• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cultura > Foucault, Introduzione alla vita non-fascista

Foucault, Introduzione alla vita non-fascista

Mi segnalano che «Introduzione alla vita non-fascista» di Michel Foucault è leggibile (e scaricabile) in rete.

Per chi non lo conoscesse ecco (da NetEditor) una presentazione/introduzione.
Come fare per non diventare fascisti anche se (soprattutto se) si crede di essere militanti rivoluzionari? Come liberare i nostri discorsi e i nostri atti, i nostri sentimenti e i nostri piaceri dal fascismo? Come snidare il fascismo rintanato nel nostro carattere?
Azione politica libera da qualsiasi paranoia totalizzante e unitaria.
Sviluppo di azioni, pensieri e desideri mediante proliferazione, giustapposizione, disgiunzione, e non per suddivisione e gerarchizzazione piramidale.
Non fidarsi più delle vecchie categorizzazioni del Negativo (legge, limite, castrazione, carenza, lacuna) per troppo tempo sacralizzate dal pensiero occidentale come forma di potere e accesso alla realtà. Preferire ciò che è positivo e molteplice, la differenza all’uniformità, i flussi all’unità, le disposizioni mobili ai sistemi. Credere che ciò che è produttivo è nomadico e non sedentario.
Non credere che occorra essere tristi per essere militanti, per quanto sia abominevole ciò che si combatte. E’ la connessione del desiderio con la realtà (e non la sua fuga nella forma della rappresentazione) che possiede forza rivoluzionaria.


Non usare il pensiero per fondare una pratica politica sulla Verità, né l’azione politica per screditare – in forma meramente speculativa – una linea di pensiero.
Usare la pratica politica come un intensificatore del pensiero e l’analisi come un moltiplicatore delle forme e degli ambiti d’intervento dell’azione politica.
Non chiedere alla politica il ripristino dei “diritti individuali“, come sono stati definiti dalla filosofia. L’individualità è un prodotto del potere. Ciò che occorre è “de-individualizzarsi“, con la moltiplicazione e la dislocazione, in combinazioni diverse.
Il gruppo non dev’essere un legame organico che unisce individui gerarchizzati, ma un costante generatore di “de-individualizzazione”.
Non innamorarsi del potere.
Michel Foucault
(Tratto dalla prefazione all’edizione statunitense del 1977 di Gilles Deleuze e Felix Guattari, Anti-Edipo).

QUI IL TESTO E’ SCARICABILE IN TRE LINGUE:http://www.dtesis.univr.it/documenti/OccorrenzaIns/matdid/matdid574214.pdf

 
Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità