• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Cuba: Miguel Diaz-Canel: l’enigmatico presidente cubano

Cuba: Miguel Diaz-Canel: l’enigmatico presidente cubano

Cuba: una nuova generazione di rivoluzionari alle porte

 

Il nuovo presidente di Cuba, Miguel Diaz-Canel, vanta una lunga esperienza di politica rivoluzionaria, nonostante la giovane età. Il suo predecessore di 86 anni, il Generale Raúl Castro, doveva abbandonare il proprio mandato. Fidel aveva 81 anni quando consegnò il potere a suo fratello. All'età di 57 anni, Diaz-Canel sembrerebbe un semplice bambino rispetto ai suoi predecessori ottuagenari. Eppure in termini di politica, c'è ben poca differenza tra loro. L’educazione politica di Diaz-Canel si forgiò sotto i fratelli Castro. Durante il suo servizio militare, face parte dei servizi di sicurezza del Presidente. L'era della Guerra Fredda fu un periodo attivo per il giovane attivista. 

Mentre negli anni '80 i giovani statunitensi guardavano video musicali commerciali, Miguel Diaz-Canel funse come collegamento del Partito Comunista Cubano con il Nicaragua, alleato sia di Cuba che dell'Unione Sovietica. Da allora non si allontanò molto dalla famiglia rivoluzionaria, assumendo vari ruoli nel Partito Comunista e, in seguito, nel governo. Non appena Cuba e l'amministrazione Obama decisero di ripristinare le relazioni diplomatiche, decenni di amara stagnazione iniziarono a cedere. Le ambasciate stavano per essere riaperte. 

Il sipario fu improvvisamente sollevato da Cuba, una nazione congelata dalla Guerra Fredda. Ma Miguel Diaz-Canel restò ancora un mistero: mentre quasi tutti conoscevano il presidente di Cuba, Raúl Castro, il suo successore scelto con cura, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, era praticamente ancora sconosciuto. Quindi, quando i membri del Congresso degli Stati Uniti visitarono Cuba all'inizio del 2015, interrogarono il signor Díaz-Canel con domande come: Cosa pensa della rivoluzione che definisce la politica dell'isola e il suo posto sulla scena mondiale? Diaz-Canel rispose: "Sono nato nel 1960, dopo la rivoluzione", “Non sono la persona migliore per rispondere alle tue domande sull'argomento". I cubani “dissidenti” in Florida hanno aspettato anni per vedere il ritiro dei Castro, ma nessuno ha festeggiando questo 19 aprile 2018. Diaz-Canel nato un anno dopo che le forze di Fidel Castro presero il controllo dell'isola, è la prima persona fuori dalla famiglia Castro a guidare Cuba da decenni. Prese il timone del governo cubano lo scorso mese con una standing ovation da parte dell'Assemblea Nazionale, che lo elesse con voto quasi unanime. Il signor Castro l’abbracciò, sollevando il braccio del giovane in segno di trionfo. La lenta e costante ascesa di Díaz-Canel nelle file della burocrazia è passata attraverso la lealtà instancabile alla causa socialista - lui "non è un precursore, né un improvvisato", disse R. Castro - ma stette in gran parte dietro le quinte fino a poco tempo fa.

Ora, come leader, il signor Díaz-Canel rappresenta nuove e fresche speranze per l’isola. La maggior parte si aspetta che sia un presidente di continuità, soprattutto perché visse all'ombra di Raúl Castro, che rimarrà il capo delle forze armate e del Partito Comunista. Ma il signor Díaz-Canel ha in progetto la rianimazione dell'economia cubana, in un momento in cui il presidente Trump si ritira dai vari impegni verso Cuba, impegni assunti dal precedente presidente statunitense. Inoltre Díaz-Canel troverà una strada per gestire le frustrazioni di una popolazione cubana impaziente riguardo il ritmo dei cambiamenti sull'isola, senza il peso delle credenziali rivoluzionarie del suo predecessore. Tali credenziali sono state il fondamento del potere politico a Cuba fin da quando Fidel Castro prese il controllo della nazione nel 1959. Fidel Castro consegnò il potere a Raúl nel 2006, poi morì 10 all'età di 90 anni. Raúl ha poi inaugurato alcune delle riforme più importanti degli ultimi decenni, e ora ne sta orchestrando altre: il passaggio della torcia a una nuova generazione. Dopo aver riformato l’economia cubana, espandendo anche i viaggi dentro e fuori il paese e ristabilendo i legami con il grande nemico, gli Stati Uniti, Raúl Castro ha scelto per il futuro governo del paese il signor Díaz-Canel, un “uomo con scarsa visibilità per i leader politici e culturali statunitensi", disse Daniel P. Erikson, ex funzionario del Dipartimento di Stato USA, "Francamente, non è così conosciuto neanche nel resto dell'America Latina." Nel suo discorso davanti all'Assemblea Nazionale, Díaz-Canel ha offerto molti degli stessi punti di discussione rivoluzionari dei suoi predecessori. Da quando il signor Díaz-Canel è stato nominato primo vicepresidente nel 2013, cubani e osservatori di Cuba si sono affannati per scoprire di più sull'enigmatico erede, sfogliando il suo curriculum come leader del Partito nelle province di Villa Clara e Holguín, e più tardi come Ministro dell'Istruzione Superiore. In ogni incarico assunto, secondo coloro che lo conoscevano all'epoca, il signor Díaz-Canel si mostrò un leader silenzioso ma efficace, apparentemente aperto al cambiamento. Molti lo definirono un buon ascoltatore, mentre altri lo descrivevano come accessibile, libero dalla rigidità e inaccessibilità dei tipici capi di partito. Grazie a tutto ciò, è stato anche un implacabile difensore della rivoluzione e dei suoi principi politici. La narrazione sulle sue qualità come everyman si sono ampiamente diffuse negli ultimi anni: quando si recò con la sua bicicletta al lavoro, invece di prendere un veicolo governativo durante la penuria di gas; quando difese i diritti di un club omosessuale a Santa Clara di fronte alle proteste omofobe; quando ha pazientemente ascoltato gli accademici brontolare (a volte su di lui) come Ministro dell'Istruzione Superiore. Più recentemente, è stato una voce di primo piano per l'accesso a Internet a Cuba, sostenendo che la nazione non può isolarsi dal mondo esterno. Sebbene le sue convinzioni restino molto fedeli alla linea del partito, coloro che lo conoscono personalmente affermano di non aderire alla convinzione che Cuba possa sottrarsi alla modernizzazione necessaria per partecipare all'economia globale. Ma a Cuba, il continuum del pensiero politico non è in bianco e nero, come superficialmente si pensa. Spesso le definizioni convenzionali di progressisti contro hard-liner non sono per niente applicabili. I leader cubani possono incarnare entrambe le opzioni e il signor Díaz-Canel ne è un fulgido esempio. Il signor Díaz-Canel è cresciuto nella provincia centrale di Villa Clara, a circa tre ore dall'Avana, figlio di un insegnante e di un’operaia. Ha studiato ingegneria elettrica presso la Central University of Las Villas, dove fu attivo nella vita politica. È stato visto sin dalla più tenera età come una stella nascente, all'interno del Partito Comunista di Cuba. Da giovane, si unì all'Unione dei Giovani Comunisti, la Lega Giovanile del Partito, dove si distinse tra i suoi pari. In seguito ha lavorato come guardia del corpo di Raúl Castro. Secondo un amico che lo conobbe in quel momento, l'incarico gli ha permesso di mostrare lealtà alla causa. Ha servito per tre anni l'esercito cubano, un altro nodo del potere nel paese, dopo di che ha ripreso la sua lenta scalata fino ai vertici del partito. A vent'anni, è stato nominato come “collegamento” per il PCC con il Nicaragua, l'unico altro governo comunista della regione in quel momento, un posto considerato importante per il governo cubano. Rodolfo Stusser, 72 anni, ha ricordato di aver incontrato Díaz-Canel alla fine degli anni '80, mentre lavorava come medico durante la guerra civile in Nicaragua. Il dott. Stusser sentiva che gli altri dottori intorno a lui erano pigri, non seri sul loro lavoro. E proprio mentre iniziava a piacergli la vita in Nicaragua, fu inviato a lavorare altrove. Si recò all'Ambasciata Cubana per protestare, dove incontrò un giovane signor Díaz-Canel, a cui offrì un passaggio. Il dottor Stusser si sfogò con il giovane, elencando le varie ingiustizie che sentiva di subire. Era quasi terapeutico, ricordò. Il signor Díaz-Canel, un membro emergente del Partito in quel momento, si sedette in silenzio e ascoltò il dr. Stusser per 40 minuti di viaggio, ricordò. Disse il dottor Stusser: "Non parlò. Ma mi aiutò". Non molto tempo dopo, il dott. Stusser scoprì che il suo destino si era ribaltato in Nicaragua. Gli fu permesso di rimanere. E un funzionario d’ Ambasciata che gli stava dando buca trovò il tempo di incontrarlo. Il dott. Stusser, che ha disertato nel 2010 e che ora vive nel sud della Florida, ha sempre sospettato che il giovane funzionario del Partito Comunista Cubano, l’uomo che ascoltava senza parlare, avesse lavorato tranquillamente tra La Habana e Managua per risolvere i suoi problemi. Juan Juan Almeida, 52 anni, ricorda di aver sentito rievocare il nome del signor Díaz-Canel anni dopo nelle conversazioni con suo padre, che all'epoca era un membro di spicco del Partito Comunista Cubano. Ricorda che suo padre tornò a casa una notte del 1993, dopo un incontro in cui i funzionari il cui si discusse sui futuri leader del paese. José Ramón Machado Ventura, un membro della vecchia guardia cubana, propose una lista di giovani leader e il nome del signor Díaz-Canel era tra questi. Raúl disse: “è affidabile, ma troppo giovane", il signor Almeida ricorda che suo padre gli aveva detto dopo l'incontro: "Era la prima volta che sentivo il nome di Miguel Díaz-Canel". Da quel momento in poi, disse, il nome del signor Díaz-Canel si avvicendò spesso. Passò da un lavoro di primo piano a un altro - compresi i posti provinciali dove sviluppò la reputazione di funzionario efficace e leale. Come primo segretario nella Provincia di Villa Clara, il signor Díaz-Canel entrò in carica durante il cosiddetto “periodo especial”, quando l'aiuto generoso che fluiva a Cuba dall'Unione Sovietica fu bruscamente interrotto dopo il suo crollo. A quei tempi, il signor Díaz-Canel andava con la bici al lavoro, rifiutandosi di utilizzare l’ automobile con aria condizionata cui aveva diritto. La sua lealtà diede i suoi frutti. Nel 2013 è stato nominato Primo Vice Presidente. Poi, il 18 aprile di quest'anno, l'Assemblea Nazionale lo elesse Presidente. Questa non fu una scelta difficile per l'Assemblea: Diaz-Canel fu il successore scelto da Raul Castro e l'unico candidato. Assunse l'incarico il giorno seguente.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità