• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Società > Berlusconi e le donne: tutto uno schifo, ma in fondo...

Berlusconi e le donne: tutto uno schifo, ma in fondo...

Le pagine dei quotidiani nazionali, da qualche tempo a questa parte, hanno subìto un netto restyling e ora assomigliano più o meno tutte a dei rotocalchi pseudo-erotici di basso rango. Il motivo lo conosciamo benissimo, e a prescindere dal colore politico che abbracciamo, nella stragrande maggioranza dei casi siamo concordi nel giudicare immorale questo tipo di condotta, a maggior ragione perché è tenuta da una carica pubblica.

Eh, però...

Lavoro in una zona di Roma in cui la densità di uffici supera di gran lunga quella delle abitazioni. Di conseguenza, all'ora di pranzo, le strade si riempono di impiegati dalle stanche membra, di tutte le fasce d'età/reddito/estrazione sociale, in cerca di un posto dove rifocillarsi.

L'ultima tappa di questo ripetitivo tour quotidiano è quel luogo mistico, quasi zen, chiamato "bar". Qui accade una cosa fantastica: sebbene la permanenza sia relativamente breve, per un qualche tipo di alchimia cui solo noi italiani sottostiamo, alcune barriere sociali vengono in parte infrante e qualche freno inibitore si allenta per quel piccolissimo lasso di tempo in cui le nostre papille gustative sono sotto l'influenza del nettare nero. Ed è in quei momenti che escono fuori i commenti più genuini. I "ma" che non ti aspetti. Le strizzate d'occhio, le pacchette sulla spalla, gli sguardi complici.

E proprio al bar, nelle scorse settimane, mi è capitato di ascoltare commenti che mi hanno fatto riflettere.

"Sì certo, è uno schifo, però beato Berlusconi che se ne scopa così tante!"

"Avremmo fatto tutti come lui. Che cazzo devi farci con tutti quei soldi e tutto quel potere, sennò?"

"Finché rimane tra le mura private della propria casa, ognuno può fare quello che gli pare. Se potessi mi farei un harem".

"Ci arrivassi io a 75 anni così in forma... fortunato lui che può".

"Ma tanto le donne sono tutte troie. Passavano una bella serata, si scopavano il Presidente, magari ottenevano pure un posto in qualche trasmissione e venivano anche pagate per la prestazione. Che vuoi di più?"

"Ma quella non è prostituzione, è sana virilità. Potessimo tutti spendere 5.000 euro al giorno in zoccole, lo faremmo senza battere ciglio".

Poi li guardi in faccia e vedi dei normalissimi signori, padri di famiglia o fidanzati. Gente all'apparenza come te, o come me. Gente che in realtà quando parla con gli altri dà una versione, mentre in fondo la pensa in maniera nettamente diversa.

Ecco, la mia domanda è questa: ma allora, in fondo, vi sta davvero bene così? È per questo che sento tante persone protestare, blaterare, strillare, ma nessuno (o quasi) visceralmente scosso e indignato dal puttanaio che è diventato questo paese? È per questo che ogni volta che mi chiedo "In che mani saremo quando lui non ci sarà più?" non riesco a farmi passare questo senso di inquietudine mista a paura?

Perché il problema non è Berlusconi. Il problema è quell' "in fondo".

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

  • Di paolo (---.---.---.76) 27 ottobre 2011 16:05

    Uno schifo ! e perché ? guarda che il problema non è Silvio che scopa le mignotte ,il problema è il premier Silvio Berlusconi che bazzica ambienti dove meretrici ,fasulli e balordi di ogni genere ottengono favori in cambio dei servizi resi.Se Berlusconi scopa la Minetti buon per lui ,come uomo posso anche invidiarlo e quindi non mi meraviglio per nulla dei commenti al bar, ma non mi sta bene che in cambio del servizio regali la carica di consigliere regionale con stipendio a carico della collettività .Queste sono pratiche da califfato .
    Poi il giudizio morale lo lascio a chi lo vuole dare , mentre sul piano etico e su quello politico non si può accettare la mancanza di coerenza tra il proporsi come difensore dei valori della famiglia e poi mettere in pratica comportamenti assolutamente contrari .
    Infine , non ultimo ,esiste il problema del "decoro" istituzionale che impone comportamenti in linea con l’importanza della carica rappresentativa .

    Quindi quando Silvio tornerà alla sua vita privata può scopare anche le manguste a tutte le ore del giorno , come primo ministro la sua vita privata è anche pubblica e quindi deve rispondere a criteri di assoluto rigore comportamentale . Se non gli va bene che se ne vada .

    • Di Simone Fracassa (---.---.---.140) 27 ottobre 2011 16:42
      Simone Fracassa

      Certamente, lo schifo deriva dal fatto che a tenere il genere di condotta che abbiamo descritto è proprio una carica pubblica, come specificato all’inizio.
      E concordo anche quando dici "come primo ministro la sua vita privata è anche pubblica", un concetto, questo, che sembra faticare a entrare nella testa di alcune persone.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares