• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Società > Cos’è il Bunga Bunga, il tormentone del giorno

Cos’è il Bunga Bunga, il tormentone del giorno

C’è un nuovo tormentone che da stamattina invade il web e non solo: il bunga bunga. Lontano dal tormentone ripetitivo del waka waka, questa “nuova” espressione si declina non in musica, bensì in erotismo, anzi diciamo sesso, di quello spinto.

Stando all’Urban Dictionary, infatti, bunga bunga starebbe per: “Brutale e selvaggia violenza sessuale anale di gruppo. Punizione riservata a chi oltrepassa i confini territoriali di una tribù africana”, insomma cose da YouPorn più che da casa del Presidente del Consiglio. Ma che riguardi Berlusconi, sia chiaro, è ancora da chiarire. L’accusa, come ormai tutti sanno, è di Ruby, una ragazza marocchina che ha parlato di incontri sessuali ad Arcore a cui partecipavano, stando alla cronaca di questa mattina di Repubblica, che riprende l’interrogatorio della ragazza, “conduttrici televisive celebri o meno note, star in ascesa, qualcuna celeberrima, starlet in declino, qualche velina, più di una escort, due ministre, ragazze single e ragazze in apparenza fidanzatissime”. Insomma a un anno e mezzo di distanza dall’affaire Letizia Noemi, ecco che un’altra minorenne prende la parola per sottolineare il suo rapporto col Premier, il quale non è indagato per nulla, a differenza sembra di Emilio Fede, il quale avrebbe presentato la minorenne al Presidente del Consiglio (e che nega ogni sospetto di indagine a suo carico: “Non mi risulta di essere indagato per alcun reato. L’ho appreso stamani leggendo i quotidiani: credo di avere conosciuto quella ragazza a qualche cena a casa di Berlusconi ma non l’ho presentata io né a Lele Mora, né al presidente del Consiglio”), Lele Mora che l’avrebbe introdotta nel mondo dello spettacolo, e Nicole Minetti, ex igienista dentale del Premier e ora consigliere regionale della Lombardia, indagati per favoreggiamento della prostituzione. Gli investigatori, infatti, ben lontanio dall’interessarsi dei fatti pruriginosi di Berlusconi, vogliono vederci chiari rispetto alla possibilità chem come sottolinea anche il Corriere della Sera a quelle feste "tra le partecipanti vi siano state ragazze accompagnate o indirizzate alle feste con preventivate prospettive di meretricio, poi magari tali da suggerire ricatti tentati". Ma non è il livello giudiziario che interessa, piuttosto ci si chiede, quale garanzie dia un Presidente del Consiglio di cui si dimostrasse la ricattabilità.
 
Un interrogativo che ci si pose anche all’epoca dello scandalo di Casoria, ma che questa volta non trova una moglie indignata ad amplificare quelle che dovevano essere delle serate, come dire, alternative. Una moglie non c’è, ma un ennesimo raccordo, a parte il sesso e l’età di almeno una delle partecipanti (per sua stessa ammissione, all’insaputa del Premier), c’è ed è proprio il bunga bunga (Ruby dice che quella formula sarebbe stata "copiata a Gheddafi") raccontato dalla stessa Noemi Letizia durante un’intervista ad Angelo Agrippa sul Corriere del Mezzogiorno quando racconto la barzelletta preferita tra quelle raccontate da Berlusconi: “Vi sono due ministri del governo Prodi che vanno in Africa, su un’isola deserta, e vengono catturati da una tribù di indigeni. Il capo tribù interpella il primo ostaggio e gli propone: ‘‘Vuoi morire o bunga-bunga?’’. Il ministro sceglie: ‘‘bunga-bunga’’. E viene violentato. Il secondo prigioniero, anche lui messo dinanzi alla scelta, non indugia e risponde: ‘‘Voglio morire!’’. Ma il capo tribù: ‘‘Prima bunga-bunga e poi morire”.
 
Tra le cose che hanno colpito l’immaginario c’è la presenza, a quelle serate, di Ministre, e a sottolinearlo ci pensa anche Gad Lerner che in un breve post sul suo blog, caratterizzato dall’immagine del Ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini scrive “spero Ruby menta quando dice al magistrato che ai dopocena scherzosamente erotici di Arcore, denominati “bunga bunga”, oltre alle soubrettes e alle escort abbiano partecipato pure due ministre. Mi attendo una netta smentita nelle prossime ore. Per il bene della scuola italiana”. Metilparanben gioca invece sulle vocali riprendendo la frase di Bossi: "A Milano le case si danno prima ai 42 mila lombardi che aspettano un alloggio e non al primo bingo bongo che arriva" e chiedendosi se basta cambiare una vocale per cambiare tutti ("i Bongo bongo no, il Bunga bunga sì"), mentre NonLeggerlo prova lo scoop dando l'immagine di questa ragazza marocchina... trovata su Facebook.
 
Parte dell'attenzione, insomma, si sposta subito dall’accusa di prostituzione che cascherebbe – il condizionale è d’obbligo date le smentite di Fede – su personaggi noti della tv, all’”allegria da caserma” come la definisce Luca Sofri sul suo blog. Sperando vivamente, per il bene dell'immagine non proprio rosea del nostro paese, che sia una “colossale montatura” come affermano i legali del Premier; noi, intanto, aspettiamo impazienti quelli di Spinoza.

I commenti più votati

  • Di (---.---.---.212) 28 ottobre 2010 22:09

    Non è esatto. La palla, sempre che di questo si tratti, serve per sviare l’attenzione dalle palle clamorose che ha sparato e continua a sparare lui sull’emergenza rifiuti e sull’inceneritore di Acerra, o su che cosa sia la riforma della giustizia in pratica.

    Il bunga bunga lo sta facendo lui a tutti i culi itailani. E da tempo. 

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.88) 28 ottobre 2010 14:01

    QUANTE PALLE INVENTATE PER COLPIRE BERLUSCONI!

    • Di (---.---.---.212) 28 ottobre 2010 22:09

      Non è esatto. La palla, sempre che di questo si tratti, serve per sviare l’attenzione dalle palle clamorose che ha sparato e continua a sparare lui sull’emergenza rifiuti e sull’inceneritore di Acerra, o su che cosa sia la riforma della giustizia in pratica.

      Il bunga bunga lo sta facendo lui a tutti i culi itailani. E da tempo. 
  • Di alessandro tantussi (---.---.---.226) 31 ottobre 2010 05:25
    alessandro tantussi

    Seondo me l’articolo è scritto molto bene. L’ironia è molto efficace perchè rafforzata da una esposizione piana, documentata e formalmente neutrale. Entrando nel merito della questione: sono del parere che se venisse appurato
     
    -che c’è stata indebita ingerenza da parte di BERLUSCONI presso la questura per ottenere un illegittimo favore per Ruby 
    - che ci sono stati rapporti sessuali (soprattutto se mercenari)

    Per BERLUSCONI sarebbero guai piuttosto seri 

    in caso contrario la cosa si rivelerebbe un enorme boomerang per chi ha avallato la notizia e soprattutto per l’opposizione,

  • Di (---.---.---.176) 31 ottobre 2010 10:00

    Io dico che bisogna stare molto attenti a fare dell’ironia. Anziché di Bunga-Bunga bisognerebbe usare termini come corruzione di minori, induzione alla prostituzione, falso ideologico.


    Bunga-bunga diventa un tormentone che rende figo chi lo ha inventato.

    Qui siamo di fronte ad un vecchio bavoso, un pedofilo che per raggiungere le sue schifose mire usa metodi da banda della Magliana.

    Che importanza ha se abbia avuto o meno rapporti sessuali? proviamo a pensare se avessimo noi una figlia di diciassette anni e un vecchio schifoso la avvicina e le offre del danaro affinché segga sulle sue ginocchia o si faccia guardare a nuotare nuda nella propria piscina. Che schifo. E la cosa che mi fa ancora piu’ schifo e’ che se non fosse il presidente del consiglio i carabinieri l’avrebbero gia’ prelevato e gli avrebbero spaccato i denti (pardon sarebbe inciampato sulle scale).
  • Di Luigi Iovino (---.---.---.178) 31 ottobre 2010 10:27
    Luigi Iovino

    Il Bunga Bunga della Giustizia..., tutti sanno che la giustizia italiana, rispetto alla responsabilità civile dei magistrati agisce in difetto alle norme europee, ma tutti tacciona... (Quasi tutti per la verità perchè io e un altro del Comitato Spontaneo Cittadini Contro la MALAGIUSTIZIA ci siamo iscritti a parlare e gliene abbiamo dette quattro) ...

    Il Bunga Bunga non è quindi solo un problema di Silvio, ma un problema del paese...

    http://www.youtube.com/watch?v=RWk34YcDdNk&feature=&p=6C977815F05C7867&index=0&playnext=1

    www.luigiiovino.it

  • Di pv21 (---.---.---.188) 31 ottobre 2010 12:40

    Come sono cambiati i tempi !! Una volta al Grand Hotel si incontrava la "nipote" del "Cumenda".
    Oggi per conoscere la "nipote" del Presidente Egiziano devi andare in Questura.
    Per farla "uscire" occorre la telefonata di "affidamento" di un "Cavaliere" di buon cuore.
    Non serve mai la firma sul "verbale" del Dossier Arroganza ...
     

  • Di (---.---.---.230) 31 ottobre 2010 18:20

    un paese di merda

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares