• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > Berlusconi e la legge del più forte

Berlusconi e la legge del più forte

Con la nuova proposta di legge, il premier sembra ancora una volta perseguire i propri interessi nei limiti di quanto gli è possibile. Limiti sempre sempre più lontani, a causa del colpevole disinteresse degli Italiani

La nuova proposta di legge sulla prescrizione breve è un atto legittimo, perfettamente inquadrato in un sistema di valori consolidato. Un sistema più semplice e chiaro di quello in cui, ipocritamente, ci si ostina a parlare di democrazia e giustizia. I presupposti sono davanti agli occhi di tutti: la forza dirime le controversie e determina lo svolgersi dei rapporti umani.

 

Una forza che, a Napoli e Palermo, si esprime quando necessario a colpi di pistola. La strumento di potere di quelle organizzazioni, che si ramificano in tutto il mondo, come ci spiega Saviano nel suo celebre libro. Ma anche in quelle zone del meridione, dove la criminalità organizzata non ha interrasse a operare, vige la legge del più forte. Sarà quel dipendente comunale, che può decidere l’elezione di un parlamentare, facendo leva sull’ingenuità e sull’ignoranza. Oppure sarà qualcun altro a cui è stato allegramente delegato il potere. Risalendo verso il centro nord, la forza si esprime attraverso il denaro e le amicizie, a prescindere dal colore politico.

La nuova legge sulla prescrizione è chiaramente una manifestazione di forza. Il premier sa di essere abbastanza forte, da proporre una nuova legge che sembra fatta per se. Sa che gli italiani lo tollereranno, perché hanno altro a cui pensare, perché non capiscono bene, oppure perché in fondo in fondo lo ammirano. Alla fine, non fa altro che perseguire i propri interessi nei limiti delle sue possibilità. Limiti che da qualche tempo sembrano spariti, con il beneplacito della popolazione italiana.

Di chi è la colpa? Dell’uomo che fa quello gli torna utile, o del popolo che glielo permette? E’ inutile chiedere per chi suona la campana. Suona, inesorabilmente, per tutti noi.

 
 

Commenti all'articolo

  • Di pv21 (---.---.---.79) 13 novembre 2009 19:13

    Il Presidente della Consulta ha usato gli aggettivi "incostituzionale e imbarazzante". Casini non ha trovato di meglio che affermare che il male minore è la riproposizione del Lodo Alfano. Tutta l’Italia è ferma in attesa che l’Esecutivo riaffermi la supremazia su magistrati comunisti e a orologeria. La distanza è abissale dalle VOCI dentro l’eclissi di uomini esempio di dirittura morale, rigore ed impegno civile. E’ la FEBBRE del Tribuno che cerca di imporre (a tutti) le proprie regole ed interessi. Per un effetto domino la casta dei PRIMI super cives rivendica la perduta immmunità (o impunità?). E’ questa la democrazia del ghe pensi mi? Dove è finita la sovranità popolare? ... (x altro => http://forum.wineuropa.it )

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares