• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Ambiente > Ilva di Taranto: la guerra tra fiumi e tastiere

Ilva di Taranto: la guerra tra fiumi e tastiere

A Taranto sta avvenendo una cosa molto interessante: la guerra sulla rete tra il più grande colosso siderurgico europeo, l’Ilva e gli ambientalisti. 

Accade che l’azienda del gruppo Riva affigga volantini sulle bacheche interne dell’azienda stessa per sottolineare come il gruppo sia sotto attacco informatico sui social network e come, per difendersi, abbia creato un gruppo “Taranto e Ilva insieme”. Qui si leggono commenti pro e contro l’industria, messaggi di operai che ringraziano il giorno della loro entrata in fabbrica e per come, grazie a essa, i loro figli abbiamo potuto studiare e comprare casa. 

Poi c’è l’aspetto politico, che avrà connotati importanti, visto che l’area ambientalista sotto il nome di “ARIA PULITA”, ha scelto di candidare il presidente dei verdi, Bonelli alle prossime elezioni comunali.

Taranto dopo i mancati referendum sulla chiusura dell’area a caldo non fatti, avrà dalle urne una risposta importante per capire se, il famoso ricatto industriale lavorativo, è difficile da sconfiggere oppure è giunta l’ora di cambiare rinunciando al colosso dell’acciaio.

Taranto, con le sue morti per neoplasie polmonari annuali, si attesta come la città più inquinata d’Europa con una industria praticamente in città. Il quartiere Tamburi a ridosso dello stabilimento, soffre maggiormente i risultati della produzione e le ultime mattanze di bovini nelle masserie del territorio jonico contaminate dalla diossina, sono state la conferma di come il veleno fosse entrato nella catena alimentare.

Adesso la guerra a livello di social network e di scambi reciproci tra chi è a favore e chi no all’industria, si farà sentire ancora più forte e vedremo se avranno un peso i giovani della rete che, come le rivoluzioni arabe, hanno dato il loro contributo a sconfiggere regimi e dittatori.

Si perché da noi, a Taranto, l’Ilva è visto da alcuni come un dittatore che grazie alla mancanza di altre opportunità lavorative, governa le sorti di molte famiglie e attacca da più parti la comunità jonica con fumi e veleni dannosi.

La guerra è iniziata da tempo ormai, ma ora la rete sarà ancor più protagonista e decisiva.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares