• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > All’estero si occupano della crisi e in Italia del processo breve

All’estero si occupano della crisi e in Italia del processo breve

La Germania ha fatto delle leggi e ha messo a disposizione contributi per dare una accelerata alla ripresa, dal settore dell'auto al settore agricolo cercando di tamponare l'emergenza; i risultati si vedono.

La Francia dal canto suo si sta adoperando a più non posso e Sarkozy si impegna fortemente tramite i propri ministri, anche se i risultati sono minori rispetto alla Germania non possiamo che fare i complimenti anche al Premier Francese.

Obama non ha bisogno di pubblicità perché chi segue regolarmente il Presidente degli Stati Uniti saprà perfettamente i contributi economici e non solo che sta mettendo sul piatto per il bene del paese e quindi non dico altro.
Spagna, Inghilterra, Svezia e altri ancora stanno cominciando a vedere la luce e noi?

Noi siamo impegnati a capire se la casa in cui abita Tulliani il cognato di Fini a Montecarlo è di sua proprietà o no.

Noi siamo impegnati a capire se possiamo permettere ai giudici che ne hanno chiesto prima l'arresto e poi l'utilizzo delle intercettazioni telefoniche a carico di Cosentino perché penalmente rilevanti ovviamente negando arresto e intercettazioni (grazie a Bossi e Berlusconi).

Noi siamo impegnati nuovamente a tempo pieno e velocemente a garantire un scudo giudiziario per il nostro amato premier Silvio Berlusconi.

Noi siamo impegnati a fare leggi che permettano al nostro amato premier di pagare una probabile multa da 8,6 milioni (il 5% della sanzione senza interessi) invece dei 350 milioni.

Noi siamo impegnati a reperire parlamentari di ogni colore per garantire vita ad un governo ballerino senza il supporto dei finiani.

Noi siamo impegnati a dividere i sindacati garantendo a imprenditori e manager mani libere.

Noi siamo impegnati a creare leggi ad hoc per creare più scompiglio possibile ai giudici.

E Bossi e Berlusconi?

Il primo pensa a mettere marchi leghisti nelle scuole per personalizzare il più possibile il territorio, alle banche perché come lui stesso ha detto tempo fa vuole piazzare i suoi uomini; il secondo invece non ha bisogno di commenti perché basta guardarlo in faccia.

Intanto il paese affonda: disoccupazione record, aziende in crisi, furti in aumento, suicidi per lavoro... E così via.

Termini Imerese a fine anno chiuderà su disposizone di Marchionne, il ministro per le attività produttive alias Scajola stava gestendo le trattative per rimpiazzare la Fiat, a parte il fatto che dopo 142 giorni non abbiamo ancora un ministro e visto il momento attuale di crisi economica non è il massimo, ma vedrete che arriveremo a fine anno e nessuno si sarà occupato del problema ma la colpa sarà dei soliti comunisti.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares