• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Ambiente > Il mondo ha un grande problema in più: la plastica da riciclare

Il mondo ha un grande problema in più: la plastica da riciclare

Per molti anni ogni giorno un numero infinito di container è partito dalla Cina con i prodotti “made in Cina” verso Usa ed Ue. Ogni giorno Usa ed Ue hanno rimandato indietro spazzatura. Ora però la Cina non prenderà più plastica da riciclare. Nelle ultime settimane Londra, Ottawa, Dublino, Berlino, Washington… hanno visto montagne di plastica accumularsi un po’ dappertutto, in magazzini abbandonati o all’aperto. Usa e Ue non sanno che fare perché nessuno è in grado di rimpiazzare la Cina. L’unica soluzione resta cambiare i nostri stili di vita, la soluzione dunque non è in mano soltanto a governi e imprese. 

 

Di Maria Rita D’Orsogna

La Cina non vuole essere più l’immondezzaio del mondo. Da Pechino hanno annunciato che da questo gennaio non prenderanno più plastica e carta dal resto del mondo per il riciclo. La chiamano yang laji, la spazzatura estera. E cosi hanno fatto.

Finiva in Cina circa il 50 per cento della plastica e della carta a livello mondiale, per un totale di 24 categorie di articoli e 7,3 milioni di tonnellate nel solo 2016. E ora? Che facciamo con la nostra plastica? Non si sa, certo è che una soluzione occorre trovarla, e occorre trovarla presto. Ma quale?

Nessuno lo sa, e cosi in giro per il mondo la plastica che aspetta di essere riciclata continua ad aumentare. Londra, Ottawa, Dublino, Berlino, Washington, hanno visto montagne di plastica accumularsi… La plastica e la carta per ora giacciono un po’ dappertutto, in magazzini abbandonati o all’aperto nell’attesa di una risposta. Anche i piccoli e grandi business occidentali che ruotavano attorno al riciclaggio che partiva per la Cina sono adesso morenti.

La cosa triste però è che si pensa a esportare la spazzatura in Indonesia, India, Vietnam, Malesia, paesi che hanno già tanti guai ambientali per conto loro. Altre idee sono di incenerire i rifiuti e/o di mandarli in discarica anche se sarebbero in realtà riciclabili. Per fortuna però la capacità ricettiva di paesi terzi è limitata. Nessuno potrà davvero rimpiazzare la Cina da questo punto di vista. In più costruire inceneritori e anche trovare nuovi spazi per le discariche è difficile, e la gente non li vuole (giustamente).

Cosi, per necessità, non certo per troppo amore, ecco che arrivano i nuovi annunci di leggi, divieti e idee per diminuire il consumo di plastica. Non ci vuole certo una laurea per capire se non sai dove la metti, forse è meglio non produrne più cosi tanto. Per esempio, in Gran Bretagna, Theresa May annuncia che entro il 2025 sarà eliminata gran parte della plastica inutile. Ha chiesto a supermercati e affini di introdurre reparti plastica-free dove tutto è venduto sfuso. Anche l’Unione europea chiede tasse su buste di plastica e impacchettamento e materiale mono-uso in risposta alla decisione della Cina. Fra le altre proposte: il 55 per cento della plastica prodotta in Europa dovrà essere riciclata in Europa entro il 2030. In questo momento, solo il 30 per cento della spazzatura prodotta in Europa, circa 25 milioni di tonnellate di plastica l’anno, viene riciclato in Europa.

Il Regno Unito ha mandato ogni anno una quantità di spazzatura in grado di riempire 10mila piscine olimpiche. Gli Stati uniti 13 milioni di tonnellate di carta e 1,4 milioni tonnellate di plastica: è il sesto più grande export degli Usa verso la Cina. Anzi era. In pratica per anni i container arrivavano dalla Cina con i prodotti “made in Cina” e gli Usa gli rimandavano indietro spazzatura. Tutto ciò ovviamente non è sostenibile.

In realtà l’annuncio dello stop della Cina era stato già dato nel luglio del 2017, quando la Cina notificò il World Trade Organization che per proteggere ambiente e salute voleva fermare l’importazione di plastica da paesi terzi (dal momento che mescolata alla spazzatura riciclabile c’è anche materiale tossico e inquinante). A volte quello che arrivava da oltremare non era davvero riciclabile oppure sporco. Ma l’Occidente ha fatto ben poco per prepararsi a questo problema. Usa ed Europa infatti per anni si sono preoccupati di fare la raccolta differenziata, ma senza sapere esattamente dove questa differenziata dovesse finire. Si, certo la Cina. Ma ora in Cina non si può più.

Ovviamente la soluzione c’è ed è al tempo stesso la più semplice ma anche la più difficile: cambiare i nostri stili di vita.

 Qui l'articolo originale

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità