• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tempo Libero > Moda e tendenze > Moda Vox. Gli stilisti incontrano le catene di abbigliamento: Jimmy Choo (...)

Moda Vox. Gli stilisti incontrano le catene di abbigliamento: Jimmy Choo per H&M

Da circa cinque anni ormai i grandi stilisti collaborano una tantum per la grande distribuzione, che in termini monetari significa prezzi più bassi e un netto cambio della clientela. Iniziò Karl Lagerfeld nel 2004 con la sua collezione per H&M.
La sua non fu una bella esperienza, i pezzi della collezione andarono a ruba in poche ore, la casa di produzione decise di non rifornire i negozi e Lagerfeld si indignò. C’è da dire che se la prese anche perchè avevano deciso dalla casa madre di proporre gli abiti in più taglie, cosa che ha fatto inorridire il gotha della moda francese che ha tuonato "Io avevo concepito quegli abiti per persone magre e snelle" diciamo che aveva le sue ragioni, prima di rovinarsi con questa affermazione. Negli anni successivi anche Viktor&Rolf, Stella McCartney, Madonna e Comme Des Garcon hanno concesso il talento e spesso il loro nome ad H&M. Nel 2007 fu la volta di Roberto Cavalli, e delle lunghe code davanti agli store del marchio, per accaparrarsi il vestito più classico dello stilista, l’animalier stampato, a prezzi molto convenienti. Per non parlare delle star del cinema come Penelope Cruz e Milla Jovovich stiliste per “un giorno” per Mango.
Il 14 novembre, ma le maniache di shopping hanno già attivato il conto alla rovescia da un po’, sarà disponibile la collezione di Jimmy Choo, grandioso stilista malaysiano di calzature e non solo reso famoso da note serie tv, ma solitamente inavvicinabile causa prezzi da urlo e svenimento. Sul sito di H&M è già possibile dare uno sguardo alla collezione e segnare i pezzi che vorremmo aggiungere al guardaroba. Collezione interessante quella proposta dalla maison, con tanto di borchie, catene nei bracciali, scarpe e sandali in pelle, top total nero o blu sgargiante, pantaloni di pelle. In piena linea con le tendenze (notato l’ultima collezione di Patrizia Pepe?) seguendo i gusti dei clienti abituali dei negozi.
Insieme agli avvisi “i prodotti in serie limitata potrebbero finire molto presto” c’è anche il regolamento riguardo la coda fuori dal negozio: i primi 160 clienti saranno dotati di braccialettino e di un tempo massimo per fare shopping nel reparto accessori. Chiaramente possedere un posto non garantisce la riuscita dell’esperienza, ma i limiti riguardano anche i capi acquistabili, uno per tipo e uno per taglia a cliente, insomma non si possono fare le scorte per i tempi bui. Limiti anche per quanto riguarda le città in cui si potrà trovare la collezione in Italia: Milano, Bologna, Firenze, Roma, Bari.
Ma un altro esponente della moda francese Jean Paul Gaultier quest’anno ha inglobato nella collezione un marchio storico del jeans easy wear, ovvero Levi’s che per la sfilata è stato rimaneggiato, incrociato, rimodernato con il classico stile alla marinara sempre amato dallo stilista.
Ed ora veniamo al settimanale consiglio di stile, questa volta ho deciso di prendere spunto da tutte, o molte, collezioni realizzate per i marchi in franchising e creare dei look completi. Insomma se vi perdete le aperture, le code o se non potete spendere una follia per un jeans Gaultier, se non siete tra le fortunate ad avere un capo Cavalli strappato lottando con una sciacquetta da H&M potete sempre correre ai ripari così:
Da sinistra:
Maglia American retro a righe 69,00 euro
Scarpe blu Vivienne Westwood Anglomania+ Melissa 49,00 euro
Maglia bianca Ester Diaz 59,00 euro
Stivali Wellington Alima 32,00 euro
Jeans Levi’s 471 bootcut 99,00 euro e 572 89,00 euro
Shopper Zaum per Coin 65,00 dollari
Berretto in lana con stella Sara Rotta Loria 29,00 euro
Orecchini Cath Kindston a stella blu 14,12 euro
 
 
Abito Topshop con fantasia zebrata 35,00 sterline
Pochette Paul’s Boutique 35,29 euro
Scarpe open toe con inserto verde Poetic Licence 45,00 euro
Minigonna Asos bluette 29,41 euro
Leggings Numph fantasia 35,29 euro
Cardigan a kimono La Nenette 42,00 euro
Anello d’oro 14 carati House of Harlow 31,76 euro
Stivaletti stringati grigi La soffitta di Gilda 78,00 euro
Bracciali argento Asos 8,24 euro
Sempre da sinistra:
Abito giallo e nero Amaya Arzuaga 155,00 euro
Cardigan nero con frange Topshop 55,00 Sterline
Stivali bassi Antik Batik 79,00 euro
Gonna di pizzo Patrizia Pepe Outlet 62,00 euro
Clutch gialla Oasis 41,18 euro
Bracciale Statement con punte 11,76 euro
Piumino corto da biker Cache Cache 39,90 euro
Orecchini a catenella con pietre gialle Asos 8,24 euro
 
 
Borsetta con fiocco Puerco Espin
Maglia collo alto Pepe Jeans 45,00 euro
Gonna a palloncino Koan 59,90 euro
Berretto in lana tre colori Conte of Florance 28,00 euro
Cappotto in lana Puerco Espin
Berretto blu con fiocco Marc Jacobs 98,00 euro
Collana Bow Asos 9,41 euro
Stivali scamosciati Claudia Suede 94,12 euro
Abito luccicante Compagnia Italiana 79,00 euro
Scarpa con laccetto e cuori rossi Tuk 32,00 euro

Commenti all'articolo

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares