• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Società > Gpa e famiglie arcobaleno, conta cosa si dice ma soprattutto cosa non si (...)

Gpa e famiglie arcobaleno, conta cosa si dice ma soprattutto cosa non si dice

Potrebbe sembrare paradossale, ma nella realtà tutti sanno che dire cose vere non sempre equivale a dire la verità. Equivale piuttosto a dire una mezza verità, che non è una verità di seconda scelta, come potrebbe suonare, bensì qualcosa di molto più vicina alla menzogna, perché fuorviante. Una fake truth, per parafrasare l’anglismo fake news ultimamente molto in voga.

Lo sanno tutti e dovrebbe quindi saperlo anche Avvenire, di fatto la voce dei vescovi italiani, che invece nel dare recentemente notizia della trascrizione di un atto di nascita da Gpa ha lasciato intendere, con un’abile gestione delle mezze verità, che il tutto si sia svolto in totale dispregio della legge e della giurisprudenza in merito. Il caso descritto riguarda l’anagrafe del Comune di Milano, la quale ha trascritto l’atto di nascita di due bambini, una femmina e un maschio, i cui genitori risultano essere due uomini perché in California, Stato dove sono nati, la Gpa è possibile. Cosa aberrante per il quotidiano cattolico, per il quale probabilmente i piccoli andrebbero dati in adozione.

Per sostenere le sue tesi il giornale ha citato una sentenza della Corte di Cassazione del 2014 in cui è scritto che il divieto di ricorrere alla Gpa sancito dalla legge 40 è certamente un problema di ordine pubblico, in virtù del quale non sarebbe ricevibile l’atto certificante una nascita da Gpa. Tuttavia nel 2016, quindi due anni dopo quella sentenza, la stessa Cassazione è intervenuta a sostegno di una sentenza della Corte d’Appello di Torino che aveva ammesso la trascrivibilità dell’atto di nascita di un bambino con due madri. Nello specifico la Suprema Corte stabilì che il principio di ordine pubblico va valutato non limitatamente all’ordinamento italiano, bensì alla luce delle interpretazioni della Corte europea riguardo alla Convenzione Europea sui Diritti dell’Uomo. Sentenza che ha fatto un po’ da apripista, tant’è che a distanza di un anno la Corte d’Appello di Trento si è espressa a favore di una coppia di padri che chiedevano di trascrivere l’atto di nascita dei loro due gemellini.

Andando avanti Avvenire cita anche la sentenza 272/2017 della Consulta nella parte in cui sottolinea il fatto che la Gpa sia illegale in Italia, peraltro definendola una pratica dall’elevato disvalore, tralasciando però che sempre secondo quella stessa sentenza la storia biologica e genetica del bambino è solo uno dei parametri da tenere presente, nient’affatto predominante rispetto al legame con i genitori e la famiglia. Quel famoso interesse del minore che prevale ad esempio anche in casi di adozioni formalizzate all’estero, come quella che meno di un anno fa è stata riconosciuta dal Tribunale dei minori di Firenze.

Per il resto l’articolo risulta infarcito delle consuete contestazioni tradizional-moraliste: la presenza delle definizioni “genitore 1” e “genitore 2” sui moduli dell’anagrafe milanese, quando già svariati decenni fa non era scritto da nessuna parte “padre” o “madre” ma semmai “genitore o chi ne fa le veci”; il “saldo del conto” alla madre portatrice, che i soldi sono sempre lo sterco del diavolo a meno che non stiano in tasche adeguate; infine la scienza che secondo loro non avrebbe dato risposte univoche in merito alla crescita di un bambino in una famiglia omogenitoriale. In realtà gli studi hanno dato risposte abbastanza coerenti a riguardo, ma è chiaro che se per scienza si intende quella che non avrebbe nemmeno spiegato l’origine del mondo, allora si può dire tutto e il suo contrario.

Massimo Maiurana

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

  • Di Truman Burbank (---.---.---.242) 2 febbraio 19:32
    Truman Burbank

    Si, il mercato della vita umana e dei bambini è un ottimo affare sotto molti punti di vista. E molti ci si buttano sopra, sostenendo che la compravendita della vita è qualcosa di "scientificamente" valido. Io ho seri dubbi che la "scienza" possa dare risposte a problemi etici e comunque la compravendita dei bambini mi fa parecchio schifo.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità