• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Media > Il complottismo in salsa italiana: da Iva Zanicchi a Morgan De (...)

Il complottismo in salsa italiana: da Iva Zanicchi a Morgan De Sanctis

Partiamo da un numero: un milione centotredicimila settecentoventidue. A questo numero associamoci dei volti ed immaginiamoli in fila dinanzi ad uno schermo. Immaginiamoli mentre guardano l’ennesimo video virale che circola su YouTube. Sono un popolo, una massa, una folla che, come tanti piccoli Lemmings, si getta nel “tranello” tesogli in Rete. E’ quanto successo tre giorni fa.

Un utente ha caricato sul suo canale il video ripreso dalla trasmissione “Carramba Che Sorpresa” del maggio 2004. Nella sequenza si vedeva Iva Zanicchi allontanarsi di corsa dal suo posto e calarsi le braghe dietro i divanetti della scenografia, come intenta ad espletare qualche funzione corporea.

In soli tre giorni una popolazione di oltre un milione di persone ha guardato, condiviso e commentato una non-notizia e l’ha trasformata in un caso mediatico. In fondo non è difficile creare un video virale, bastano pochi spezzoni tagliati ad hoc, un titolo ad effetto, una musica che sostiene l’incedere delle immagini ed ecco che il falso è confezionato.

Complici gli anni trascorsi, in molti hanno davvero creduto a quelle immagini e solo il 10% di chi aveva visionato il primo video - centomila utenti circa – hanno poi approfondito la notizia andandosi a guardare la sequenza completa – ancora disponibile in Rete - in cui si vede chiaramente la cantante/conduttrice ipnotizzata dal “mago” spagnolo Tony Camo e indotta ad agire secondo le indicazione che questi le dava.

Sebbene le interpretazioni più disparate abbiano invaso i social network, quello della Zanicchi non fu né un “raptus” di follia, né ci troviamo dinanzi ad immagini “censurate ” dalla RAI – la trasmissione è andata regolarmente in onda il 5 maggio del 2004; quanto piuttosto di una semplice rivisitazione di tanti siparietti visti in televisione già nei primi anni ’80, con il mago di turno che ipnotizza l’ospite celebre e lo costringe ad agire contro la propria volontà.

Il “copia-incolla” delle immagini è diventata una vera e propria passione per gli utenti della Rete; sono tanti i “casi Zanicchi” nei quali ci si può imbattere. A volte c’è solo da riderne ma altre volte ciò che si diffonde è un vero e proprio caos che degenera in “macchina del fango”.
 
Nelle immagini trasmesse l'altro ieri sera dalla trasmissione calcistica romana Goal Di Notte e rimbalzate ovunque in rete ieri, si vede il portiere del Napoli De Sanctis “imprecare” dopo il goal del 4 a 1 messo a segno da Cavani nella vittoriosa partita degli azzurri contro il Lecce. L’estremo difensore azzurro prima si agita, poi si gira verso il compagno Lucarelli che, sorridente, gli dice “7-8 minuti” indicando i minuti che mancano allo scadere.
 
Come nel caso di Iva Zanicchi una serie di frammenti video sono stati decontestualizzati e montati ad arte per istillare il dubbio di una combine affinché la partita finisse con uno scarto di due reti. Nella didascalia, inoltre, si afferma che Sky avrebbe “censurato” le immagini mandandole in onda una sola volta alle 23.45 – affermazione tra l’altro non vera – e si continua sostenendo l’ipotesi che il portierone azzurro potesse essersela presa poiché il goal del Matador minava un accordo. A supporto della “bontà” di questa tesi l’autore del video porta il risultato finale della partita che vide gli azzurri imporsi 4 a 2.
 
In Rete la notizia si è diffusa rapidamente ma in pochi hanno cercato di contestualizzarla o confutarla. Basterebbe, come nel caso della Zanicchi, riavvolgere il nastro della memoria per ricordare che nel match contro il Lecce dopo essere passati in vantaggio per 3 a 0, gli azzurri soffrirono non poco le folate salentine e sul 3 a 1 rischiarono più volte di subire il secondo goal. Se inserito nel giusto contesto il video assume tutto un altro valore ed è lo stesso De Sanctis a confermarlo in un’intervista rilasciata ieri pomeriggio a Sky, chiarendo che il suo fu un gesto liberatorio dopo tanta tensione accumulata dati i rischi corsi.
 
Ciò che fa rabbia è che questa continua ricerca del torbido serve solo ad alimentare un complottismo che tanti accoliti trova in Rete e fuori. Al momento in cui scriviamo questo articolo, sono stati già in mezzo milione a guardare il video di cui sopra. Come nel caso di Iva Zanicchi solo una parte, il 10% approfondirà e ascolterà la spiegazione di De Sanctis. Il 90% di chi ha visto le immagini rimarrà convinto che l’estremo difensore del Napoli ha preso parte ad una combine e che tutto il calcio è un sistema malato.
 
Il compito di chi fa informazione è tenere il timone dritto dinanzi a questi casi che, per negligenza o per volontà, vengono montati e minano la credibilità di un uomo. Gli utenti della rete devono, come sanno e fanno, contribuire a scacciare e migliorare l’ “informazione tossica” sbugiardando chi sostiene la tesi della combine attraverso le stesse “armi” che il Web mette a disposizione ovvero i commenti ai video; utilizzando i propri profili Facebook e Twitter come mezzo per diffondere un’informazione corretta volta a ridare il giusto merito ad un uomo di sport che ha sempre onorato la maglia del Napoli e quella della Nazionale.

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.152) 10 gennaio 2012 13:14

    Questo è il sito più ridicolo del web!


    Apparte il fatto che quotidianamente i TG (tutti) fanno molto ma mooolto di peggio... ma tornando al video in questione non le viene di pensare che i milioni di utenti che hanno visto il video hanno contemporaneamente bollato come patacca lo stesso? 
    E’ chiaro il taglio di questo sito... essere convinti di avere a che fare con una massa di pecore.

    Agora... se non era per tze tze ma chi ti si incula? :)

    PS. Temi come "Messi è meglio di Maradona" quelli si che sono roba da gente intelligente...
  • Di (---.---.---.6) 10 gennaio 2012 14:50

    Francesco, non sono d’accordo sull’analisi del caso De Sanctis. Sull’idea di fondo mi trovi d’accordo, alimentare paranoie complottiste non giova a nessuno, ma contestualizzare questo caso specifico significa anche tenere in conto gli sviluppi recenti delle indagini sulle combine in Serie A. Si sa che alcune partite sono state manipolate, ma non quali; e si sa anche che alcune personalita’ di spicco sono coinvolte. Detto questo, e’ normale che un video non possa costituire una prova, ma da qui a dire che i sospetti sono del tutto infondati ce ne passa. La sua reazione tutto pare fuorche’ uno sfogo liberatorio: scuote la testa, allarga le braccia, non abbozza nemmeno un sorriso e cammina mestamente verso i suoi compagni. Sembra amareggiato ed afflitto, non sollevato. La spiegazione da lui fornita e l’interpretazione da te proposta sono incompatibili con le immagini... Fammi sapere cosa pensi.

  • Di Geri Steve (---.---.---.65) 10 gennaio 2012 21:21

    Mah... il complottismo mi pare che c’entri poco.
    Che gli utenti della rete debbano sbugiardare... non sarebbe male, ma c’e’ sempre il rischio di sbugiardarne uno e non altri.

    Che circolino dei video patacca non e’ simpatico, ma potrebbero perfino essere utili, se ottenessero l’effetto che la gente imparasse ad essere piu’ diffidente.

    Il problema che esista gente che pensa con il televisore invece che con il cervello e’ problema ben noto, ma ce n’e’ un altro: molta gente "vede" attraverso il televisore. E’ pronta a giurare che un fatto e’ veramente accaduto perche’ lui l’ha visto in TV.

    So di gente che si beve quei finti-processi televisivi ed e’ convinta di aver assistito a processi veri, molta gente ritiene che i reality siano vere scene di vita vissuta, mentre invece sono falsity-fiction. 
    I telegiornali selezionano accuratamente le immagini da trasmettere e quelle da non far vedere , eppure la gente si crede di "aver visto in TV" ! Addirittura trasmettono immagini di repertorio, che sono dei veri e propri falsi, e i telespettatori sono pronti a testimoniare di aver visto con i loro occhi quei fatti. 

    Quando la gente si sorbisce quelle serie di fiction-saponette sa di vedere delle fiction, ma poi molti ne tirano delle conseguenze e se ne fanno condizionare come se guardandole avessero fatto esperienza su fatti reali.

    La sudditanza della gente all’immagine televisiva mi sembra un problema reale e altamente preoccupante, non il complottismo.

  • Di (---.---.---.204) 10 gennaio 2012 23:00

    e oggi è la volta del video di Paolo Villaggio che parla dei sardi che preferiscono le pecore alle donne.

    E’ evidente che il suo è sarcasmo (satira, presa in giro, ironia ... chiamatela come volete) eppure i commenti "contro" non si sprecano.
    Ormai abbiamo perso la capacità di giudicare
    Chi è che diceva: "Chi non crede in Dio non è vero che non crede in niente perché comincia a credere a tutto"
    Lasciando perdere Dio, che oggi si creda a tutto è un dato di fatto 
  • Di martin (---.---.---.20) 11 gennaio 2012 01:42
    martin

    a mio modesto parere la spiegazione di De Sanctis non ha convinto praticamente nessuno. La reazione è totalmente inspiegabile e visto il clima pensar male è il minimo che si possa fare. E lo dice un "anticomplottista" par excellence. Inoltre ricordo che partite del Napoli sono già sotto indagine.. 2+2...

  • Di (---.---.---.178) 11 gennaio 2012 17:33

    Visualizzazioni non è uguale ad essere d’accordo ... mi sembra abbastanza normale che una persona (visto che cliccare su un video non costa nulla ) sia incuriosita da alcuni video.
    Questo articolo mi sembra complottismo sul complottismo (quello vero, che è una piaga)

  • Di (---.---.---.93) 13 novembre 2014 20:50

    Al Napoli non era De Sanctis a vendersi le partite con le scommesse, ma era il terzo portiere ed erano a conoscenza anche due suoi compagni!

    Informatevi meglio!

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares