• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Economia > Flat Tax | Il ministro Tria e la geometria

Flat Tax | Il ministro Tria e la geometria

“La flat tax sarà progressiva, migliorerà l’attuale struttura dell’Irpef e nell’attuarla saranno rispettati i vincoli di finanza pubblica”. Così ha dichiarato il 17 luglio il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, in un intervento di fronte alla Commissione Finanze del Senato. Tutti gli osservatori hanno sottolineato il realismo di Tria, che non intende mettere a rischio i conti pubblici.

 

di Rocco Artifoni

Facciamo l’ipotesi che un esperto di geometria analitica dica: “la linea retta sarà una parabola, che migliorerà la curva esistente senza uscire dai limiti del piano”. Che cosa potremmo dire? Che è un genio che ha inventato una nuova geometria? Che è un’illusionista capace di far apparire ciò che non è? Che è un folle che dice frasi contraddittorie e senza senso? Che è un equilibrista delle parole per cercare di non scontentare nessuno? Che è un incompetente?

In realtà tutti dovremmo sapere che una flat tax (tassa piatta) non può essere in sé progressiva (lo dice il nome stesso). Di sicuro l’attuale struttura dell’IRPEF (con 5 scaglioni) si può migliorare, ma è impossibile con una flat tax. E per restare nei vincoli di finanza pubblica bisognerebbe varare una flat tax con un’aliquota vicina alla media attuale. Dato che le aliquote vigenti vanno dal 23% al 43%, com’è possibile che una flat tax al 15% (o anche al 20%) garantisca un gettito adeguato a rispettare i vincoli di finanza pubblica?

Il ministro Giovanni Tria, rispetto ad altri suoi colleghi di Governo, sembra equilibrato e moderato. Ma se le parole hanno un significato, i numeri dimostrano che le affermazioni del ministro non hanno un senso e una logica. Non sarebbe grave, se non fosse che si tratta di chi ha la chiave della cassa comune…

 
Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

  • Di pv21 (---.---.---.55) 20 luglio 12:37

    Cerchio e botte >

    Come fa il Ministro TRIA a dire a Di Maio e Salvini che “senza mettere a rischio i conti pubblicinon ci sono le risorse per varare i loro cavalli di battaglia (Flat Tax e Reddito di Cittadinanza)? Ossia che, se la situazione resta “costante”, sarà possibile giusto qualche ritocchino.

    E’ di tutta evidenza che SALVINI non teme la fine prematura di questo governo per andare a incassare gli attuali consensi sul fronte immigrati e sicurezza.

    A pagarne IL CONTO politico sarebbe Di MAIO. Per non parlare del “nervosismo” della Commissione UE e del costo (per noi) delle manovre "correttive".


    E allora vada per una botta al cerchio e una alla botte.

    Tanto si sa quanto valgono certe sbandierate Crociate Ministeriali ...

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità