• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Salute > Diabete, anche l’inquinamento tra i fattori di rischio

Diabete, anche l’inquinamento tra i fattori di rischio

Non solo cattive abitudini alimentari, stile di vita sedentario e obesità: anche l'inquinamento atmosferico rappresenta un fattore di rischio per il diabete.

 

di Francesca Camilli

È quanto afferma uno studio condotto dalla Washington University di St. Louis e pubblicato sulla rivista Lancet Planetary Health. La ricerca suggerisce l’idea che una riduzione dell’inquinamento potrebbe aiutare a diminuire la frequenza di questa malattia, che oggi colpisce più di 420 milioni di persone in tutto il mondo. Lo studio mostra, inoltre, come la connessione tra i due fattori si manifesti anche a concentrazioni di inquinanti oggi considerate sicure dall’OMS e dall’EPA, l’agenzia governativa ambientale statunitense (Environmental Protection Agency).

Per valutare la qualità dell’aria, i ricercatori hanno analizzato la concentrazione di PM2,5, il particolato atmosferico formato da particelle di diametro inferiore ai 2,5 µm. È dimostrato che queste particelle possono entrare nei polmoni e attraversare il flusso sanguigno, contribuendo allo sviluppo di malattie cardiovascolaritumori e malattie renali. Nel caso del diabete, il meccanismo non è ancora chiaro ma si pensa che possano agire riducendo la produzione di insulina e stimolando l’infiammazione.

Il gruppo di ricerca dalla Washington University, in collaborazione con il Veterans Affairs’ Clinical Epidemiology Center, ha indagato la relazione tra particolato e rischio di diabete analizzando i dati che riguardavano 1,7 milioni di veterani degli Stati Uniti, le cui condizioni mediche erano state seguite per otto anni e mezzo. I ricercatori hanno incrociato questi dati con quelli ambientali forniti dal sistema di monitoraggio dell’EPA e dai satelliti della NASA. Hanno quindi testato diversi modelli statistici, utilizzando come controllo alcuni fattori non associati al diabete, come ad esempio la concentrazione di sodio presente nell’aria, e fattori clinici non associati all’inquinamento, come le fratture degli arti inferiori. Dopo aver eliminato le associazioni casuali, hanno quindi elaborato un modello per valutare il rischio di sviluppare diabete a diversi livelli di inquinamento e hanno combinato questo modello con i dati ricavati dal Global Burden of Disease study (lo studio condotto su scala mondiale che valuta distribuzione, fattori di rischio e impatto delle patologie in termini di mortalità e disabilità).

In questo modo, è stata ottenuta una stima del numero di casi di diabete e il numero di anni di vita persi (DALYs, disability-adjusted life years) che potrebbero essere dovuti all’inquinamento: nel 2016 si tratterebbe di 3,2 milioni di nuovi casi, il 14% del totale. Gli anni di vita persi sarebbero 8,2 milioni in tutto il mondo. Negli Stati Uniti, paese in cui è stata svolta la ricerca, i nuovi casi sarebbero stati 150.000 e gli anni di vita sana persi 350.000. Secondo i ricercatori, i paesi più a rischio sono quelli che hanno meno risorse per elaborare misure di mitigazione ambientale e politiche adeguate, come ad esempio India, Afghanistan, Papua Nuova Guinea e Guyana.

Negli Stati Uniti, la soglia accettata per le PM2,5 è pari a una concentrazione di 12 microgrammi per metro cubo di aria, un valore simile a quello raccomandato dall’OMS (10 µg/m3). Ma secondo i ricercatori questo limite non è sufficiente a proteggere la popolazione dal rischio di sviluppare diabete, rischio che si osserva già a concentrazioni pari a 2,4 µg/m3. In un campione di veterani esposti a concentrazioni comprese tra 5 e 10 microgrammi, il 21% di essi ha sviluppato la malattia: quando la concentrazione è aumentata (tra l’11,9% e il 13,6%), la percentuale di veterani diabetici è salita al 24%. Un aumento del 3% corrisponde a 5000-6000 malati in più ogni 100.000 persone. Secondo Ziyad Al-Aly, autore della ricerca, è importante evidenziare questo aspetto perché molte lobby industriali sostengono che i limiti attuali siano troppo stretti e debbano essere allentati: lo studio, al contrario, suggerisce che i livelli non siano ancora sufficienti e dovrebbero essere più rigidi. In Italia, il limite fissato per legge è pari a 25 µg/m3.

Segui Francesca Camilli su Twitter

 
Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità