• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cronaca > Bologna, una via a Bettino Craxi: un esempio di amnesia storica

Bologna, una via a Bettino Craxi: un esempio di amnesia storica

Il sindaco di Molinella (Bologna), Dario Mantovani, ha annunciato che una delle vie della nuova zona artigianale sarà intitolata a Bettino Craxi, l'ex Presidente del Consiglio socialista morto in esilio in Tunisia circa 20 anni fa.

Con questo provvedimento, l'Italia dimostra una volta ancora di avere vie e piazze dedicate a personaggi eroici ed esemplari da una parte e a individui ricordati più per le loro malefatte (coperte "istituzionalmente") e per una esistenza quanto meno discutibile dall'altra.
Una perfetta "convivenza" tra le personalità migliori e peggiori del nostro paese.
 
Quindi, passeggiando per le nostre città si può capitare su "Piazza Falcone e Borsellino" e poi poco dopo giungere in "Viale Luigi Cadorna" oppure passare per "Via Luigi Farini" per poi arrivare a "Largo Andrea Costa".
La memoria storica nel nostro paese è talmente carente da non permettere ai più di distinguere tra personaggi esemplari (che hanno compiuto gesta davvero importanti per il bene dell'Italia) a individui mediocri o di dubbia integrità morale (ma che la Storia ufficiale si accanisce troppo spesso a lodare in modo del tutto arbitrario e fuorviante).
In questo spazio, però non intendo soffermarmi sull'operato politico di Bettino Craxi costituito sicuramente di episodi positivi ma anche di tanti (troppi) risultati negativi (che ancora oggi condizionano profondamente il presente e futuro del nostro paese), ma ricordare che vi sono prove inconfutabili che hanno portato alla pronuncia di due sentenze passate in giudicato, una per corruzione (processo ENI-SAI) il 12.11.1996) e un'altra per finanziamento illecito (per le tangenti della Metropolitana Milanese il 20 aprile 1999).
Sorvolo poi sull'estinzione di diversi reati (causa decesso dello stesso Craxi) e per prescrizione di altri, ma rimane un fatto indiscutibile che l'esponente socialista (piaccia o no) era di fatto un pregiudicato latitante in Tunisia.
Capisco che il sindaco renziano Mantovani (classe 1982 e quindi durante la presidenza del consiglio di Bettino Craxi giocava ancora alle macchinine!) cercasse una personalità autorevole a cui intitolare quella via, ma lo inviterei caldamente a farsi una cultura sui fatti accertati dalla magistratura relativi alle incriminazioni e successive condanne dell'esponente socialista.
Come già detto, di quei fatti il paese ha pagato (e continua a pagare) conseguenze molto pesanti e negative.
Sarebbe poi il momento che si cominciasse ad operare una netta inversione di tendenza riguardo a come si intitolano vie e piazze nelle nostre città, perché personalmente ritengo profondamente offensivo che diverse di loro siano dedicate a macellai guerrafondai e a persone di dubbia moralità (che più che pensare al bene della nostra patria, hanno consacrato la loro esistenza al proprio tornaconto creando danni e dolori a non pochi dei nostri antenati).
Anche perché se in Italia, gli amministratori pubblici persevereranno nel lasciarsi colpire da "amnesia storica", si finirà con l'intitolare vie e piazze a gente come Raffaele Cutolo, Luciano Liggio o Toto Riina!
La fine di uno Stato civile!
 
Yvan Rettore
 
Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità