• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Colombia, riprendono i dialoghi di pace tra governo e guerriglia (...)

Colombia, riprendono i dialoghi di pace tra governo e guerriglia dell’ELN

 

Non senza difficoltà riprendono i dialoghi tra governo e guerriglia dell'ELN, una delle guerriglie più antiche del mondo dopo le FARC. Obiettivo: raggiungere un nuovo “cessate il fuoco” bilaterale. Processo di pace questo che va avanti tra incertezze, affanni e ritardi:il quinto ciclo di dialoghi tra Governo e Esercito di Liberazione Nazionale doveva iniziare questo 9 di gennaio. Ma il processo di pace si era interrotto dopo che il governo aveva bombardato un accampamento dell'ELN e ucciso alias Guacho. In tutta risposta l'ELN aveva ripreso e intensificato gli attacchi contro gli oleodotti in Arauca, una delle regioni più “calde” del paese e da sempre roccaforte della guerriglia dele FARC. Nella regione di Aruca fanno presenza dopo il processo di pace dell'Havana con le FARC l'ELN, l'Esercito Popolare di Liberazione Nazionale e agguerrite bande di Narcos. La regione di Arauca si trova infatti in una posizione strategica per raggiungere il Venezuela e i traffici nella zona sono molti: cocaina, armi, denaro contante, alcolici, petrolio e benzina di contrabbando.

A fine dicembre 2017 il governo bombarda gli accampamenti dell'ELN effettua alcuni operativi militari minori. L'11 gennaio 2018 l'ELN aveva già effettuato 7 attacchi contro forze dell'ordine e oleodotti. Ciò nonostante ribadiva tramte il comando centrale la sua volontà di riprendere i dialoghi di pace. Ma a fine gennaio vengono effettuati tre attacchi con esplosivi nella costa sud dell'Atlantico colombiano. Tra gli attacchi una bomba contro la stazione di polizia nel quartiere San Jose a Barranquilla, città molto importante della Colombia e sede del noto Carnevale: il saldo è di 40 feriti alcuni dei quali gravi. L'attentato è stato attribuito al Fronte di Guerra Urbano dell'ELN,

A metà di aprile l'Ecuador ritira il suo supporto al processo di pace tra governo colombiano e Eln in seguito ad alcuni attacchi e sequestri attribuiti a un gruppo dissidente delle Farc liderato da alias Guacho. Specificatamente l'Ecuador interrompe il suo ruolo di mediatore/negoziatore dopo il sequestro e l'assassinio di un intera equipe di giornalisti equadoregni e di quattro effettivi della marina.

                                           Alessandro Bonafede ass. ISOLA

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità