• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Algeria, sei mesi di carcere per una foto su Facebook

Algeria, sei mesi di carcere per una foto su Facebook

“No a un quinto mandato!”

Per aver pubblicato questa foto, scattata con un amico, sul suo profilo Facebook, il 7 febbraio Hadj Ghermoul – attivista della Lega algerina per i diritti umani e del Comitato nazionale per la difesa dei diritti dei disoccupati – è stato condannato dal tribunale di Mascara a sei mesi di carcere e a una multa per “offesa alle pubbliche istituzioni”.

Il “quinto mandato” è quello cui la coalizione di partiti al governo intende ricandidare, nonostante le precarie condizioni di salute, l’ottantunenne presidente Abdelaziz Bouteflika.

Ghermoul è stato fermato il 27 gennaio nella città di Tizi e portato in una stazione di polizia. È rimasto in cella due giorni.

Ghermoul ricorrerà in appello. Amnesty International ha chiesto l’annullamento delle accuse e l’immediato proscioglimento.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità