Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS

 Home page > Tribuna Libera > Buon 25 aprile, ora e sempre!

Buon 25 aprile, ora e sempre!

È piacevole ascoltare “Bella ciao” per le vie della città. Ti vien voglia di canticchiarla, di sorridere mentre apri le ante della finestra e lasci entrare aria di primavera. Tornano in mente le feste dell’Unità, quelle fatte di musica, risate e riflessione. Un panino, qualche sigaretta e fiumi di vino rosso, quell’Italia dei compagni, dei pugni alzati e della possibilità a tutti data e a nessuno negata. E oggi che si chiama il passato a testimoniare quello che eravamo, più vecchio e depravato si fa il volto di un’Italia che ha perso la strada, e dai suoi valori non sa più tornare, così intenta ad afferrare le farfalline di Ruby, Belen, delle bambole di plastica che hanno preso gli italiani per il potere.

Offesa, occupata e calpestata l’Italia del 25 aprile del 1945. Quanta differenza corre tra questo stato di dittatura mediatica, sfacelo sociale, povertà economica e culturale, e quello drammatico di dittatura fascista, sfacelo sociale e povertà economica del Paese nel 1945? Bombardamento, poi annientamento, tecniche di distruzione di massa che inceneriscono un paese. Stuprato nell’anima femminile e abbandonato come l’ultima delle puttane sui panni sgualciti e insanguinati, come è accaduto a madri, mogli e figlie in quel lontano quaranta, come accade ancora oggi nelle periferie di Roma, nelle case e nei palazzi. Stuprata nelle intelligenze e nelle creatività, ancorata ai sessi, alla vendita diretta di se stessi, involgarita dalla furbizia e dal ventaglio dell’ultima soubrette, di rosso vestita e di paillettes adornata.

E torniamo a festeggiare una libertà che ha perso le ali il giorno stesso in cui è stata conquistata, perché solo coloro che hanno combattuto in campo ne hanno gustato l’odore: noi tutti ne siamo vittime e seguaci senza conoscerne il volto. È libero un paese tenuto sotto scacco dalle mafie, dalla corruzione, dai pregiudizi, dalle ideologie, dai partiti politici, dal sesso, dal razzismo? È libero un paese che si prostituisce ogni giorno per tirare a campare, che mostra la spalla scoperta per chiedere favori, prestiti e tangenti? È libero un paese in cui il lavoro è l’ombra di una società giusta ed equa? È libero un paese in cui sale vertiginosamente il numero di suicidi come vertiginosamente sale il desiderio di civetteria e provincialismo nel conoscere i particolari più piccanti delle feste a villa Certosa? Ditemi, se questo Paese è libero. Ditemi se in questo paese si può celebrare la libertà senza battersi ancora perché essa entri nelle nostre case come un fazzoletto rosso tanti anni fa.

Ed è certo che resiste. Continua a resistere alla volgarità e alla depravazione con la dignità del lavoro, mesto e silenzioso. Resiste con i volti e le mani di coloro che continuano ad alzarsi tutte le mattine e tornano a fare il proprio dovere, a insegnare ai propri figli che la libertà è quel sorriso da conquistare ogni giorno con onestà, fatica e determinazione. Resiste con le rughe delle donne che si battono per ribadire con forza, in quest’Italia di bambole e make up, il fulgore e la versatilità dell’intelligenza femminile. Resiste con gli uomini e le donne che insegnano in aule malandate e polverose la Storia, per non dimenticare. Resiste con gli uomimi e le donne di cultura che raccontano attraverso diversi linguaggi questa bandiera strappata e incenerita. Resiste. E questa resistenza, più che questa libertà denudata e spaventata, mi commuove.

Buon 25 aprile, ora e sempre!

Questo articolo è stato pubblicato qui


Ti potrebbero interessare anche

Wall of dolls. Un inutile muro di bambole
Etiopia, 30 arresti nel nuovo giro di vite contro il dissenso
Chiodi: in Abruzzo il Piave mormora il 25 maggio
La lotta contro la violenza sulle donne è senza confini
L’italiano, il cittadino più forte d’Europa


Lasciare un commento


Sostieni AgoraVox

(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere:

  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L'autore dell'aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.



Pubblicità




Pubblicità



Palmares


Pubblicità