• domenica 20 aprile 2014
  • Agoravox France Agoravox Italia Agoravox TV Naturavox
  • Fai di AgoraVox la tua homepage
  • Contatti
AgoraVox Italia
  Home page > Attualità > Mondo > Il programma di Le Pen in Francia: tra Lega Nord, Forza Nuova e (...)
di Davide Falcioni (sito) martedì 24 aprile 2012 - 1 commento oknotizie
0%
Articolo interessante?
 
100%
(13 Voti) Votate quest'articolo
  • Fare una donazione
  • Stampa
  • Lasciare un commento
  • Marquer et partager

Il programma di Le Pen in Francia: tra Lega Nord, Forza Nuova e Stormfront

La vera sorpresa delle elezioni presidenziali francesi è Marine Le Pen, candidata del Front National, che ha raggiunto il 18 per cento dei consensi piazzandosi dietro solo a Hollande e Sarkozy, e rifilando circa 6 punti percentuali a Mélenchon, candidato del Front de Gauche, la sinistra francese. 

Ma chi è Marine Le Pen? E' la figlia del più celebre (almeno fino a un paio di giorni fa) Jean Marie, del quale ha preso il posto alla guida del Front National da un anno. Sarko avrebbe dovuto annusare il pericolo per tempo, dal momento che alle elezioni regionali del 2010, candidatasi a Nord Pas de calais, Marine Le Pen aveva conquistato il 22 per cento dei consensi, una quota assai a ridosso di quella del partito del Presidente della Repubblica. Piccola curiosità: è di oggi la notizia che Le Pen (insieme all'ecologista Eva Joly) sarebbe stata denunciata da due avvocati per non essersi candidata con il suo vero nome, Marion Anne Perrine Le Pen, violando articoli del codice penale e di quello elettorale che obbligano, invece, l'inserimento del vero nome, per esteso.

Ora, con il 18 per cento dei voti, il Front National farà sentire prepotentemente il suo peso al secondo turno di elezioni, spostando l'ago della bilancia decisamente a destra. Una tendenza, comunque, riscontrabile in molti altri Paesi europei (guarda l'infografica di AgoraVox).

Ma quali sono le proposte salienti del Front National? E a quali partiti italiani si può equiparare la forza di estrema destra francese?

IMMIGRAZIONE

Il cavallo di battaglia di Le Pen è certamente l'immigrazione. La leader del Front National promette che ridurrà drasticamente gli ingressi, da 200mila a 10mila, concentrandoli tra l'altro sulle competenze "che possono apportare innovazione al Paese". Per ottenere il permesso di soggiorno sarà doveroso conoscere la lingua francese. Non sarà possibile ottenere la doppia cittadinanza (tranne che con altri Paesi europei) e comunque la priorità, sia nelle assunzioni al lavoro che nelle liste per la casa, verrà data ai francesi. Dopo un anno di disoccupazione l'immigrato verrà rimpatriato con la forza, mentre il diritto a cure mediche gratuite non varrà per i clandestini. Ultima chicca: le manifestazioni antirazziste verranno considerate reato. 

In Italia la Lega Nord ha fatto scuola. Nel programma elettorale del 2008, infatti, i padani proponevano in linea di massima le stesse cose, ma forse per paura di essere troppo "teneri" arrivarono a lanciare l'idea del test del Dna per verificare i ricongiungimenti familiari (oltre a quella di sparare sui barconi dei clandestini). Forza Nuova non è da meno: nei "punti fermi" del partito si legge "FORZANUOVA si batte per un blocco dell'immigrazione e per l'avvio di un umano rimpatrio degli immigrati".

 

SICUREZZA

Marine Le Pen propone l'instaurazione di un vero e proprio Stato di Polizia, con "tolleranza zero" nei confronti di tutti i reati. Per farlo verrà ripristinata la gendarmerie e verranno assunti nuovi uomini delle forze dell'ordine, che potranno usufruire di equipaggiamenti più sofisticati rispetto a quelli di ora (che, per intenderci, sono già diversi gradini sopra a quelli della Polizia Italiana). Verranno inoltre acquistate nuove armi. La repressione potrà essere ancor più massiccia ed il rischio che si "esageri" (come avvenuto con il giovane Hakim, ucciso per soffocamento dalla polizia nel 2008) non viene preso in considerazione, se non come un "effetto collaterale". Ma non solo: Le Pen proporrà un Referendum per ristabilire la pena di morte per i reati più gravi. Curioso che mentre in tutto il mondo le esecuzioni diminuiscono in Francia un candidato presidente con il 20 per cento dei consensi ne proponga il ripristino. 

Anche Bossi, pochi giorni prima che esplodesse lo scandalo nella Lega, aveva detto che nei confronti di Giuseppe Salvatore Riina, figlio del boss, servirebbe la pena di morte. Riina junior, condannato per associazione mafiosa, sarebbe dovuto andare a Padova , piena Padania, a fare attività di volontariato per un'associazione che combatte la droga. Di due giorni fa, invece, la notizia secondo cui Forza Nuova avrebbe chiesto il ripristino della pena di morte per i reati di pedofilia.

DIFESA

Per quanto riguarda la difesa il Front National propone l'uscita immediata dalla Nato per un'alleanza strategica con la Russia di Putin. La deterrenza nucleare rimarrà al centro delle strategie di difesa, mentre 50mila riservisti della Guardia Nazionale dovranno essere pronti su tutto il territorio per qualsiasi evenienza. Importante sarà il ruolo dell'industria bellica, che verrà decisamente rilanciata. Il 2% dell'intero prodotto interno lordo francese sarà dedicato all'ammodernamento e conservazione degli impianti di sicurezza. 

In Italia? La Lega, come è noto, è praticamente assente in politica estera e nel settore difesa. I neofascisti di Forza Nuova invece hanno le idee assai chiare. Propongono, infatti, "una ricerca spregiudicata di nuove alleanze al di fuori della NATO. Non si vede perché dovremmo accettare la logica americanocentrica e sionista e non guardare a soluzioni del tutto nuove come a patti politico-militari con Russia, Ucraina e altri Paesi nell’ambito di un progetto geopolitico veramente paneuropeo".

STORMFRONT

Entusiasmo tra gli internauti di Stormfront (versione francese e versione italiana), il sito ultranazionalista, sostenitore della "supremazia bianca" e del neonazismo. Il risultato di Le Pen in Francia viene visto con soddisfazione, come una speranza "per la razza bianca" inquinata, a loro dire, dagli effetti dell'immigrazione selvaggia e da quelli della politica di Sarkozy, colpevole secondo i neonazisti di essere uno "sporco giudeo" (la nonna era di religione ebraica).

Le Pen, dunque, rappresenta una speranza per la pulizia della Francia (qualcuno si augura, poi, un effetto a catena sull'Italia) da ebrei e "colorati". Follia pura, ma tant'è. 

 

LEGGI ANCHE: Marine Le Pen invoca referendum sulla pena di morte




di Davide Falcioni (sito) martedì 24 aprile 2012 - 1 commento oknotizie
0%
Articolo interessante?
 
100%
(13 Voti) Votate quest'articolo
  • Fare una donazione
  • Stampa
  • Lasciare un commento
  • Marquer et partager

Commenti all'articolo

Lasciare un commento


(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione : questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell’articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista… Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l’articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere :

  • I nuovi iscritti
  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L’autore dell’aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.

Pubblicità

Pubblicità

Sondaggio

Dal palco del V-Day Beppe Grillo ha proposto di indire un referendum per uscire dall’Euro. Secondo voi


Vota

Palmares

Pubblicità


  • Groupe Agoravox sur Facebook
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox Mobile

AgoraVox utilizza software libero: SPIP, Apache, Debian, PHP, Mysql, FckEditor.


Sito ottimizzato per Firefox.


Avvertenza Legale Carte di moderazione