Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS

 Home page > Attualità > Società > Cori beceri, le note stonate della cronaca

Cori beceri, le note stonate della cronaca

 

Il coro contro da stadio è sempre esistito, dai goliardici “Giulietta è 'na zoccola” a tutti quelli immortalati dalla rubrica “Striscia lo striscione” del programma di Ricci. Alcuni erano pesantucci: “Forza Vesuvio”, o “Hitler, dopo gli ebrei anche i napoletani”, o “L'arena crollerà”, ma restavano all'interno dell'immaginifico.

Diciamo che era anacronistico attribuire un ritorno del Fuhrer in chiave antipartenopea e gli eventi naturali sono, come dire, sordi ai richiami da stadio. Dunque potevano andare. Poi si è entrati nel tragico, a partire dai fatti dell'Heysel, con scantonamenti, questi si attualissimi, su razzismo vario, esemplificato dal classico “Buuu” contro i giocatori di colore. Per quanto squallido, questo fenomeno poteva rimanere circoscritto alla categoria dell'esorcismo, o della autoraffigurazione in senso negativo che però, manifestando in modo esplicito il male – o il peggio – al tempo stesso lo neutralizzava. La curva è soprattutto un gioco di mistiche, da due soldi, ma è appunto la simulazione di una faziosità pressoché bellica e necessita di tinte fosche di maniera. Da qualche tempo, tuttavia, il fenomeno è trasceso, tracimando nella cronaca.

L'insieme è definito dai navigatori “Cori beceri” e, grazie al volano di internet e dei sempre più utili – sia letto con infinito sarcasmo – facebook e twitter, si gonfia su sé stesso. Ogni tanto da una curva parte un canto non più indirizzato alla squadra o la città avversa, ma che ironizza sui fatti di cronaca più truci: quotatissimi i casi Knox e Misseri, o Franzoni e il "volo" di Pessotto, che più si avvicina alla congerie calcistica. I soliti ritornelli vengono riadattati con effetti del genere: “Se tu odi gli schiamazzi chiama Olindo e Rosa Bazzi”, che, per quanto estrema, comunque è una soluzione al problema dei vicini molesti. O “Non rompere il cruscotto, l'ha già fatto Pessotto” sulle note di “Para no verte mas” che citiamo solo perché la vicenda si è conclusa bene. Altri alzano il tiro ma sfiorano vette di fantasia compositiva che, se da un verso è esecrabile, in assoluto (in senso quasi nietzschiano) sono indovinatissimi, come “Se sei Restivo tu lo sai batti le mani, Claps Claps”.

Il problema è quando si scantona verso l'indicibile, ad esempio le vicende Franzoni e Gambirasio che non osiamo neanche riportare per decenza. Sembra una gara al fuori luogo incapace di risparmiare anche i drammi peggiori. Ma pure una risposta scostumatissima, oltre il politcally uncorrect, all'invasività delle speculazioni mediatiche vespistiche, o vespasianiche. Un dato è netto: gli stadi raccolgono il peggio, ma non è da loro che questo peggio nasce. E con un sorriso, tra lo scanzonato e lo psicopatico, ce lo fanno notare.

di Giovanni Chianelli e Antonio Zamparelli


Ti potrebbero interessare anche

Calcio: razzismo da stadio
Il Salento di ieri con l'armonica a bocca di Angelo e la bella Italia d'oggi
Ti offendi se ti chiamo terrone?
Ilaria Alpi. Il segreto sulla vergogna di stato
Il doodle di Google oggi è per la Versiera di Maria Gaetana Agnesi


Lasciare un commento


Sostieni AgoraVox

(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere:

  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L'autore dell'aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.



Pubblicità




Pubblicità



Palmares


Pubblicità