• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Giuseppe Aragno

Storico del movimento operaio e dell'antifascismo.

Statistiche

  • Primo articolo lunedì 07 Luglio 2014
  • Moderatore da lunedì 07 Luglio 2014
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 187 28 146
1 mese 2 0 0
5 giorni 1 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 256 236 20
1 mese 1 1 0
5 giorni 1 1 0












Ultimi commenti

  • Di Giuseppe Aragno (---.---.---.136) 21 agosto 2014 18:58
    Giuseppe Aragno

    Quando apriremo gli occhi, sarà probabilmente tardi. Napolitano, Monti, Letta e ora il pupo fiorentino! Ci stanno trascinando in un abisso. 

  • Di Giuseppe Aragno (---.---.---.244) 19 agosto 2014 13:34
    Giuseppe Aragno

    Quando l’anatomista neoplatonico, dimostrava, bisturi alla mano, che il sistema nervoso fa capo al cervello, il collega tolemaico, imperturbabile, rispondeva: "ti darei ragione, perché pare proprio vero, ma Aristotele dice che tutto nasce dal cuore". Non c’è peggior sordo di quello che non vuol sentire, caro Paolo.Tu hai sbagliato tutto, non ho religioni, le ritengo anzi una iattura, sono ateo e, per essere precisi, non sono nemmeno pacifista, ma la tua bibbia è infallibile e perciò devo esserlo per forza: religioso, pacifista e per giunta qualunquista. Che vuoi che ti dica? Io non faccio il finto tonto e tu lo sai meglio di me: i colpi sparati dai fondamentalisti e i fucili che hanno in mano glieli hanno dati i mercanti d’armi. Anche i nostri. Le guerre - e i fondamentalismi - servono soprattutto a questo: a vendere armi. Poiché, però, non lo si può dire, ecco che si alzano le nobili bandiere dei diritti e della civiltà. Il trucco non riuscirebbe senza gli eterni tolemaici, ma quelli esistono e non c’è che fare.
    Ti ringrazio molto per non avermi resettato perché ti sono sembrato un occidentale di sinistra. Devo ritenere, però, che, se non ti avessi dato questa impressione, avresti premuto il grilletto. Converrai: questa per me non è una garanzia. Tu sembri proprio un occidentale fondamentalista e tanto basta a chiudere. Non si sa mai, può darsi che cambi idea, mi prendi per un orientale di destra e mi spari, come comanda la tua religione. l’hai scritto, no? "Occhi aperti e il dito pronto sul grilletto".
    Sono certo che capirai: prima che accada, chiudiamo qui. Io salvo la pelle e tu ti eviti un omicidio... mediatico.  

  • Di Giuseppe Aragno (---.---.---.244) 19 agosto 2014 10:32
    Giuseppe Aragno

    Che stupido questo Aragno, per la miseria! Non lo sa che gli F35, gli F36 e gli F38 mandano fiori e caramelle alle donne e ai bambini? Un amico mi ha detto che addirittura resuscitano le vittime dei terroristi. 
    Caro Paolo, hai proprio ragione. Sai che ti dico? Resettiamo anche lui!

  • Di Giuseppe Aragno (---.---.---.72) 16 agosto 2014 23:46
    Giuseppe Aragno

    Sinceramente mi pare che la precisazione di Della Pergola c’entri molto poco con ciò che ha scritto il “commentatore”. Aggiungo, per rispetto della verità storica, che quanto afferma è inesatto: non è vero che non esistono risoluzioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu che riguardino Israele. La risoluzione 425 del 1978 del Consiglio di sicurezza dell’ONU imponeva il rispetto dell’indipendenza politica, della sovranità e dell’integrità territoria del Libano all’interno dei confini riconosciuti dalla comunità internazionale e, di conseguenza, intimava a Israele di cessare ogni azione militare contro l’integrità del territorio libanese e ordinava il ritiro immediato delle sue forze da tutto il Libano. La Risoluzione 426 del Consiglio di sicurezza, poi, integrava la 425, inviando forze dell’UNIFIL in Libano. Nel tempo si sono poi contati fino a 7.000 caschi blu. Esito? Gli israeliani si ritirarono nel 1985! Non basta. Essi mantennero il controllo su una fascia di territorio a ridosso del confine. L’abbandono completo si ebbe solo nel 2000, cioè 15 anni dopo. In quanto al veto, non cancella la vergogna. E’ il caso del rifiuto opposto nel 2002 alla Commissione d’inchiesta su Jenin, che equivale a un ammissione di colpa; chiudo, ricordando, perché il quadro sia più chiaro, che in un solo anno, nel 2000, l’ONU ha votato qualcosa come otto risoluzioni di condanna della politica di Israele nei territori palestinesi occupati. Dissenzienti solo Israele e gli USA, naturalmente. Potrei continuare a lungo ma mi pare basti e senza scomodare la Treccani limito a confermare: carta straccia.

  • Di Giuseppe Aragno (---.---.---.72) 13 agosto 2014 22:31
    Giuseppe Aragno

    D’accordo: non si tratta di genocidio. Perché? Perché è una questione di numeri. Migliaia di morti contro milioni. Di che si tratta allora, se non è un genocidio? Di una strage, che non è cosa da nulla, soprattutto se si accompagna a “uno stillicidio di ordini vessatori”, di odiose “disposizioni che producono penurie alimentari o sanitarie che spingono le condizioni di vita al limite della sussistenza”. Un limite che colloca Israele oltre il confine della barbarie. Concordata l’atroce definizione – strage - bisognerà nutrire la speranza – in verità piuttosto disperata - che gli oltranzisti filoisraeliani non trasformino anche l’accusa di strage, con codicillo di vessazioni, limite di sopravvivenza eccetera, in “uno straordinario argomento propagandistico” e la piantino di gridare all’antisemitismo. Se non dovessero farlo, pazienza. Le cose stanno come stanno e non saranno gli oltranzisti filoisraeliani a decidere cosa si possa o non si possa dire. E’ vero ciò che scrive Giannuli: “le parole vanno usate con grande cautela evitando abusi che le svuotino di significato”. Questo, però, vale per tutte le parole, anche l’antisemitismo, che non può essere brandito come una clava contro ogni tentativo di accertare una verità che ormai, dopo i bombardamenti mirati sulle scuole dell’ONU, si rivela a dir poco angosciante. Si nomini, quindi, una Commissione d’Inchiesta internazionale e si accerti se a Gaza l’esercito israeliano ha commesso bestiali crimini di guerra, colpendo volutamente i rifugiati protetti dalle Nazioni Unite; l’accusa è stata confermata da testimoni oculari, funzionari dell’ONU, i quali non solo hanno rivelato che gli israeliani erano stati informati per tempo della presenza dei rifugiati, ma che nelle scuole dell’Onu non c’erano né missili, né combattenti, come sostiene Israele, ma gente terrorizzata. Molti bambini, tanti, troppi, qualcosa che fa pensare a un “bambinicidio”. Anch’io ho firmato appelli e richieste di processi per crimini di guerra, ma bisognerebbe approntare e firmare anche un appello in cui chiedere all’Onu di ricorrere a severissime sanzioni internazionali, qualora Israele dovesse rifiutare di collaborare. Checché ne pensino i fondamentalisti filoisraeliani, infatti, in genere le risoluzioni dell’Onu sono per Israele poco più che carta straccia, 

TEMATICHE DELL'AUTORE

Tribuna Libera Politica

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità