• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > Il posto fisso di Tremonti e la crisi. Che cosa insegnano i suicidi di (...)

Il posto fisso di Tremonti e la crisi. Che cosa insegnano i suicidi di France Telecom

L’altroieri il Ministro Tremonti ha scoperto l’acqua calda. Ha detto che crede nel “posto fisso” di lavoro, cioè crede che il contratto di lavoro a tempo indeterminato sia meglio della mobilità. Bella scoperta, si potrebbe non troppo educatamente osservare, se non fosse che proprio adesso (e non tanto al tempo dell’approvazione della Legge Biagi che sancisce la mobilità) ci si accorge come la precarietà, la paura di essere lasciati a casa, in cassa integrazione o addirittura licenziati è uno spettro più tangibile che mai. 

E neppure nei Paesi a noi più prossimi, come ad esempio la Francia, la situazione non è migliore, anzi. Chi scrive vuole ricordare i 25 suicidi nel giro di due anni a Telecom France. Il venticinquesimo è accaduto proprio la scorsa settimana quando un dipendente di France Telecom, da un mese in malattia su consiglio del medico curante, si è impiccato nella sua casa di Lannion, cittadina della Bretagna.
 
I sindacati dell’azienda francese che si sono riuniti proprio ieri 20 ottobre, hanno sollecitato il management a discutere e porre un rimedio allo spinoso problema dello “stress da lavoro”. Dove per “stress” si intendono i ritmi di lavoro divenuti non soltanto umanamente insostenibili, ma anche logoranti in quanto continuamente sottoposti al ricatto psicologico della minaccia di licenziamento.
 
Sono due mesi che gli stessi sindacati sollecitano l’azienda a una riorganizzazione, una volta per tutte, che comporti la modifica dei contenuti e delle condizioni di lavoro. In risposta i giorni scorsi l’azienda, nella persona del suo direttore Didier Lombard, pare abbia ribadito che i dipendenti sono molto amati, anzi sbagliano a pensare che non li si ami più. Però, spiega ancora il dirigente, “i nostri dipendenti sbagliano quando investono tutto nel proprio lavoro e del lavoro hanno l’idea che sia come una grande famiglia dalla quale ci si aspetta anche affetto e riconoscimento.
 
Ma come? Viene da chiedersi, non è forse valsa fino ad ieri, e ancora oggi in certi luoghi di lavoro, la valorizzazione dell’azienda come una famiglia? Viene il dubbio che questa concezione sia buona nei momenti di elevata produttività, quando cioè il lavoratore è invogliato anche affettivamente a trascorrere più tempo in azienda, a fare gli straordinari, a spendersi il più possibile.
 
Ma poi, in tempi di magra, lo si colpevolizza perché ama talmente troppo il suo posto di lavoro da rinunciare ad una propria vita privata. E tale cambiamento di indirizzo riguarda pure molte nostre aziende e quasi tutti i Paesi colpiti dalla crisi economica .
 
L’azienda più colpita dai suicidi dei suoi dipendenti, France Telecom, ha inviato a tutti un questionario: una cinquantina di domande di ordine generale sul carico di lavoro e relativo riconoscimento, sul senso stesso del lavoro e sulla personale autonomia. A queste seguono poi altre 120 domande più specifiche che dovrebbero servire a capire quanto pesano la dislocazione e la mobilità nonché la considerazione che ciascuno ha della figura del capo: se sia anch’egli sottoposto alle pressioni del management o se al contrario disponga di una relativa autonomia.
 
Ci ri-pensi dunque il Ministro Tremonti. O quanto meno voglia spiegare meglio il suo pensiero che appare decisamente un po’ “fuori moda”.
 

Commenti all'articolo

  • Di Mari (---.---.---.111) 21 ottobre 2009 11:27

    Tremonti, hai scoperto l’acqua calda?????

  • Di pv21 (---.---.---.219) 21 ottobre 2009 12:46

    Prima "far sognare" e poi "mostrare compassione" non costa nulla e fa consenso. Le Banche che non sottoscrivono i Tremonti bond sono cattive perchè non aiutano le piccole imprese e le famiglie. Le Industrie che non valorizzano il posto fisso sono cattive perchè lasciano a piedi cococo, precari e subfornitori. La storia de Il Barbiere ed il lupo dice quanto consenso c’è intorno alla paura e dove si può arrivare per trovare sicurezza. (c’è di più => http://forum.wineuropa.it

  • Di Damiano Mazzotti (---.---.---.222) 21 ottobre 2009 13:07

    In Italia è facile prendere per il culo dei cittadini con livelli di civiltà limitati e infantili...

    Bastano delle belle e buone parole e niente fatti e cose concrete...

    Gli italiani sono stati abituati a questa situazione dai preti fin da bambini e non trovano nulla di strano in questo....

  • Di Rocco Pellegrini (---.---.---.3) 22 ottobre 2009 00:33

     Il mito del posto di lavoro fisso è un mito del secolo passato che non ha senso alcuno nella società globalizzata. Tremonti di sciocchezze ne dice almeno 10 a settimana e questa è senz’altro una delle più grandi.
     Quel che bisogna fare se si vuole veramente modernizzare l’Italia è creare un sistema di protezione sociale che sia in grado di assistere tutti quando il lavoro viene perduto nella fase di ricerca di uno nuovo. Pensare di tornare al passato è semplicemente ridicolo, sarebbe come proporre di tornare alla religione degli dei falsi e bugiardi pagani. Abbiamo bisogno di una società più dinamica, capace di comporsi e scomporsi con facilità ,soprattutto nel lavoro, ed equilibrio altro che posto fisso, che è un chimera che appartiene a società più rigide, in via d’estinzione.
     Ecco perchè è una bufala di mezz’autunno di un professore ministro tanto saputo quanto incapace.
     

    • Di virginia (---.---.---.172) 22 ottobre 2009 11:31

      Concordo pienamente con Rocco. Ma a chi va il compito di adattare i contratti di lavoro al nuovo modello di sviluppo globalizzato? Ai sindacati, all’impresa, ad entrambi in accordo?
      Che cosa si propone attualmente?
      Stiamo a vedere come i sindacati e France Telecom risolvono ( o tentano di risolvere) la questione, stiamo a vedere oppure... vediamo se le nostre competenze in materia riescono a far fronte alla globalizzazione del lavoro.

  • Di Damiano Mazzotti (---.---.---.148) 22 ottobre 2009 10:15

    Rocco è stato dettagliato: la concorrenza mondiale ci impone certe strade... almeno finchè non collasserà l’intero modello di sviluppo deregolamentato...

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares