• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Da Renzusconi a DeMaiusconi: Di Maio, il traditore “responsabile”

Da Renzusconi a DeMaiusconi: Di Maio, il traditore “responsabile”

 

 

Rompo, dopo oltre cinque anni, e per questa volta, il silenzio stampa che decisi contro l'ex movimento. Sono l'unica giornalista che - a livello nazionale - ha avuto la coerenza di farlo. Ma ora si parla di politica nazionale, e non posso esimermi dall'analizzare ciò che sta accadendo e di prevedere ciò che accadrà nel nostro paese.

Oltre un mese dalle elezioni. Oltre un mese a tener sospesa un’intera nazione e tutto l’elettorato che ora è talmente stremato e stufo di accordi, riunioni, passi avanti, indietro e di lato, che accetterebbe persino un governo presieduto dallo squartatore di Amburgo. E’ questo ciò che accade, se tieni la gente così tanto a lungo in bilico e senza guida.

I politici, tutti i politici, sapevano benissimo cosa sarebbe accaduto. Non a caso è stato varato il Rosatellum, e nessuno inventi che Di Maio, o Salvini o Berlusconi, non sapessero che tipo di Legge elettorale hanno deciso di rendere possibile. Lo sapevano bene, ed è stata una decisione ponderata, altro che…

Dopo una campagna elettorale che nemmeno su Topolino si azzarderebbero mai a rappresentare, con le promesse più fesse e irrealizzabili mai propagandate nella storia della Repubblica italiana, la popolazione ha potuto toccare con mano di che pasta siano fatti i politici nostrani.

Ma anche no, dal momento che buona parte della popolazione, resta appesa al filo della “speranza che qualcosa cambi” anche se, per l’ennesima volta, hanno di fronte l’assurda realtà: nulla cambierà, ed è più che palese ormai. Non si capisce cos’altro debbano inciuciare i politici di ogni formazione, per urlarlo a questo popolo che non ne vuol sapere di ammettere la realtà in cui viviamo.

Non è bastato ciò che è accaduto con Renzi al governo, che dopo poche ore dalla nomina a Premier, passò dal famoso “Berlusconi game over” al Patto del Nazareno. Ora non basta il fatto che, il “capo politico” dell’ex movimento, abbia fatto tutte le retromarce che a memoria d’uomo possiamo ricordare.

Erano quelli del “Noi non abbiamo bisogno dei voti dei corrotti e dei mafiosi” (veemente dichiarazione di Di Maio nel 2017) “Basta con la casta” (interessante rivedere un intervento di Di Maio in Parlamento, sempre nel 2017), nel “Vecchi politici tutti a casa” “Noi siamo il nuovo, via la vecchia politica” “Mai con Berlusconi” “Mai con Salvini” “Mai accordi con i partiti”. Mai.

Infatti, dopo l’esilarante scenetta di Di Maio che pretese di presentare al presidente Mattarella la “squadra di governo” prima delle elezioni, e che fu gentilmente accompagnato alla porta, nulla è rimasto né della famosa “squadra di governo da presentare agli italiani per estrema trasparenza” e nemmeno delle “assolute convinzioni” di restare al di fuori dai soliti giochetti di partito e di poltrone, di nomine e strette di mano più viscide di un serpente a sonagli.

Attenzione però: l’ex movimento, o meglio colui che lo rappresenta, non ha tradito solo il proprio elettorato, bensì quella parte di politici a cinque stelle che ancora credono alla balla del “Movimento contro la casta e contro tutti i politici nazionali”. E’ a loro, oltre che agli elettori, che Di Maio deve rispondere. E’ a loro che deve spiegare come mai questa netta inversione di marcia, pur di stare appiccicato col culo alle poltrone più alte al vertice della nazione.

Ed è sempre a loro, oltre che ai propri elettori, a dover far capire che val più un incarico che la coscienza.

Basta con le balle, per carità. Pensavate di esservi lasciati alle spalle “Renzusconi” ma eccovi servito “DiMaiusconi”, un ibrido orribile e imperfetto, zeppo di contraddizioni e di mezze verità. Un prodotto di un sistema ormai alla totale deriva, in cui il cittadino-elettore conta meno del due di picche.

E sia chiaro a tutti: l’unico uomo politico a comandare su tutto e tutti, da oltre 20 anni, è lui: Silvio Berlusconi. Che ha sempre più potere, e più numeri, delle altre formazioni politiche, oltre che denaro a sufficienza per comprare anche i parlamentari più riottosi. Con buona pace di chi, quella sera del 2011, ballava esultando per la “dipartita dalla politica” dell’ex cavaliere.

Voglio vederli, ora, ad esser costretti – man mano – a tornare indietro sulle promesse elettorali. Voglio ascoltarli quando inizieranno la litania del “Al momento non possiamo cancellare la Legge Fornero”…anche se non diranno mai che la UE ci chiede una Legge Fornero bis, altro che cancellare la prima.

Voglio ascoltarli quando perderanno tempo dietro qualche ennesima bestialità, per far dimenticare alla fetta di popolo che aveva creduto in loro, che di tutte le panzane dichiarate in campagna elettorale, nemmeno una sarà possibile realizzare.

Però c’è da ammetterlo: hanno fatto qualcosa di completamente nuovo. Anzi due. La prima: lasciare la nazione senza un governo per oltre due mesi – e non sappiano quando ne avremo uno – in pieno stile tedesco senza però ottenere gli stessi effetti benedici, anche sull'economia nazionale. La seconda: far toccare con mano a tutti gli italiani che in politica esiste una sola cosa: l’abuso di potere.

Chapeaux!

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.98) 12 maggio 2018 12:04

    D’accordo con Lei: visto il Rosatellum, tutti loro sapevano ed hanno scommesso su una riedizione di Renzusconi; la campagna elettorale l’hanno impostata quindi sparando ad alzo zero per poter dire che loro avevano ragione ecc.ecc.ecc.: gli elettori, da questo punto di vista, li hanno fregati........!    ( inconsapevolmente d’accordo, ma Di Maio e Salvini, dichiarandosi vincitori, si sono fregati da soli). Adesso hanno Berlusconi, rappresentato da Salvini, a dare le carte ed in qualche modo ne devono uscire: attenzione, Salvini non può abbandonare Berlusconi: la Lega, qui al nord, fino a quando sbraita va bene ma deve stare bene attenta a non esagerare, ecco perché Berlusconi è ancora il mandante.

    Che faranno i grilliani? Boh, intanto c’è in piedi un bella rappresentazione teatrale, se sarà commedia o tragedia si vedrà. Bisogna sempre tenere presente che sono dei qualunquisti fideisti e che questo è un germe fascista, poi, grande attenzione alla comunicazione, costrutto poco. Commentando Giannuli il 10 marzo scrivevo che in ogni caso l’aria che tira è a loro favore......ne sono ancora convinto e a sentire le loro dichiarazioni su queste "trattative" si stanno già parando il sedere. L’ultimo appiglio sarà la votazione online del "contratto"; se faranno un governo qualche iniziativa di maquillage sui temi è sempre possibile, poi ce lo chiede l’Europa e avanti andare. (Mi fa venire in mente, tanti anni fa, la Bossi/Fini e lo SPRAR, seguiti immediatamente da una sanatoria monstre).
    Peccato per noi italiani: tutte queste baruffe non aiutano la comprensione o una qualche voglia di maggiore informazione e approfondimento politico e/o partitico. 
    In quanto al Contratto alla tedesca: fa fine essere esterofili peccato che noi non siamo la Germania. (A proposito: il redditto di cittadinanza grilliano è davvero l’anticamera di Hartz IV, complimenti), 

    Un Saluto
    Es.
     

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità