• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > Elezioni | Un mese dal voto, ancora nessuna maggioranza: tutti i possibili (...)

Elezioni | Un mese dal voto, ancora nessuna maggioranza: tutti i possibili scenari post-voto

Aun mese dalle elezioni, i sondaggi ci dicono che lo scenario è ancora molto incerto, e la possibilità che una coalizione riesca a ottenere una maggioranza in grado di formare un governo sembra ancora remota.

 

di Emanuele Mercurio

Con la pubblicazione delle liste di candidati è stato possibile fare una proiezione più dettagliata della possibile composizione che il Parlamento avrà dopo il voto del 4 marzo, e di quelli che sono i possibili scenari del post-voto.

Alla Camera, secondo le nostre proiezioni, è la coalizione di centrodestra a essere in vantaggio: dovrebbe otterrebbe intorno ai 284 seggi, contro i 153 di PD e alleati, i 156 del Movimento 5 Stelle e i 25 della sinistra di Liberi e Uguali. Ancora lontana per tutti, dunque, quella quota 316 che consentirebbe di formare un governo senza cercare alleanze in Parlamento.

Situazione simile al Senato, dove la quota per raggiungere la maggioranza è fissata a 158 seggi. Con PD e alleati fermi a quota 77, Movimento 5 Stelle a 80 e coalizione di centrodestra a 140, nessuno riuscirebbe ad avvicinarsi alla maggioranza.

Quali sono i possibili scenari, dunque? Con nessun partito o coalizione in grado di accaparrarsi la partita da solo, si aprono strade a possibili alleanze post-voto.

Anche queste opzioni, però, sembrano molto poco concrete: l’ipotesi più in voga, la “grande coalizione” tra Forza Italia e centristi da un lato e PD e alleati minori dall’altro, si fermerebbe a 293 seggi alla Camera e 152 al Senato, non garantendo così una maggioranza in grado di formare un governo. Le possibili alternative sembrano ancora più irrealizzabili: scartando un’ipotesi “sovranista”, vale a dire un’alleanza tra Movimento 5 Stelle, Lega e Fratelli d’Italia, resta l’ipotesi di un “governo del presidente”, retto da PD, Forza Italia, centristi e Liberi e Uguali. Ma, sempre se tutti gli attori in campo accettassero quest’ultima ipotesi, trovando un difficile accordo sul premier (quasi certamente un tecnico, o l’attuale Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni), si tratterebbe di un governo in grado di far poco, e per poco tempo.

Un’ipotesi, dunque, di traghettamento verso nuove elezioni, da organizzare in tempi molto brevi.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

  • Di pv21 (---.---.---.107) 11 febbraio 19:45

    SI .. però >

    Stando ai sondaggi quella tra S BERLUSCONI e M RENZI è la compagine di governo che appare più plausibile. Infatti.

    Anche se dovessimo tornare alle urne, per riscrivere e varare una nuova Legge elettorale in tempi ragionevoli servirebbe almeno l’intesa di FI e PD.

    Vista altresì l’inderogabile esigenza di mantenere in equilibrio i conti e ridurre il Debito pubblico un’azione efficace e incisiva presuppone analoga convergenza di vedute tra FI e PD:


    Ciò detto. RESTA comunque un limite niente affatto secondario.

    Nella migliore delle ipotesi detta compagine governativa avrebbe la “rappresentanza” di appena un 30% (<1/3) del corpo elettorale. Ovvero non si ridurrebbe la “distanza” tra una larga parte dei cittadini e le Istituzioni.

    Si tratta di quel senso di affidabilità e credibilità che è sostanza e forza di una collettività davvero coesa. Una realtà “smarrita” da non pochi anni.


    Ergo. Mettere mano a patrimoni, norme e valori giova se è preludio di un Ritorno alla Meta

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità