.

In questo fumetto non si gioca con gli effetti speciali della fantasia, non subito almeno. ‘Camorra’ è termine preciso, delicato e complesso, termine che evoca tonnellate di cronache, dibattiti, fiumi di parole anche fin troppo inodore e insapore. Qui però succede qualcosa a mio avviso di meno frequente anche nelle abitudini dei ‘fruitori di contenuti’ (lettori, avventori dei bar, insaziabili di tg e news, navigatori virtuali, studiosi, curiosi..): succede che la narrazione visiva va a raccontare una storia dove si ‘immagina’ ci sia della fantasia mentre di solito s’immagina ci sia del reale.

***

Entrambi i volumi hanno già ottenuto diversi riscontri dalla critica più o meno diffusa e accreditata quanto da numerosi appassionati del genere.

Che i fumetti piacciano o meno, che li si consideri meri ‘prodotti adolescenziali’ lontani dal quotidiano; comunque sia la vera prova del nove sta nel tenerli in mano, sfogliarli, saggiarli al tatto quanto alla vista. Solo così ci si può rendere conto di cosa sono. Poi questi due libri possono non piacere per trame, grafica, differenti tratti, tematiche e approfondimenti. Possono non piacere, o il suo contrario.

Restano, secondo me, prodotti editoriali ancora troppo poco considerati dal mercato quanto dal pubblico di ogni possibile contesto editoriale (dalle librerie, ai mercati, dalle edicole alle fiere, passando per gli aeroporti o le località marittime vacanziere).
Andrebbero ‘visti di più’, magari anche nelle biblioteche.  

Storie crudeli, inquiete, che scatenano inquietudini.

 

Link

La scheda di ‘Fantomax’ dal sito di Coconino Press.

Il primo capitolo di ‘Carriera criminale di Clelia C.’ e la scheda del libro sul sito di Black Velvet Editrice.


Ti potrebbero interessare anche

unastoria di Gipi
Quando la fantasia supera la realtà. “Il Vomerese” di Veraldi, il romanzo che annunciò il sequestro Dozier
La ‘ndrangheta raccontata a mia figlia
Low Tone: le fotografie di Vasco Ascolini in mostra a Venezia
"Capolavori digitali": le opere inedite di Warhol conservate su un floppy disk


Lasciare un commento


Sostieni AgoraVox

(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere:

  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L'autore dell'aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.



Pubblicità




Pubblicità



Palmares


Pubblicità