• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > Di Pietro segna un gol e subito dopo fa autorete

Di Pietro segna un gol e subito dopo fa autorete

Le ultime esternazioni di Di Pietro hanno fatto molto discutere fuori e dentro il suo partito. Durante la discussione sulle comunicazioni del Presidente del Consiglio, avvenuta la settimana scorsa alla Camera dei Deputati il leader dell’Italia dei Valori ha tenuto un discorso molto critico nei confronti del partito democratico e dei partiti di opposizione. Ha invece mantenuto un tono basso e cauto con il governo spingendosi a dialogare per venti minuti con Silvio Berlusconi, cosa fino a poche settimane fa impensabile.

Il nuovo corso dipietrista, intrapreso dopo la vittoria dei 4 referendum quando l’Italia dei Valori non sfruttò l’accaduto per chiedere le dimissioni del governo, è continuato con una svolta più moderata e disponibile nei confronti del centrodestra, prosegue con l’intenzione svelata da Di Pietro di essere pronto a votare le riforme di stampo berlusconiano qualora fossero presentate in Parlamento.

Di Pietro sembra segnare un punto a suo vantaggio e uno a suo sfavore, come un giocatore che durante un partita decisiva per l’esito del campionato segnasse un gol e venti minuti dopo un‘autorete, disorientando i suppoter della propria squadra.

L’intenzione di spronare l’opposizione inchiodandola alle proprie responsabilità non può che essere un fatto positivo. Ricordare a Bersani di esercitare la propria leadership fino in fondo, spendendosi affinché il fronte del centrosinistra elabori il proprio programma e scelga il proprio candidato premier, capace di far convergere sulla propria persona la maggioranza dei consensi alle prossime elezioni politiche non è soltanto auspicabile ma è anche doveroso.

L’apertura tardiva e fuori tempo massimo al governo e alle politiche berlusconiane sembra posticcia ed artefatta. Come fa infatti il partito che ha fatto dell’antiberlusconismo il connotato più marcato del proprio dna, cambiare rotta improvvisamente, senza suscitare delle perplessità tra i propri sostenitori?

In questa strana operazione non sono sbagliati soltanto i modi ed i contenuti ma anche i tempi. Se si fosse fatta ad inizio legislatura quando c’era tutto il tempo e le buone intenzioni per sedersi intorno ad un tavolo e parlare di riforme avrebbe avuto un senso, farlo ad esso quando il Cavaliere agonizzante cerca una sponda a sinistra per tirare a campare, appare come un pericoloso errore di valutazione.

Come si fa a parlare di possibile collaborazione tra IDV e PDL/Lega quando il cronoprogramma dei lavori parlamentatati è già noto a tutti ed è incentrato sulla discussione della “prescrizione breve”, del “processo lungo”, della legge sulle intercettazioni, delle riforme truffa sul fisco e sulla giustizia? 

Come fa Antonio Di Pietro che fino a pochi mesi fa definiva Silvio Berlusconi uno “stupratore della democrazia” ed “un coniglio” ad invocare un’apertura di credito nei confronti del governo senza creare nei molti italiani che sono stanchi delle varie “cricche” e dei vari potentati che dominano l’amministrazione pubblica un moto di fastidio e disorientamento?

Le opposizoni continuino a fare le opposizioni ed ad organizzare il proprio campo affinché possano rappresentare un’alternativa credibile il prima possibile, ma non si lascino abbindolare dalle sirene del berlusconismo, esiste il grande rischio di rivitalizzare colui che fino ad adesso (a ragione) è stato rappresentato come la causa principale del declino e del malcostume italiano. Non lo chiede una minoranza, ma un’enorme quantità di italiani, gli stessi che il 12 e 13 giugno scorso hanno votato sì all’abrogazione della legge sul “leggittimo impedimento” dando seguito ad un impulso nato da Di Pietro e dal suo movimento politico.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

  • Di Lio Giallini (---.---.---.248) 27 giugno 2011 13:24
    Lio Giallini

    Gentilissimo Andrea D’Antrassi, La prego di dedicare 2 minuti alla lettura di un mio articolo del 25 febbraio 2011 (Un o una Berlusconi al potere per altri 100 anni? - AgoraVox). Potrebbe contribuire alla Sua analisi, certamente interessante. Mi congratulo con Lei. E tuttavia ... Cordiali saluti Lio Giallini

  • Di pv21 (---.---.---.96) 27 giugno 2011 19:53

    Ultima chiamata >

    Nel 2010 il PIL è fermo al 94,7% di quello ante-crisi (2007). Il tasso di crescita non arriva a metà della media europea e la Borsa sta oscillando sui valori del 2009.
    Dal 2008 il nostro Debito pubblico è cresciuto di quasi 290 miliardi.
    Dopo i 24 mld di “tagli” decisi nel 2010 vedremo “aggiustamenti” da 3-5 mld l’anno. Poi, per riequilibrare il bilancio, ci vorrà un’ulteriore cura da almeno 40 miliardi.
    Da quasi 7 mesi la cosiddetta “terza gamba” difende alla Camera la “trincea” di una maggioranza “purchessia” che risponde all’appello del “tutto tranne elezioni”.

    Il paese non può più “vivacchiare”, ma la soluzione non è tornare alle urne senza una prospettiva credibile.
    Serve da subito una “larga convergenza” su alcuni obiettivi prioritari.
    Dalla riforma della legge elettorale ad un piano d’azione in grado di gestire le urgenze economiche, rivalutando l’equità sociale.
    Un’agenda programmatica da svolgere in tempi brevi. Il passaggio obbligato di qualsiasi quadro o “percorso” politico improntato a responsabilità.

    Più passa il tempo e maggiori saranno i “sacrifici” da caricare sul paese.
    La storia insegna che la Febbre del Tribuno non rinuncia mai ai propri interessi fino a …

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares