• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Media > Il Manifesto in liquidazione: è solo colpa del Governo?

Il Manifesto in liquidazione: è solo colpa del Governo?

Il ministero dello Sviluppo Economico ha avviato due giorni fa la procedura di liquidazione coatta amministrativa de Il Manifesto: si tratta di una notizia che aleggiava da mesi come una scure sullo storico quotidiano comunista che ora potrà salvarsi solo se andrà a buon fine una massiccia campagna di sottoscrizione organizzata da poche ore. Il giornale continuerà ad uscire in edicola anche nei prossimi giorni al prezzo di un euro e 50. Ai simpatizzanti si chiede l'impegno di acquistarlo quotidianamente per tenere viva la speranza di salvarsi. Ma si tratta, oggettivamente, di un tentativo disperato che difficilmente andrà a buon fine. Da tempo infatti i conti del giornale sono pesantemente in rosso. 

Giuliana Sgrena, storica firma de Il Manifesto, ha scritto: 

Nessuno se l'aspettava ma molti lo temevano. È una notizia che non avremmo mai voluto leggere, è vero, non solo noi del collettivo de il Manifesto, ma tutti i lettori, sostenitori e, aggiungerei, coloro che rispettano la libertà di informazione. Scrivo a titolo personale, anche se il mio stato di pensionata non mi ha mai allontanata dal giornale, soprattutto dal dibattito interno. La notizia della crisi del giornale non è stata presa sul serio perché i "manifestini" hanno interiorizzato lo status di precarietà del giornale e la convinzione che comunque non accadrà mai di non trovarlo più in edicola. E invece potrebbe accadere, purtroppo è possibile. Nonostante tutti gli sforzi e i tagli fatti dal giornale, senza mai toccare i dipendenti. Questo è un punto d'onore, senza dubbio. Continueranno gli sforzi ma senza aiuti è veramente difficile immaginare che questa resistenza abbia successo.

Aiuti innanzitutto da parte dei lettori disaffezionati che non comprano più il giornale, quelli che l'hanno comprato solo in momenti eccezionali, tristi. Non sarebbe altrettanto triste sapere che il Manifesto non c'è più? Sarebbe una sconfitta, innanzitutto per la libertà di stampa, per la democrazia. Il finanziamento pubblico avrebbe forse aiutato a ritardare la liquidazione, ma gli appelli al governo sembrano poco efficaci, nonostante l'impegno della presidenza della Repubblica. Coloro che negano il finanziamento non sono interessati alle voci libere. Il manifesto non è l'unico quotidiano in pericolo, già c'è stato il caso di Liberazione e altri potrebbero seguire.

Le speranze di salvare il Manifesto non sono molte, dipendono dall'atteggiamento del liquidatore, dai tentativi della redazione e del collettivo, ma anche da tutti coloro che non vogliono perdere il Manifesto.

In conferenza stampa Norma Rangeri - direttrice del Manifesto - ha dichiarato:

"C'è questa convinzione che esista un'editoria assistita dallo Stato, come un vecchio retaggio della Prima Repubblica. La verità è che il Governo Monti ha deciso di tagliarci il finanziamento del 2011, con il quale avremmo agevolmente potuto andare avanti nel nostro lavoro. E la verità è che i fondi per anni hanno coperto sprechi, imbrogli, giornali senza diritti: penso ad esempio a L'Avanti di Lavitola. Non c'entra la crisi, i tagli a tutti i settori. C'entra la volontà di fare piazza pulita di 400mila lettori, il bacino di tutti i giornali che come noi rischiano di chiudere. Il principio è che se l'informazione coincide con il profitto trionfano le multinazionali delle news che riescono ad accaparrarsi la pubblicità. Noi vogliamo ribadire invece che l'informazione deve essere un bene comune". 

Naturalmente la notizia della chiusura de Il Manifesto rappresenta un pesante colpo: rischia così di morire una storica testata italiana, senza considerare le decine di giornalisti (più il famoso indotto) che rimarranno senza lavoro. C'è poco da gioire, la situazione è oggettivamente drammatica, ma probabilmente è giunto il momento di affrontare il problema anche sotto un altro punto di vista. Nel caso de Il Manifesto, ad esempio, è stato lo stesso Matteo Bartocci a rivelare ieri sulle pagine del giornale alcuni dati:

"Parlano i bilanci. Nel 2006 il manifesto aveva 107 dipendenti. A febbraio sono 74 (52 giornalisti e 22 poligrafici). Di questi 74, però, la metà è in cassa integrazione a rotazione. Per cui il giornale che leggete (dal 2010 a oggi) è fatto, materialmente, da circa 35 persone. Troppe? Troppo poche? Scarse? Brave? In numeri: dal 2006 al 2010 il costo del lavoro è diminuito del 26%, con un risparmio annuo di 1,1 milioni di euro. Nel triennio 2008-2010 i costi industriali si sono ridotti di 2 milioni e mezzo. I costi generali del 20 per cento. E visto che parliamo di soldi e di mercato, tra noi tutti riceviamo più o meno lo stesso salario, dalla direttrice alla centralinista: circa 1.300 euro netti al mese". 

Una domanda: come si può pensare che in un giornale a foliazione molto bassa 74 giornalisti non siano, oggettivamente, un numero esagerato? Evidentemente in anni di "vacche grasse" sono state assunte moltissime persone (i dipendenti erano addirittura 107 nel 2006): si può affermare che se i conti sono in rosso da anni una fetta di responsabilità è di chi, per tutto questo tempo, ha assunto selvaggiamente giornalisti? 

Ed è riuscito Il Manifesto a tenere il passo coi tempi? Probabilmente no, se è vero che il sito internet del quotidiano non ha mai brillato per efficienza. E' bene sapere, però, che è proprio sulla rete che oggi si fa informazione. I cartacei (tutti, non solo la stampa alternativa e cosidetta libera) hanno subito negli ultimi anni cali pesantissimi per quanto riguarda vendite e distribuzione. I dati ufficiali dell'ADS - Accertamento Diffusione Stampa - sono spietati: a inizio 2011, testate di assoluto rilievo come il Corriere della Sera, La Repubblica, La Stampa, Il Messaggero e la stessa Gazzetta dello Sport, hanno registrato cali nelle vendite rispettivamente del 6,9%, del 7%, del 6,8% e dell’8,8%. Copie di giornali quotidiani (ma anche periodici) se ne comprano sempre meno e anche testate minori come Il Resto del Carlino (-5,5%), La Nazione (-6,3%), Il Mattino (-2,2) e Il Secolo XIX (-15,1%) hanno accusato una flessione, in alcuni casi, molto consistente delle vendite.

Per sopperire al calo di lettori queste testate hanno potenziato le versioni online. D'altro canto è sufficiente dare un'occhiata alle classifiche dei siti web più visitati per rendersi conto che il caro vecchio quotidiano sta andando in pensione. Secondo Alexa, infatti, dopo i colossi Google, Youtube e Facebook vengono Repubblica (7°) e Corriere della Sera (10°). Stupisce all'ottavo posto la piattaforma Blogger, evidentemente a conferma che ai cittadini piace non solo subire, ma anche produrre informazione attraverso blog personali. Per la cronaca, Il Manifesto si trova in millecinquecentosettantatreesima (1573) posizione.

Di tutto ciò hanno tenuto conto i vertici del giornale? In che modo hanno affrontato la sfida con la rete? E se è vero come è vero che il taglio indiscriminato ai finanziamenti è un crimine, non è giusto che chi ha guidato Il Manifesto si assuma le proprie responsabilità?

Commenti all'articolo

  • Di Francesco Sellari (---.---.---.130) 10 febbraio 2012 19:30
    Francesco Sellari

    critica condivisiile...

    va però sempre ricordato che stiamo parlando di una delle poche e uniche reali cooperative editoriali che usufruiscono di finanziamenti pubblici (finanziamento pubblico del quale godono anche i grandi gruppi attraverso rimborsi per le spese della carta e delle spedizioni... la "mannaia" va a toccare anche loro o no?)

    per quanto riguarda l’innovazione: va riconosciuto un certo (seppure estremamente tardivo) impegno con il sito e con i social network (lo dimostra l’interessamento che sta suscitando la vicenda in rete, cosa impensabile qualche tempo fa...)

    i soldi (forse) si potrebbero trovare... non sono aggiornato ma tempo fa circolava una proposta per alzare l’iva, dall’attuale 4% (come i libri) su tutti i periodici che vendono gadget e minchiate varie in edicola...

    perdere il manifesto sarebbe veramente grave e lo dico soprattutto a chi non lo ha mai letto

    • Di Davide Falcioni (---.---.---.48) 10 febbraio 2012 19:51
      Davide Falcioni

      Francesco, che chiuda il manifesto sono il primo a dolermene. Ho anche scritto chiaramente che è uno scandalo il taglio indiscriminato dei fondi all’editoria. Tuttavia credo che abbiamo la cattiva abitudine di "chiudere il recinto quando le bestie sono scappate", e mi spiego: da almeno tre anni si sa che prima o poi avrebbero tolto i fondi all’editoria. Nel frattempo né Liberazione né Il Manifesto sono riusciti a organizzarsi, mentre contemporaneamente in rete fioccavano esempi di giornalismo virtuosi (AgoraVox, Globalist, ad esempio...). Cosa ha impedito al Manifesto di reinventarsi? Nulla. Però hanno preferito lanciare continue sottoscrizioni, nel vano tentativo di salvare il malato di cuore con iniezioni di acqua e zucchero... il risultato è che ora i tagli ci saranno sul serio e loro, per l’ennesima volta, ci riprovano: "salviamo il Manifesto con un euro e 50 al giorno". Altra acqua e zucchero...
      Ma io penso che se solo si mettessero sul web, si aprissero all’informazione "moderna" (passsami il termine) con il nome che hanno potrebbero persino fare a meno dei fondi. Non so, è un’opinione personale... Ma ti chiedo anche un’altra cosa: con 74 giornalisti non pensi che si possa fare un giornale veramente bello, pieno di contenuti? E non pensi anche che chi è di sinistra debba essere portato, "geneticamente", verso il progresso, il cambiamento, e non invece la conservazione?

    • Di Francesco Sellari (---.---.---.130) 11 febbraio 2012 11:36
      Francesco Sellari

      (giusto per precisare: come hai citato nel pezzo i giornalisti sono 55... )

      come dicevo condivido le critiche soprattutto per quanto riguarda l’arretratezza sul web (anche li però c’è un problema: come campa sul web un giornale che per scelta ha un quantitativo minimo di pubblicità? modelli alternativi fino ad oggi non sembrano funzionare granché...)

      io vorrei però che la questione fosse messa in prospettiva (non per te davide che sicuramente hai un’idea più complessa della situazione)

      bisognerebbe capire (e lo dico soprattutto a tutti gli alfieri della battaglia "grillista" contro i finanziamenti pubblici all’editoria) che l’informazione non può essere equiparata tout court a una merce il cui mercato si dovrebbe autoregolamentare con il principio domanda-offerta (cosa inoltre non vera anche per altre merci e servizi) e che quindi anche le nicchie di pensiero vanno tutelate se necessario con l’intervento pubblico ("razionalizzato" chiaramente)

      è evidente, poi, che se la "sinistra-sinistra" (radicale-comunista etc...) nella società è ridotta a minoranza (per colpa dei partiti che hanno cercata di rappresentarla, vero, ma non solo) è normale che un giornale che si definisce "comunista" abbia perso in questi anni lettori... l’unico giornale che è cresciuto è stato il fatto perché ha saputo cavalcare la cultura iperlegalitaria prodotta dall’anomalia berlusconi (ed è stato trainato nelle vendite dalla "telestar" travaglio...)

      con questo non voglio giustificare l’inefficenza anche del manifesto, ma voglio dire che i rapporti di causa-effetto nella realtà non sono mai monodirezionali e univoci.

  • Di (---.---.---.136) 11 febbraio 2012 11:04

    Chi ha scritto questo articolo di editoria non sa nulla e, cosa peggiore, neppure conosce le forme contrattuali del manifesto, che essendo cooperativa applicava un sistema retributivo minimo ed eguale per tutti. Per quanto riguarda poi le scelte editoriali appare strano che si discuta di libertà di informazione ’a patto che si venda’. Non si deve ritenere ironica la nota sull’autore, nel cui caso per superficialià e rozzezza non si può negare che si tratti di persona ’strappata all’agricoltura’. Anche se probabilmente neppure un campo saprebbe zappare.

    • Di Davide Falcioni (---.---.---.48) 11 febbraio 2012 12:28
      Davide Falcioni

      Gentile lettore, sono figlio e nipote di contadini, ne vado assolutamente fiero. Posso rassicurarla che non vi è nulla di rozzo nello zappare la terra, al di là di quello che lei pensa dall’alto della sua ignoranza infinita. Detto questo, se ne è in grado risponda argomentando al mio articolo e non si limiti a offendere. Mi sembra un’offesa alla sua intelligenza. Anche perché lei che è un paladino della libera informazione firmata Manifesto non avrà problemi ad accettare opinioni diverse come quella del sottoscritto...

  • Di (---.---.---.162) 22 febbraio 2012 23:04

    ma che prendono 1300 euro al mese un chissenefrega non ce lo mettiamo? chi non è in grado di stare sul mercato deve fallire. Se avessimo fatto così con tutte le aziende italiane, sicuramente vivremmo in un mondo migliore. Se i giornalisti del Manifesto sono in gamba non avranno difficoltà a trovare un altro lavoro. Se non lo sono, evidentemente hanno sbagliato mestiere, dunque nessun rimpianto. E’ solo un piccolo passo, ma spero che un giorno più alcun giornale goda di finanziamenti pubblici, idem per i partiti. Sono soldi nostri e possono essere investiti molto meglio in attività produttive. saluti.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares