• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Home page > Tempo Libero > Fame&Tulipani > Dire, fare, mangiare: diamo valore al cibo

Dire, fare, mangiare: diamo valore al cibo

Le buone pratiche per sostenere la filiera alimentare giusta e pulita, migliorare la società e nutrirsi in modo sano e conviviale. 

 

“Siamo quello che mangiamo” diceva il filosofo Ludwig Feuerbach nel lontano Ottocento per rimarcare l’influenza del cibo sul corpo, la psiche e lo spirito. E per sottolineare che l’alimentazione è alla base della cultura di ogni popolo, resa unica da tradizioni e riti che ruotano intorno al mangiare e alla tavola, luogo generatore di relazione ed empatia. Ma con quali pietanze imbandiamo la tavola? Ogni acquisto è un’azione politica che incide sul mercato dandoci l’opportunità di orientare la produzione verso sistemi rispettosi dell’ambiente e delle persone, a cibi sani per noi e per la collettività. La scelta che facciamo ogni giorno, anzi tre volte al giorno, può divenire rivoluzionaria e portare a una società più equa, giusta e pulita. Vediamo allora quali sono le buone pratiche a portata di mano per un “consumo critico”. 
Cosa acquistare
Prediligete prodotti locali, a filiera corta e stagionali, meglio se venduti sfusi per evitare la creazioni di rifiuti. Scegliete cibi biologici, biodinamici o coltivati in modo naturale, senza l’uso di fertilizzanti o pesticidi chimici dannosi per la salute e l’ambiente. Ricordate pure i cibi del commercio equo e solidale, vitale per le economie dei popoli dei Paesi poveri. E leggete sempre le etichette (vedi box). 


Fate una dieta sana
Adottate una dieta sostenibile (quella mediterranea è tra le migliori), non necessariamente vegana o vegetariana, ma ricca di legumi, frutta e verdura e povera di carni e insaccati. Evitate la carne proveniente da allevamenti intensivi, principale causa di emissioni di gas serra e inquinamento di origine alimentare. Limitate pure il consumo di alimenti ricchi di grassi, sale e zucchero. Per bere scegliete l'acqua del rubinetto, magari installando gli appositi filtri di depurazione. E non sprecatela: lavate la verdura a mollo e non con acqua corrente e azionate la lavastoviglie solo a pieno carico.

Per proseguire nella lettura del nostro approfondimento: "Diamo valore al cibo"

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità