• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Società > Firenze, dal 15 al 17 aprile torna il “Festival dei Bambini – Nuovi (...)

Firenze, dal 15 al 17 aprile torna il “Festival dei Bambini – Nuovi Mondi”

Tre giorni di eventi, spettacoli, workshop e laboratori creativi rivolti ai più piccoli. Dal 15 al 17 aprile torna con la terza edizione il “Festival dei Bambini – Nuovi Mondi – Insieme è meglio”, evento organizzato da Codice – “Idee per la cultura” e promosso dal Comune di Firenze. Tra le principali partecipazioni al Festival, l’Indire (Istituto Nazionale Documentazione Innovazione Ricerca Educativa), il Ministero della Difesa, Poste Italiane, Autostrade per l’Italia, Fastweb, Intesa San Paolo, Montblanc e Sammontana.

Quest’anno la manifestazione è dedicata al ricordo dell’alluvione dell’Arno che colpì la città di Firenze nel 1966 e che vide l’enorme solidarietà e partecipazione da parte di migliaia di giovani di tutte le nazionalità che, subito dopo l’alluvione, giunsero nel capoluogo fiorentino per salvare le opere d’arte, i libri ed altri beni artistici danneggiati durante l’alluvione. Questi giovani presero poi il nome di “Angeli del Fango”, definizione creata dal giornalista Giovanni Grazzini. Attraverso una serie di mostre e laboratori verrà spiegato ai ragazzi il legame che c’è tra la città e il suo fiume. «E’ un progetto in cui crediamo tantissimo che abbraccia sempre più generazioni – dichiara il sindaco di Firenze Dario Nardella in una nota diffusa da la Repubblica – i bambini sono la nostra bussola, orientano le nostre scelte e se il festival piace a loro abbiamo vinto».

Tra gli eventi in programma, “Minecraft a Scuola”, workshop organizzato da Andrea Benassi e Lorenzo Guasti , due ricercatori dell’Indire, partner scientifico del Festival, che si terrà presso la Scuola Pestalozzi di Firenze durante il quale bambini dai 7 ai 12 anni potranno sperimentare alcune applicazioni didattiche con il videogame Minecraft. Dalla costruzione di intere città al combattimento in stile “arcade”, il tutto con l’obiettivo di sperimentare la loro creatività e le potenzialità didattiche del software. «L’Indire partecipa con entusiasmo al Festival dei Bambini – dichiara il Direttore Generale Indire Flaminio Galli in una nota diffusa dall’ufficio stampa – mettendo a disposizione di scuole e addetti ai lavori la sua pluriennale esperienza di ricerca didattica. Siamo quindi lieti di poter la collaborazione con il Comune di Firenze, città dove l’Istituto è stato fondato 90 anni fa e dove svolge il suo ruolo in favore dell’innovazione dell’intero sistema scolastico italiano».

Altro evento in programma è il Laboratorio di archeo-fisica “La ricerca al servizio dell’arte”, organizzato da ricercatori Labec (Laboratorio di tecniche nucleari per l’ambiente e per i beni culturali) dell’Infn (Istituto Nazionale di Fisica Nucleare), il quale si svolge attraverso alcune storie a fumetti apparse sul magazine Topolino dedicate alla fisica : “ll bosino di Higgs” (2013), “Topolino e l’acceleratore nucleare” (1985), “Zio Paperone e Battista e l’Organipotogramma” (2016). Nel laboratorio i ricercatori lavoreranno insieme con i ragazzi ripercorrendo il processo che porta al ritrovamento di un reperto, alla sua analisi e si conclude con la datazione.

In programma anche il viaggio tra le stelle, organizzato nel Salone dei Cinquecento in Palazzo Vecchio, durante il quale Luca Parmitano, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e protagonista della prima missione di lunga durata dell’Agenzia Spaziale Italiana, condurrà i bambini alla scoperta dei segreti dello spazio, durante il quale racconterà la sua missione e risponderà alle domande dei bambini.

Sempre rivolto ai bambini, “Smart Lab – Il parco dell’innovazione” promosso da Fastweb in collaborazione con Kentsrapper, azienda di stampanti 3D, che si terrà presso la Sala d’arme di Palazzo Vecchio e in occasione del quale saranno organizzati laboratori creativi dove i bambini impareranno a modellare e stampare oggetti in 3D, realizzeranno corti animati in “stop-motion” con la plastilina, creeranno sculture a partire da un pannello di cartone o un pianeta da un mucchio di cannucce.

In programma anche eventi per i più grandi come “Io non rischio”, campagna di comunicazione nazionale sulle buone pratiche di protezione civile, promossa e realizzata dal Dipartimento della Protezione Civile, Ingv (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia), Anpas (Associazione Nazionale delle Pubbliche Assistenze) e ReLUIS (Consorzio interuniversitario dei laboratori di Ingegneria sismica), con l’obiettivo di promuoverne un ruolo attivo nel campo della prevenzione dei rischi.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità