• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Dalla terza guerra mondiale a pezzi al dopo Barcellona: è mutata la regia (...)

Dalla terza guerra mondiale a pezzi al dopo Barcellona: è mutata la regia mediatica sul terrorismo

Dopo quel maledetto 17 agosto del 2017, nulla è stato più come prima. Non solo per le famiglie coinvolte o per chi si porterà per sempre dietro la drammaticità di quell'atto, ma per come cambierà la strategia mediatica di comunicazione. Il terrorismo islamista lentamente sparisce dalle cronache nazionali. Inizia a non essere più un problema. Si era arrivati sul punto di perdere le staffe nelle città europee sempre più militarizzate. Ma il passaggio dai controlli serrati a trasformare i New Jersey in panchine è stato breve.

Certamente ha influito il quadro internazionale, l'aver demolito la roccaforte del terrorismo islamista. Però ogni volta che accadeva qualcosa si parlava fugacemente del fatto, lo si rilegava a possibile azione di qualche squilibrato, come se gli islamisti fossero equilibrati, di folle, come se gli islamisti fossero lucidi, cadevano le certezze, cadevano le prime pagine, le dirette mondiali. Per poi la notizia sparire, non sapere più la matrice, la causa, la responsabilità. Il niente. Mentre fino a Barcellona si sapeva vita e morte e miracoli di tutto. Pazzesco. Ma è quello che sta accadendo senza che nessuno si ponga alcuna domanda perché accettato come normale in balia di una normalità che ti travolge e fa dimenticare l'incubo in cui eravamo piombati.

Ma è realmente finito quell'incubo? Dopo Barcellona di fatti di rilievo vi sarà New York il 31 ottobre del 2017 nella giornata di Halloween, la notizia avrà spazio ma durerà meno del solito. Poi il vuoto per ritornare a Parigi nel maggio del 2018, a Lubeck in Germania o il 23 luglio a Toronto. Si parlerà di attentatore, ma con l'avvertenza che non si può parlare di terrorismo, mentre prima si diceva "non si può escludere il terrorismo". Eravamo arrivati a parlare di terza guerra mondiale a pezzi, a frammenti. Poi, è finito tutto d'un colpo. E' stata la guerra mondiale più veloce e rapida della storia dell'umanità probabilmente.

Quando si era innanzi ad atti che creavano in ogni caso terrore. Comunque sia la regia mediatica è cambiata in modo radicale, perché alcuni importanti media hanno indiscutibilmente contribuito per come è gestita l'informazione ad ingigantire un fenomeno agghiacciante, a potenziarne gli effetti ed a spingere clamorosamente l'Europa verso i nazionalismi più radicali ed estremi.

Marco Barone

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità