• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > Cosa chiede il referendum sulla legge elettorale

Cosa chiede il referendum sulla legge elettorale

Descrizione sintetica e si spera chiara, del prossimo referendum di modifica della vigente legge elettorale.

Uno dei nostri collaboratori ha gentilmente accettato di compilare una nota esplicativa riguardo il prossimo referendum sulla legge elettorale.

Scheda 1 (verde) - Legge elettorale della Camera.

Se vince il “no” o va a votare meno del 50%+1 degli elettori rimane in piedi la legge vigente. Dei 630 seggi della Camera, il 55% (pari a 340 seggi) va alla lista che ottiene la maggioranza relativa dei voti (basta avere anche un voto in più). Per ottenere questa maggioranza relativa, le liste hanno la possibilità di creare coalizioni: le liste che ne fanno parte saranno contate, ai fini del calcolo dei voti, come se fossero una lista unica.

Da notare che le liste non possono entrare in Parlamento se ottengono meno del 4% dei voti, ma se fanno parte di una coalizione, possono entrare anche ottenendo solo il 2% dei voti.

Se vince il “si” e va a votare più del 50%+1 degli elettori, non sarà più possibile presentare coalizioni. La lista che ottiene la maggioranza relativa otterrà da sola il 55% dei seggi.

Esempio: alle elezioni 2008, il Pdl ha ottenuto il 37,4% dei voti, contro il 33,2% del secondo partito (il Pd). Con la legge che uscirebbe, eventualmente, dal referendum, avrebbe ottenuto il 55% dei seggi senza bisogno della Lega. Ma se Pd e Italia dei Valori avessero fatto una lista unica, avrebbero ottenuto il 37,6% dei voti, risultando il primo partito e ottenendo dunque il 55% dei seggi.



Da notare che con la legge che uscirebbe dal referendum, i partiti con meno del 4% dei voti, starebbero fuori dal Parlamento, senza che possano essere “salvate” dalla loro appartenenza a una coalizione: le coalizioni non esisterebbero più.

Scheda 2 (bianca) - Legge elettorale del Senato.

Stesso meccanismo. Con una differenza: il calcolo dei seggi avviene su base regionale. Dunque la lista che ottiene la maggioranza dei voti in una regione, ottiene il 55% dei seggi di quella regione.

Scheda 3 (rossa) - Divieto di candidature multiple.

Con l’attuale legge, ogni candidato ha la possibilità di candidarsi in più di una delle diverse circoscrizioni elettorali in cui è diviso il territorio (ad ogni circoscrizione corrisponde una lista di candidati, per ogni partito saranno eletti tanti candidati della lista quanti sono i voti ottenuti da quel partito in quella circoscrizione).

Se vince il "si" e va a votare più del 50%+1 degli elettori ogni candidato avrà la possibilità di candidarsi in una e una sola circoscrizione.

Per maggiori informazioni visita il sito: www.cittadinolex.kataweb.it/article_view.jsp

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.252) 24 aprile 2009 13:23

    Per favore non andate a votare, se vince il si si avrà una legge elettorale simile al ventennio. E allora ci sarà da piangere...

  • Di vincenzo de simone (---.---.---.174) 24 aprile 2009 20:03

    l’articolo non spiega perche’ in caso di vittoria del si,il partito che otterrebbe il maggior numero di voti,otterrebbe un premio di maggioranza.

    • Di sborgus (---.---.---.214) 24 aprile 2009 21:16

      Perchè il referendum cancella la possibilità di creare coalizioni. Lo dice bene l’articolo, citando qui l’attuale legge:

      "[...] la legge vigente. Dei 630 seggi della Camera, il 55% (pari a 340 seggi) va alla lista che ottiene la maggioranza relativa dei voti (basta avere anche un voto in più). Per ottenere questa maggioranza relativa, le liste hanno la possibilità di creare coalizioni: le liste che ne fanno parte saranno contate, ai fini del calcolo dei voti, come se fossero una lista unica."

      e qui la modifica introdotta dal quesito referendario:

      "Se vince il “si” [...], non sarà più possibile presentare coalizioni. La lista che ottiene la maggioranza relativa otterrà da sola il 55% dei seggi"

      Si tenga ben presente che "lista" non vuol dire necessariamente "partito", perchè più partiti possono presentarsi sotto un’unica lista, come è avvenuto spesso sia nel 2006 che nel 2008, e come accadrà anche alle prossime elezioni europee di giugno.

    • Di Termometro politico (---.---.---.203) 24 aprile 2009 21:18
      Termometro Politico

       Ti riferisci a questo passaggio dell’articolo?

      "La lista che ottiene la maggioranza relativa otterrà da sola il 55% dei seggi." con relativo esempio di seguito?

  • Di GiorgioV (---.---.---.33) 15 maggio 2009 15:37

    Continuano a RIFIUTARSI di farci votare il candidato piuttosto che la lista?

    Nemmeno con il referendum si potrà porre fine a questo gravissimo deficit di democrazia?

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares