• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Giorgio Zintu

Giorgio Zintu

Oltre trent'anni di lavoro nell'editoria specializzata, dalla redazione alla ricerca e documentazione, alla comunicazione, al marketing e alla formazione. Mi occupo di ambiente, salute e volontariato culturale.
Socio FIMA - Federazione Italiana dei Media Ambientali.
"Possiamo essere felici con meno opulenza, perché in una società senza privilegi, non ci sono poveri". (André Gorz, Le Sauvage, 1975)

Statistiche

  • Primo articolo giovedì 07 Luglio 2011
  • Moderatore da lunedì 07 Luglio 2011
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 113 127 222
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 178 130 48
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di Giorgio Zintu (---.---.---.125) 8 ottobre 2012 19:13
    Giorgio Zintu

    Una rettifica su quanto ho scritto relativamente alla Corte dei conti "organismo non presente in Grecia, Spagna, Portogallo e Romania. Organismi simili per competenze sono presenti nei paesi citati ma al contrario dell’Italia la loro attività è considerata insufficiente e in alcuni casi gli stessi organismi dirigenti sono risultati coinvolti in pratiche di malaffare. gz 

  • Di Giorgio Zintu (---.---.---.5) 5 ottobre 2012 20:57
    Giorgio Zintu

    Per la verità in Sardegna avremmo un carbone di qualità peggiore di quello cinese ma paradossalmente più costoso e per il quale sarebbe allo studio un progetto di sfruttamento di tipo diverso da quello previsto nelle centrali tradizionali e che rimane sempre nero.

    Poi è evidente che il nostro paese non ha investito nei grandi progetti (vedi Rubbia) e invece i governi preferiscono forare montagne per risparmiare un’ora e mezza su un percorso di scarso appeal economico.
    Naturalmente bisogna porsi il problema di come risparmiare energia con case più efficienti, con incentivazione dei trasporti pubblici ove possibile, etc..
  • Di Giorgio Zintu (---.---.---.223) 2 ottobre 2012 20:15
    Giorgio Zintu

    Durante la trasmissione Lerner diceva sempre che l’ILVA è una grande azienda, come se essere una grande azienda significasse ammazzare la gente impunemente.

  • Di Giorgio Zintu (---.---.---.223) 28 settembre 2012 14:38
    Giorgio Zintu

    Davvero nessuno vuole mettere in discussione la salute delle persone? Strano, leggendo quello che scrive si ricava esattamente l’opposto. Ma andiamo avanti. Lei afferma che la decisione sulla chiusura di un impianto come quello dell’ILVA "non può essere avocata a sé da un magistrato, né da un Governatore di Regione" ...Essa è - e deve essere - prerogativa di Ministri e del Presidente del Consiglio"...Ho l’impressione che qui lei non abbia il senso del limite delle sue competenze di carattere giuridico. Ma vede, anche senza entrare nel merito di norme giuridiche esistenti e non inventate, Lei deve aver poco studiato anche la Costituzione della nostra Repubblica, in particolare l’articolo 32. Le riporto, per sua conoscenza, un commento che può trovare su internet. "

    La Costituzione italiana definisce la salute come "fondamentale diritto dell’individuo" e 
    come "interesse della collettività" (art. 32, 1° comma), delineando due aspetti, quello del 
    diritto e quello dell’interesse, distinti ma coordinati. Lo "stato di salute" non riguarda solo 
    il singolo ma si riflette sulla
     collettività, per cui la relativa tutela non si esaurisce solo in 
    situazioni attive di pretesa ma "implica e comprende il dovere di non ledere ne porre a 
    rischio con il proprio comportamento la salute altrui". 
    Il diritto alla salute si configura, più in generale, come valore costituzionale supremo in 
    quanto riconducibile all’integrità psico-fisica della persona (e non considerato solo quale 
    diritto sociale a prestazioni sanitarie)...".
    Lei, con quello che scrive, condanna il pianeta al suicidio solo perché fare qualcosa costa troppi soldi e invece andare all’ospedale o in un cimitero è più conveniente. 
    Giorgio Zintu
  • Di Giorgio Zintu (---.---.---.137) 13 luglio 2012 20:39
    Giorgio Zintu

    Grazie per l’apprezzamento e soprattutto per l’attenzione con cui segui questi problemi. Purtroppo dietro queste scelte prese "al vertice", c’è anche una responsabilità di tutti nel non individuare per tempo le soluzioni più logiche e meno costose che permettano a ciascuna comunità locale di prendersi carico dei problemi legati ai rifiuti, prima che altri sfornino il peggio.


Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità