• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cultura > Giordano Bruno: "diversamente pensante" sì, ma non laico

Giordano Bruno: "diversamente pensante" sì, ma non laico

Il rogo di Giordano Bruno, avvenuto il 17 febbraio del 1600 presso Campo de’ Fiori a Roma, è uno dei più tristemente famosi tra quelli ordinati dall’inquisizione romana, se non addirittura il più famoso in assoluto. La complessità della vicenda ha poi fatto sì che nel tempo la figura del nolano venisse esaltata per alcuni particolari aspetti, tralasciandone altri che pure sono indispensabili per farsi un’idea quanto più vicina alla realtà storica.

Bruno fu condannato al termine di un processo durato otto lunghi anni per aver espresso idee eretiche. Del resto il ruolo dell’inquisizione, di quella romana come della ben più efferata inquisizione spagnola, era primariamente quello di tutelare a ogni costo la dottrina cattolica contro coloro i quali cercavano di metterla in dubbio, e Bruno era uno di questi. Una delle tante vittime di una Chiesa totalitaria dunque, che in quanto tale non ammetteva si potesse dubitare delle sue verità. Tra le altre cose Bruno fu anche uno dei primi a sostenere l’eliocentrismo teorizzato da Copernico, e sappiamo tutti quanto questo fosse pericoloso a quei tempi; di lì a pochi anni Galileo sarebbe stato costretto ad abiurare convinzioni simili. Ciò ha fatto sì che nell’immaginario collettivo Bruno fosse visto come un martire dell’eliocentrismo, quando in realtà il suo pensiero eterodosso andava ben oltre i suoi convincimenti in materia di astronomia.

A dirla tutta Bruno non aveva nemmeno titolo per discettare di astronomia. Lui era un filosofo, non un uomo di scienza come Galileo; mentre Galileo sosteneva le sue convinzioni da un punto di vista scientifico, basandosi su osservazioni e calcoli, Bruno le sosteneva perché queste avvaloravano le sue convinzioni religiose, le stesse che lo condussero in seguito al rogo. Per Bruno, che in gioventù era stato un frate domenicano, l’interpretazione ecclesiastica delle sacre scritture era del tutto sbagliata laddove questa ipotizzava un creato completamente distinto dal suo creatore, con la Terra e l’uomo al suo centro. Quella di Bruno era una visione più esaltante dell’immanenza, secondo cui il creatore si riverbera nel creato che come esso è infinito. Una sorta di panteismo in salsa giudaico-cristiana. Il modello eliocentrico si sposava alla perfezione con questa convinzione e per questo lo abbracciò, insieme al principio di infinità dell’universo che invece non rientrava nelle teorie copernicane.

Costretto a lasciare l’Italia per i sospetti di eresia che già si diffondevano sul suo conto, dopo che aveva incautamente manifestato dubbi sul dogma della Trinità, Bruno viaggiò per l’Europa entrando in contatto con ambienti luterani e calvinisti, aderendo per un periodo di tempo a quest’ultima confessione. Tuttavia nemmeno le Chiese riformate si adattavano alla sua filosofia ed egli riuscì perfino a essere scomunicato da tutt’e tre le confessioni cristiane. Un vero record. Ma anche una conferma del fatto che Bruno non rigettava tanto la religione in sé, quanto quelle religioni che in quel determinato contesto storico esprimevano una dottrina da lui non condivisa.

Di fatto Bruno ambiva a diffondere la sua personale idea di religione, il che è molto diverso dal diffondere, come molti pensano abbia fatto, il libero pensiero. Più che essere un libero pensatore, Bruno era un “eteropensatore”, nel senso che il suo obiettivo era di sicuro quello di riformare il pensiero diffuso ai suoi tempi, ma non c’è nessuna evidenza che volesse anche affermare la libertà di pensiero. La libertà del suo pensiero certamente sì, ma non è la stessa cosa. Lui era e rimaneva un mistico, per lui la religione aveva una sua funzione sociale educatrice positiva e andava quindi affermata come mezzo di controllo delle masse. Non certo una posizione da laico.

Rimane il dato indiscutibile che Bruno, ancorché non difensore del pensiero libero, è comunque stato vittima del pensiero unico imposto con ogni mezzo da una Chiesa che ancora oggi non riesce a liberarsi dalle sue velleità totalitariste; celebrare il ricordo di Giordano Bruno ha quindi perfettamente senso in chiave anticlericale, intesa come denuncia di un clero oppressore, ma non ha nessun senso in chiave laica. Wojtyla, nel quadricentenario della morte del filosofo campano, ha affidato al cardinale Sodano il compito di esprimere la posizione attuale della Chiesa cattolica che può essere così sintetizzata: nessuna riabilitazione per Bruno, nessuna condanna per i suoi carnefici, dispiacere per l’accaduto. Ma stiamo parlando della stessa Chiesa che ha avuto bisogno di quattro secoli per riabilitare Galileo (senza allo stesso tempo condannare chi lo costrinse alla pubblica abiura) e di appena qualche anno in meno per bollare la scienza come religione dogmatica da tenere separata dallo Stato.

Massimo Maiurana

 
Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità