• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Società > “I reati non sono in aumento”: il rapporto dalle carceri italiane di (...)

“I reati non sono in aumento”: il rapporto dalle carceri italiane di Antigone

Carceri. Antigone: “attività criminale non in aumento. Cala il numero degli stranieri reclusi, il patto di inclusione paga”. I dati del rapporto di metà anno dell’associazione.

 
 

Calano gli ingressi in carcere dalla libertà (sono stati 24.380 nei primi mesi del 2018 erano stati 25.144 nel primo semestre del 2017), segno di un’attività criminale non in aumento – come del resto sottolineano le statistiche sui reati commessi – ma continuano a salire i detenuti, anche se di poco, aumentati di circa 700 unità negli ultimi 5 mesi. Al 30 giugno 2018 erano 58.759, 8.127 in più rispetto alla capienza regolamentare.

È quanto emerge dal rapporto di metà anno sulle carceri di Antigone che dedica ampio spazio anche alla questione stranieri. “Non c’è un’emergenza stranieri e non c’è un’emergenza sicurezza connessa agli stranieri” ha sottolineato Patrizio Gonnella, presidente di Antigone, durante la conferenza stampa. “La detenzione degli stranieri in Italia – ha fatto presente Gonnella – è diminuita di oltre 2 volte negli ultimi 10 anni. Se nel 2008 il tasso di detenzione (numero dei detenuti stranieri sul numero degli stranieri residenti in Italia) era dello 0,71%, al 30 giugno di quest’anno il tasso è dello 0,33%. I detenuti stranieri – ha concluso il presidente di Antigone – sono addirittura diminuiti in termini assoluti rispetto al 2008”.

Secondo l’associazione questo dato è spiegabile con il patto di inclusione. Regolarizzare la posizione degli stranieri e integrarli nella società riduce di molto i tassi di criminalità. Un esempio è quello dei rumeni che in soli cinque anni sono oltre 1.000 in meno nelle carceri, mentre la loro presenza in Italia è andata crescendo.

Nel rapporto Antigone risponde anche a chi propone di costruire nuove carceri. Secondo l’associazione la costruzione di un istituto in grado di ospitare 250 detenuti costa circa 35 milioni di euro. “Molto meno – ha chiarito ancora Patrizio Gonnella – costano le misure alternative alla detenzione che risultati molto migliori danno in termini di abbattimento della recidiva”.

Secondo l’associazione attualmente in Italia sono 28.621 i detenuti in misura alternativa (16.554 in affidamento in prova al servizio sociale, 11.159 in detenzione domiciliare, 908 in semilibertà). Potrebbero essere 50.000 se non si chiudesse la porta del carcere agli oltre 20.000 che potrebbero averne diritto avendo pene residue inferiore ai tre anni.

Tutti gli altri dati sono consultabili nella cartella stampa a questo link

Andrea Oleandri
Ufficio Stampa Associazione Antigone
cell. 339/5799057
tel. 06/4511304
facebook: Associazione Antigone
twitter: @AntigoneOnlus
e-mail: oleandri@antigone.it
web: www.associazioneantigone.it

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità