"(.. .)un Paese che non riesce a guardare avanti, perché resta prigioniero del proprio passato, (...)" /> "(.. .)un Paese che non riesce a guardare avanti, perché resta prigioniero del proprio passato, (...)" />

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Società > 12 dicembre 1969 - Il giorno dell’innocenza perduta

12 dicembre 1969 - Il giorno dell’innocenza perduta

12.12.1969 - 12.12.2009. Una strage di Stato. 40 anni di oblio.

v class="description">"(.. .)un Paese che non riesce a guardare avanti, perché resta prigioniero del proprio passato, dividendosi aspramente sull’interpretazione degli ultimi 50 anni di storia. Dandone spesso letture così contrapposte da essere quasi caricaturali, nella loro speculare faziosità. E chi prova a fare operazioni di verità, in un campo come nell’altro, resta sostanzialmente isolato" (G. Pellegrino, La guerra civile).

 
Il CESINT (www.cesint.org), in collaborazione con la Provincia di Roma, il Municipio Roma 6, la Casa del Cinema e Rai Teche propone un evento in occasione della giornata del 12 dicembre 2009 quando cadrà il 40ennale dalla Strage di Piazza Fontana (Milano, 12.12.1969) e degli attentati di Roma. Il progetto parte dalla necessità di tenere vivo il ricordo della strage e del periodo della cosiddetta “strategia della tensione”. L’intenzione è quella di fare del 12 dicembre il Giorno della Memoria proprio in un momento in cui, da molte parti, giungono avvisaglie di revisionismo ed abuso pubblico della storia.

L’evento si dipanerà fra incontri, dibattiti e proiezioni di film e cortometraggi in una “maratona”, dalle ore 15 fino alle 22, presso La Casa del Cinema (constatata l’idisponibilità del Nuovo Cinema Aquila nel Municipio Roma 6, abbiamo scelto una location altrettanto prestigiosa come La Casa del Cinema) sul cui palcoscenico si alterneranno magistrati, giornalisti, familiari delle vittime, artisti, testimonial, politici e cittadini sotto la regia del CESINT (il Centro Studi Strategici Internazionali condotto da Gianni Cipriani). A tal fine hanno già aderito, tra gli altri:

Roberta Serdoz (giornalista)
Elisabetta Margonari (giornalista)
Massimo Caviglia (giornalista)
Marco Spagnoli (critico cinematografico)
Riccardo Tozzi (produttore cinematografico)
Andrea Occhipinti (produttore cinematografico)
Enzo Porcelli (produttore cinematografico)
Renzo Rossellini (produttore cinematografico)
Luciano Sovena (A.D. Cinecittà Luce)
Giuseppe Narducci (magistrato)
Sergio Flamigni (storico e scrittore)
Antonino Intelisano (magistrato)
Oliviero Bergamini (giornalista)
Daniele Biacchessi (giornalista e attore)
Giovanni Fasanella (storico e scrittore)
Giulio Pelonzi (V.pres. Commissione Cultura Roma)
Nicola Zingaretti (Presidente Provincia di Roma)

Roberto Gualtieri (V.pres. Istituto Gramsci ed Eurodeputato)
Giammarco Palmieri (Presidente Municipio Roma 6)
Rosa Calipari (Deputato)
Silvio Di Francia (Giornalista)
Giuliana Sgrena (Giornalista)
Vauro (giornalista e vignettista)
Vincino (giornalista e vignettista)
Johnny Palomba (attore)
Gianni Minà (gironalista)
Pina Maturani (Presidente Consiglio Provinciale di Roma)
Serena Visintin (assessore legalità provincia Roma)
Marcella Lucidi (ex sottosegretario Min.Interno)
Tiziana Biolghini (delegta politiche handicap provincia Roma)
Marco Miccoli (Consigliere provinciale Roma)
Michele Placido (attore)
Davide Riondino (attore)

Avremo la proiezione de "La notte della Repubblica" di Sergio Zavoli grazie al contributo di RAI Teche.

A seguire una tavola rotonda dal titolo "Cinema e Terrorismo" ed un’altra tavola rotonda dal titolo "Legalità e Memoria".

A condurre la serata saranno Roberta Serdoz e Elisabetta Margonari, mentre siamo ancora in attesa delle adesioni di molti altri artisti.

Sarà quindi una giornata di testimonianze, letture, proiezioni, dibattiti, recitazione e molto altro. Nel progetto sono coinvolti anche RAI3, SKY, Radio Popolare, Radio Rai3 e la Regione Lazio.

Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox

Autore

Gianluca Santilli

Romano, 44 anni, papà di Maria Vittoria e Francesca Romana. Ho vissuto a Roma dove ho studiato, presso il Liceo Sc."Cavanis". Dopo essermi arruolato nell’ Arma ho vissuto per molti anni in Toscana. Mi sono laureato in “Scienze dell’Amministrazione” presso l’Università di Siena. Ho conseguito un master in “Tecniche di Comunicazione” presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Ferrara. (...)

Sito: Il blog di Gianluca Santilli


Profilo personale

Scrivi su AgoraVox !


Ultimi articoli dell’autore

Tutti gli articoli dell’autore

Articoli correlati

Società
Tutti gli articoli di questa rubrica



Palmares


Articoli più letti

  1. Due donne mentre andavano al lavoro a Kabul... video
  2. Sondaggi politici: calano M5S e PD
  3. L’Egitto produttivo in smobilitazione
  4. “Istifa”: in Turchia il vento di Gezi soffia ancora
  5. Il caso Jack Ma e il monopolio dell’uso dei dati
  6. Irlanda, lo sconvolgente rapporto sulle case per le madri nubili e i loro figli
  7. Crisi di governo: ecco i possibili scenari
  8. Musacchio: sulle scorie radioattive incombe il rischio mafie
  9. Colombia 20 anni dal massacro di El Chenque
  10. Crisi istituzionale in atto: gli elettori PD del marzo 2018 cosa contano?