• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > La Fao e le sue responsabilità sulla fame nel mondo

La Fao e le sue responsabilità sulla fame nel mondo

Pochi minuti fa, vedo per la prima volta in TV uno spot a cura della FAO, l’organizzazione faraonica che da 50 anni afferma di combattere la fame nel mondo, con l’incoraggiante risultato che gli affamati sono aumentati e ormai raggiungono il miliardo.

Ecco il testo: “investire in agricoltura significa salvare vite”.

La genericità dell’affermazione mi lascia sbalordito. Oggi il frutto dell’agricoltura, il cibo, arriva dove ci sono i soldi per comprarlo, ossia agli obesi dell’occidente, non arriva a chi muore di fame, tanto è vero che le eccedenze del mercato si buttano, perché sarebbe troppo costoso farle arrivare ai veri affamati.

Non solo, ma le multinazionali che investono in agricoltura nei paesi poveri, utilizzando le terre migliori e trattando i dipendenti da schiavi, sottraggono a questi paesi terre e risorse alimentari importanti, in cambio di salari da fame.

Il problema, che la FAO non ha il potere di risolvere, ma che potrebbe denunciare, è quello di fare in ogni nazione un programma di autosufficienza alimentare, distribuendo le terre ai contadini in piccole proprietà coltivabili da una famiglia, con metodi e colture tradizionali, per il consumo interno e non per esportazione.

A questo si dovrebbe affiancare una martellante campagna di contenimento delle nascite, mettendo a disposizione gratuitamente la “pillola del giorno dopo” che le donne possono usare riservatamente senza chiedere l’autorizzazione a nessuno, e istituendo una pesante tassazione alle coppie che generano più di due figli.

Senza questa strategia, è un cinico inganno parlare di risolvere il problema della fame.

Se conosceste come me la vita che fanno i dipendenti della sede mondiale della FAO che sta a Roma, che ho frequentato perché avevo due amici che ci lavoravano, sareste ancora più scettici.

Ho detto che i miei amici lavoravano ma non è vero (prendevano un profumato stipendio), passavano il tempo girellando per questa magnifica sede, con un meraviglioso terrazzo panoramico (sulla passeggiata archeologica e sul circo massimo), dove è funzionante una imponente e fornitissima tavola calda, impegnati a prendere il sole e a rimorchiare straniere. Ogni sera uscivano con grandi buste di cartone portando via gli acquisti fatti allo spaccio interno, fornitissimo di ogni ben di Dio proveniente da tutti i paesi del mondo.

Il problema della fame la FAO l’ha risolto solo per i suoi dipendenti, a spese dell’ONU. Vi è anche un altro aspetto, che è notissimo a chi ci sta dentro, che è un covo di spie di tutte le nazioni, in quanto lo status di funzionario FAO offre molta libertà di muoversi in ogni paese e dà l’accesso a informazioni sull’economia e le risorse, cose che è più semplice sapere infiltrando agenti fra i dipendenti del vecchio carrozzone.

Commenti all'articolo

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares